Che differenza c’è tra fibra e ADSL?

ADSL e fibra ottica sono due protagoniste invisibili della vita nelle nostre case e nei nostri uffici e l’ausilio di modem specifici ci consente di ottenere dei servizi aggiuntivi e ottimizzarne le prestazioni. La legislazione corrente consente di utilizzare un dispositivo a nostra scelta e che si adatti meglio alle nostre esigenze senza dover pagare l’affitto del modem dato in dotazione dalla compagnia telefonica. Modem Fibra Frontale LatoCerchiamo di tracciare le differenze tra ADSL e fibra ottica e tra i dispositivi ad esse associati.

Le principali differenze tra ADSL e fibra

L’ADSL viaggia su una linea in rame e si connette al modem attraverso i cosiddetti doppini, in modo simile alla linea telefonica classica, mentre nel caso della fibra i filamenti in vetro e polimeri della plastica passano su tracce diverse a livello di strada e presentano un apposito attacco nel muro.
L’ADSL può raggiungere nominalmente la velocità di 20 Megabit al secondo in ricezione e 1 Megabit al secondo in trasmissione, performance di tutto rispetto per una tecnologia già presente da molti decenni sul mercato. Con una tale velocità e un modem ADSL che supporti la tecnologia VoIP potrete ad esempio fare telefonate attraverso il computer o utilizzando un apposito dispositivo telefonico, risparmiando in questo modo sulla bolletta. Modem Dettaglio CavoLa fibra ottica ha invece velocità molto variabili, che possono essere in media il doppio dell’ADSL, ma arrivare anche a dieci volte tanto se sfruttata pienamente. A questo proposito è importante fare una distinzione tra fibra FTTC e fibra FTTH.

Le tecnologie in fibra ottica FTTC e FTTH

Le tecnologie principali delle connessioni in fibra si dividono a loro volta in fibra pura (FTTH) e mista (FTTC), che gli operatori telefonici sono ora obbligati a differenziare, anche per la diversità tecnologica e di resa che il servizio offre.
La fibra FTTH, Fiber To The Home, connette direttamente l’appartamento o lo stabile ai cavi della fibra ottica, necessitando di tecnologie di collegamento e infrastrutture più sofisticate. La connessione FTTH non è sempre disponibile su tutto il territorio e tradizionalmente è più comune trovarla nelle zone adibite a uffici nelle grandi città. La velocità che può raggiungere questa connessione arriva fino a 1 Gigabit al secondo.
Essendo questo tipo di connessione di più difficile cablaggio, molti network in fibra avvengono grazie alla tecnologia FTTC, ovvero Fiber To The Cabinet, che connette i cavi fino a una certa posizione nelle aree urbane dove poi viene piazzata una centralina comune che serve una determinata zona. A partire dalla centralina partono poi i cavi in rame fino alle abitazioni, rendendo di fatto il tipo di connessione mista. La velocità in FTTC si attesta tra i 100 e i 200 Megabit al secondo se cablata nelle condizioni ottimali. Esistono anche delle tecnologie intermedie, come il sistema FWA o i più recenti VDSL e EVDSL, che consentono una connessione a misto rame. Può capitare che questo passaggio di tecnologie nella vostra abitazione sia già accaduto e sarebbe utile controllare che il modem che state utilizzando sfrutti appieno le potenzialità del vostro piano tariffario.Modem Retro PorteAccade anche che gli utenti optino per il passaggio di tecnologia convinti da qualche offerta, ma non dispongano del modem adeguato per poterne fruire pienamente. A tal proposito esistono sul mercato modem che supportano qualsiasi tipo di tecnologia, ADSL, ADSL 2, ADSL 2+, VDSL e EVDSL, oltre alle già citate funzioni di chiamate VoIP. Un modem di questo tipo può garantire una certa longevità di utilizzo e spesso i modem FTTC e FTTH consentono anche l’utilizzo delle altre tecnologie.

Quando conviene installare la fibra e quando l’ADSL?

L’installazione della fibra pura in FTTH, come abbiamo detto, può avvenire soltanto sotto specifiche condizioni relative alle infrastrutture e la consigliamo soltanto se siete titolari di un’azienda, se avete molti dati in uscita (per esempio anche nell’upload professionale di grossi file in FTP) o se avete bisogno di connettere un gran numero di terminali. In quel caso dovrete contattare gli erogatori dei servizi per prendere un appuntamento e verificare se le infrastrutture possono accogliere l’installazione dei cavi. Questo tipo di cablaggio non è sempre di immediata realizzazione: le istituzioni comunali vengono coinvolte nei lavori ed è necessario scavare apposite trincee.
È inoltre possibile selezionare autonomamente il proprio modem per massimizzare le prestazioni della linea o un modem/router per poter condividere la linea in base agli uffici e dei ripetitori Wi-Fi, powerline o dispositivi che utilizzano la tecnologia Mesh, specialmente se si tratta di stabili grandi o a più piani.
Va precisato che questo tipo di informazioni va controllato contrattualmente con il gestore presente sul territorio, per capire quale tipo di prodotto faccia al caso vostro. In Italia e in Europa l’uso della fibra a misto rame sta gradualmente prendendo il posto dell’ADSL e di altri tipi di tecnologie intermedie, come i già citati sistemi FWA, VDSL e EVDSL, ma l’uso della connessione internet in fibra mista FTTC può essere realmente fruibile in tutta la sua velocità soltanto se la centralina di riferimento è abbastanza vicina alla vostra abitazione.
Modem Dettaglio Cavo DSLPer calcolare la velocità che otterremmo in base alla distanza della centralina esistono programmi e siti appositi. Se la distanza supera i 2 chilometri la velocità è sostanzialmente la stessa dell’ADSL e il gestore è obbligato a non definirlo un cablaggio in fibra. Queste distanze sono variabili in base al vostro immobile e alla situazione della vostra area di residenza, possiamo però dirvi che con una centralina a 300-500 metri l’upgrade nella velocità è già sostanziale. Possiamo nuovamente consigliarvi di chiedere chiarimenti ai gestori che operano sul vostro territorio e controllare se il modem che avete in dotazione è aggiornato e supporta la tecnologia menzionata nel vostro contratto. Se la fibra FTTC andrà utilizzata per un ufficio controllate anche in questo caso se è possibile contrattualmente dotarvi di un modem per fibra ottica e un router per poter ottimizzare le prestazioni, la potenza e la posizione del segnale all’interno dello stabile.

Quale modem acquistare?

Cambiare modem si rivela una scelta vincente se volete approfittare appieno della velocità della vostra linea. Sul territorio italiano, ma generalmente in tutta Europa, ci sono molti cablaggi di tipo misto in FTTC che consentono di fatto la connessione in fibra anche attraverso un modem con i doppini per l’ADSL. All’acquisto del modem potreste selezionare un prodotto che supporti già la tecnologia FTTH di fibra pura, ottimizzando così la spesa per il futuro. Considerate che l’installazione di un modem, sia in ADSL che in combinazione con VDSL e EVDSL, con tecnologia Supervectoring 35b, così come in fibra pura, può incrementare di molto le prestazioni e l’acquisto è generalmente consigliato se la velocità reale della vostra linea è insoddisfacente e di molto inferiore rispetto a quella indicata dal vostro contratto. Anche in caso di problemi di stabilità del segnale e continue disconnessioni sarebbe il caso di controllare le funzionalità del modem in dotazione ed eventualmente cambiarlo. Ripetitore Frontale Tasto WPSUn prodotto Dual Band, che divide e ottimizza il segnale del Wi-Fi su due bande differenti evitando interferenze, potrà prevenire la disconnessione improvvisa dei vostri dispositivi dalla rete. Se invece avete problemi di ampiezza di segnale, ad esempio in appartamenti grandi, con molti corridoi o muri spessi, considerate anche all’acquisto di un ripetitore Wi-Fi.


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato