Le migliori calcolatrici scientifiche del 2022

Confronta le migliori calcolatrici scientifiche del 2022 e leggi la nostra guida all'acquisto.

Amazon
199,99 €
Amazon
23,90 €
Amazon
29,99 €
Amazon
14,99 €
Amazon
8,50 €
Bytecno
27,50 €
Punto rigenera
19,88 €
Punto rigenera
14,30 €
Giodicart
29,98 €
Monclick
19,89 €
3C Supplies
15,77 €
Punto rigenera
32,87 €
3C Supplies
20,10 €
World office
18,92 €
Pensashop
32,88 €
evostore
20,89 €
ClicOffice
20,98 €

Alimentazione

Batteria

Batteria ed energia solare

Batteria ed energia solare

Batteria ed energia solare

Batteria

Funzioni

100

552

n.d.

250

56

Cifre per riga

14

15

16

16

10

Ammessa a esami di maturità

Notazione

RPN, algebrica

Algebrica

Algebrica

Algebrica

Algebrica

Archiviazione dati

Programmabile

Scrittura naturale

Punti forti

Calcoli RPN o algebrici

Display naturale ad alta risoluzione

Scrittura calcoli come su libro di testo

Display a due righe

Custodia rigida scorrevole

30 kb di memoria utente

Possibilità di utilizzare fogli di calcolo

Custodia inclusa

Ottima leggibilità

Ideale per studenti

Display a due righe

Ricarica a batteria ed energia solare

Display a 4 righe per inserire più calcoli

Disponibile in 9 bellissime colorazioni

Programmazione dei tasti

Ottimo numero di funzioni

Coperchio rigido a scorrimento

Punti deboli

Celle solari un po' deboli

Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa

Come scegliere la calcolatrice scientifica

Che siate liceali o studenti universitari alle prese con discipline scientifiche è praticamente certo che prima o poi avrete bisogno di una calcolatrice. Questo genere di apparecchi è infatti indispensabile per effettuare alcune semplici operazioni matematiche, invece per svolgere calcoli di statistica piuttosto elaborati è necessaria una tipologia di calcolatrici dotata di funzioni più specifiche. Stiamo parlando di quelle scientifiche.

A cosa serve la calcolatrice scientifica?

Le calcolatrici scientifiche consentono di affrontare i calcoli avanzati tipici di materie quali matematica, fisica e ingegneria. Si tratta di prodotti non pensati per le operazioni basilari della vita di tutti i giorni, ma appunto per chi studia queste materie e deve effettuare calcoli ben più complessi come operazioni di trigonometria (seno, coseno etc.), il calcolo di logaritmi e delle radici, oppure le funzioni statistiche.
calcolatrice scientifica
Naturalmente sono progettate per essere utilizzate da utenti abbastanza competenti, tuttavia in commercio si possono trovare tanti modelli e non è facile scegliere quello più adatto alle proprie esigenze. Esistono diversi fattori da considerare per acquistare lo strumento ideale ed evitare di sceglierne uno troppo elaborato per le proprie conoscenze oppure uno senza abbastanza funzioni per effettuare calcoli di livello elevato. In questa guida all’acquisto vedremo insieme i principali aspetti da valutare per non commettere errori di questo tipo.

Funzioni

Uno dei fattori più importanti da esaminare prima di procedere all’acquisto di una calcolatrice scientifica è sicuramente quello relativo al numero e alla tipologia di funzioni di calcolo di cui è dotata. Non è difficile comprendere perché questo aspetto possa risultare determinante: ogni studente ha esigenze differenti in termini di calcolo e dunque ha bisogno di un modello capace di svolgere operazioni con un diverso grado di complessità. La varietà delle funzioni di cui si può usufruire dipende in buona parte dalla fascia di prezzo a cui appartiene il modello che si desidera acquistare. Un prodotto economico può disporre di circa 100-150 funzioni, uno di fascia media può contenere tra le 150 e le 500 funzioni, mentre un apparecchio di fascia superiore è in grado di svolgere oltre 500 funzioni differenti.
calcolatrice scientifica funzioni
Senza entrare troppo nello specifico, possiamo dire che queste ultime variano dalla semplice immissione delle frazioni alla modalità equazioni, fino alla logaritmica. Si tratta quindi di un ventaglio che può essere più o meno ampio e perciò soddisfacente per livelli di difficoltà assai variabili.

Display

Il tipo di display di cui è dotata una calcolatrice scientifica è importante per numerose ragioni. In primo luogo una buona qualità dello schermo ne semplifica e migliora l’utilizzo. Può apparire banale, ma avere a disposizione un dispositivo che mostri in modo chiaro le cifre è fondamentale per svolgere le operazioni in modo rapido ed efficace. Basti pensare che in ambienti con molta luce talvolta si fa fatica a distinguere i numeri mostrati sul display.
A questo aspetto visivo occorre aggiungere il fatto che esistono calcolatrici scientifiche con schermi di varia grandezza, il che influenza la complessità dei calcoli che è possibile effettuare. Esistono calcolatrici con display a riga singola, che quindi mostrano solo una riga di numeri, e calcolatrici a due righe.
calcolatrice scientifica display
Altro elemento interessante è il numero di cifre per riga, anche questo collegato alle dimensioni del display. Lo standard è di 12 caratteri per riga, ma per numeri complessi, lunghi o molte cifre decimali è meglio orientarsi verso modelli con 15 o 16 cifre.
Rimanendo in tema leggibilità, è interessante ricordare la tecnologia di scrittura naturale, che mostra i calcoli come se fossero scritti sul libro di testo. Questo agevola lo svolgimento delle operazioni perché consente di avere sempre davanti agli occhi l’equazione o la funzione matematica nella sua interezza, senza correre il rischio di dimenticare i passaggi precedenti. Il nome cambia a seconda del produttore (WriteView per Sharp, Display naturale per Casio, Text Book Display per HP), ma tutti i modelli dotati di questa tecnologia hanno in comune il fatto che le operazioni sono visualizzate su quattro righe anziché una o due. calcolatrice scientifica writeview
In sostanza quindi la scelta di una calcolatrice scientifica passa inevitabilmente attraverso un’attenta analisi del display.

Alimentazione

Passiamo ora al terzo fattore da tenere in considerazione nella scelta della calcolatrice scientifica ideale, quello che riguarda l’alimentazione dell’apparecchio. Questo aspetto non incide in alcun modo sulla capacità di svolgere operazioni, ma ha un impatto abbastanza significativo sulla praticità. In genere le calcolatrici scientifiche sono alimentate a batteria, perlopiù le classiche batterie a bottone. Questa tipologia consente una lunga durata di funzionamento, specialmente con i modelli con un display piuttosto essenziale. Alcuni modelli hanno una doppia alimentazione: a batteria e a energia solare. Questa caratteristica da un lato consente di scegliere se utilizzare la batteria oppure affidarsi alla sola ricarica attraverso luce solare, dall’altro lato aumenta l’autonomia del dispositivo in caso la batteria si scarichi mentre si sta utilizzando la calcolatrice. Tra i modelli di fascia alta ve ne sono inoltre alcuni particolarmente elaborati che offrono la possibilità di ricaricare la calcolatrice con un cavo USB. Non sempre, tuttavia, il cavo è fornito in dotazione.
calcolatrice scientifica alimentazione

Altre caratteristiche

Dopo aver passato in rassegna gli aspetti più importanti da considerare prima dell’acquisto di una calcolatrice scientifica, passiamo ora ad analizzare alcuni parametri secondari che vale comunque la pena controllare.

Dimensioni e peso

Benché non possano sembrare elementi molto significativi per scegliere una calcolatrice scientifica adatta alle proprie esigenze, anche le dimensioni e il peso possono giocare un ruolo abbastanza importante nel momento dell’utilizzo. Un dispositivo molto ingombrante risulterà, infatti, poco maneggevole e scomodo sia da riporre che da tenere sul banco o sulla scrivania mentre si stanno effettuando esercizi di calcolo. Abbiamo notato che i prodotti che si possono trovare attualmente in commercio presentano delle dimensioni tutto sommato simili. Una calcolatrice scientifica misura in media 7,5 cm di larghezza, 1,5 cm di spessore e 15 cm di lunghezza. Per quanto riguarda il peso, possiamo invece affermare che si aggiri generalmente intorno ai 100 g. È raro trovare modelli che pesino di più e, in tal caso, bisogna effettivamente considerarne il peso per valutare il reale livello di maneggevolezza dell’apparecchio, magari combinando questo dato con quello relativo alle dimensioni.

Archiviazione

Questo fattore è relativamente importante soprattutto per coloro che desiderino tenere traccia dei calcoli utilizzati più di frequente con la propria calcolatrice scientifica. Non tutti i modelli in commercio possono vantare questa caratteristica, ma la maggior parte dei prodotti di fascia medio-alta ne è dotata. Ogni apparecchio dispone di una differente capacità di archiviazione, indicato in KB o con il numero di variabili che la calcolatrice è in grado di memorizzare.
Per scegliere la calcolatrice più adatta alle proprie esigenze è quindi bene considerare se si abbia il reale bisogno di archiviare dati e in quale quantità. Per intenderci: uno studente di liceo scientifico potrà probabilmente accontentarsi di un prodotto di fascia bassa o media, dunque senza spazio di archiviazione o senza una memoria particolarmente ampia, mentre un ricercatore in matematica, fisica o finanza potrebbe optare per un dispositivo dalla tecnologia più avanzata e quindi in grado di memorizzare le operazioni più utilizzate.

Accessori

La maggior parte delle calcolatrici scientifiche è venduta senza alcun accessorio in dotazione. Quest’ultimo fattore è quindi da considerarsi marginale rispetto a quelli visti finora. Tuttavia si possono trovare sul mercato dei dispositivi a cui vengono associati degli accessori che possono aumentarne la praticità. In particolare segnaliamo che alcuni modelli dispongono di una comoda custodia rigida per il trasporto e, in particolare, per evitare che un eventuale urto li danneggi in modo più o meno grave. Un altro accessorio che si può trovare in dotazione a una calcolatrice scientifica è il cavo micro USB. Questo componente è fornito soltanto con gli apparecchi, di solito di fascia medio-alta, che si possono collegare al PC.calcolatrice scientifica custodia

Le domande più frequenti sulla calcolatrice scientifica

Quanto costa una calcolatrice scientifica?

Per riuscire a trovare la calcolatrice scientifica ideale per l’utilizzo che se ne intende fare il prezzo è certamente un fattore da valutare con attenzione. A seconda delle necessità individuali si possono infatti scegliere prodotti appartenenti a una fascia di prezzo piuttosto che a un’altra. Uno studente di liceo scientifico può probabilmente optare per un modello con funzioni abbastanza essenziali, dunque relativamente economico. Un ricercatore in statistica avrà certamente bisogno di una calcolatrice dalle performance elevate e dovrà acquistare un prodotto di fascia alta.
Anche in seguito allo sviluppo delle nuove tecnologie informatiche, le calcolatrici scientifiche sono articoli generalmente non molto costosi. Per acquistare un modello piuttosto semplice possono bastare anche soltanto 15-20 €. A questa cifra si può solitamente acquistare un apparecchio dotato di display da 1 a 2 righe, mentre per acquistarne uno più complesso, con funzioni più avanzate o maggiore spazio di memoria, occorre spendere anche più di 100 €. Il nostro consiglio è quello di valutare molto bene le reali esigenze per evitare di indirizzarsi verso un prodotto troppo funzionale (e quindi troppo costoso) oppure inutilizzabile per effettuare operazioni complesse (dunque eccessivamente economico).

Quali sono le migliori calcolatrici scientifiche?

Sul mercato si possono trovare calcolatrici scientifiche prodotte da moltissime aziende. Come per la gran parte degli apparecchi elettronici in commercio, la marca può essere di sicuro una garanzia di qualità. Quando si acquista una calcolatrice Casio, HP, Sharp o Texas Instruments si ha la certezza di avere a disposizione un ottimo strumento. Si avrà inoltre la certezza che molte delle calcolatrici appartenenti a questi brand siano tra quelle incluse dal Ministero dell’Istruzione nella lista di modelli ammessi agli esami di maturità, mentre lo stesso non si può dire dei brand poco conosciuti. In linea di massima vi sconsigliamo di acquistare una calcolatrice scientifica prodotta da un’azienda sconosciuta. Ad esempio i modelli a ricarica solare potrebbero ricaricarsi più lentamente o con più difficoltà, mentre lo schermo potrebbe mostrare le cifre in modo non molto chiaro, soprattutto quando si è esposti a una luce abbastanza intensa.

Quali calcolatrici scientifiche sono ammesse agli esami di maturità?

Il MIUR aggiorna regolarmente la lista di calcolatrici ammesse alla seconda prova per escludere i modelli che agevolerebbero eccessivamente gli studenti. I modelli esclusi sono perlopiù calcolatrici grafiche con CAS (un programma di fatto in grado di risolvere gli esercizi per i candidati), mentre per le calcolatrici scientifiche (più essenziali e prive di collegamento Wi-Fi) non vengono inclusi i modelli di brand minori, le cui caratteristiche sono più difficilmente tracciabili. Per essere sicuri che il modello in vostro possesso sia tra quelli consentiti durante gli esami di maturità, vi consigliamo di consultare il più recente elenco fornito dal MIUR.

Cosa sono le calcolatrici scientifiche non programmabili?

Come abbiamo appena detto, agli esami di maturità (ma solitamente anche universitari) non è consentito usare calcolatrici che facilitino troppo la risoluzione degli esercizi, mentre i modelli programmabili (disponibili perlopiù tra le calcolatrici grafiche) fanno proprio questo. Sono dotati di programmi basilari e permettono anche di creare dei programmi personalizzati per risolvere più facilmente le operazioni più complesse. Il tutto può essere fatto dal proprio computer e poi caricato sulla calcolatrice.

Calcolatrice scientifica o grafica?

Le calcolatrici grafiche, a cui abbiamo dedicato una guida all’acquisto separata, sono prodotti più costosi, progettati per effettuare calcoli complessi e rappresentare grafici di funzioni su uno schermo a colori. Non sono adatte agli studenti delle superiori o dell’università, che non hanno bisogno di operazioni così avanzate, e del resto sono vietate durante gli esami a meno che non siano prive di CAS.

Cosa sono le calcolatrici scientifiche con RPN?

La maggior parte delle calcolatrici scientifiche attualmente in commercio utilizza il comune sistema algebrico basato su notazione infissa, che permette di digitare le operazioni matematiche nell’ordine in cui le si scriverebbe su un foglio, ad esempio: 5 + 5. Nel sistema algebrico, per stabilire l’ordine di esecuzione delle operazioni complesse sono inoltre necessarie le parentesi. Invece nella notazione postfissa, meglio conosciuta come notazione polacca inversa (o RPN, Reverse Polish Notation), si inseriscono prima i numeri e poi il segno matematico (5 5 +) e non si includono le parentesi. calcolatrice scientifica rpnAd esempio, un’operazione che su una calcolatrice scientifica tradizionale viene digitata come 6 + (5 x 2), in quella con RPN diventa 6 5 2 x +. Tutto questo elimina i problemi legati alle parentesi e alla precedenza degli operatori (moltiplicazione prima dell’addizione etc.). Si tratta di un sistema che richiede un po’ di pratica, ma che molti sostengono sia molto efficace. La maggior parte dei modelli che utilizzano questa notazione appartengono al catalogo HP, ma questi permettono tuttavia di utilizzare anche il calcolo algebrico.


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato

Domande e risposte su Calcolatrice scientifica

  1. Domanda di mariano | 28.11.2019 20:19

    per l’esame di statistica ad economia mi occorre una calcolatrice scientifica. Quale può essermi di aiuto?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 29.11.2019 09:19

      Puoi orientarti sulla Sharp EL-W531XG.

  2. Domanda di Annamaria | 15.09.2019 22:42

    Mio figlio frequenta l’istituto nautico e il professore di fisica e matematica hanno chiesto l’acquisto di una calcolatrice scientifica. Cosa compro?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 17.09.2019 13:49

      La Casio FX-991ES Plus è un ottimo modello per le scuole superiori.

  3. Domanda di Annamaria | 29.11.2018 19:43

    Per un ragazzo di terza media che farà’ il liceo quale calcolatrice mi consiglia?e’ un ragazzo molto intelligente

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 30.11.2018 16:22

      Se intende fare un liceo scientifico consigliamo di orientarsi subito su una calcolatrice grafica, come per esempio la Casio FX9750GII che sarà utile fino alla maturità.

  4. Domanda di rodolfo di gregorio | 27.06.2018 11:23

    Ho una calcolatrice scientifica HP Prime Graphing Calculator. Potreste suggerimi una alternativa? esiste assistenza in caso di guasto?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 27.06.2018 16:59

      A seconda delle tue esigenze puoi orientarti su uno dei modelli nella nostra tabella. Per quanto riguarda l’assistenza in caso di guasto, anche i marchi più grandi hanno pochissimi centri in Italia dedicati alle riparazioni delle calcolatrici, trattandosi anche di prodotti generalmente economici. Per dispositivi più completi puoi anche consultare la nostra pagina sulle calcolatrici grafiche.

La migliore
HP 35 S

HP 35 S

Migliore offerta: 199,99€

Il miglior rapporto qualità prezzo
Casio FX-991EX

Casio FX-991EX

Migliore offerta: 23,90€