Le migliori pinne del 2021

Confronta le migliori pinne del 2021 e leggi la nostra guida all'acquisto.

Seac F1

Le migliori

ScarpaAperta
PalaMedia, semirigida
Materiale scarpaGomma termoplastica
Materiale palaPolimeri di plastica
SpecialitàARA
Punti forti
  • Materiali resistenti agli urti
  • Per immersioni in mare
  • Suola antiscivolo
Punti deboli
    Nessuno

Cressi Rondine light

Il miglior rapporto qualità prezzo

ScarpaChiusa
PalaCorta, rigida
Materiale scarpaGomma morbida
Materiale palaPlastica rigida
SpecialitàPiscina, snorkeling, allenamento di forza
Punti forti
  • Molto leggere
  • Indossabili con calzini in neoprene
  • Buon rapporto qualità/prezzo
Punti deboli
    Nessuno

Seac Talent camo

ScarpaChiusa
PalaMedio-lunga, rigida
Materiale scarpaGomma termoplastica
Materiale palaTecnopolimeri termoplastici
SpecialitàApnea, mare
Punti forti
  • Pinne molto reattive
  • Ideali per l'uso in presenza di forti correnti
  • Utilizzabili con calzini in neoprene
Punti deboli
    Nessuno

Arena Powerfin

ScarpaChiusa
PalaCorta, morbida
Materiale scarpaSilicone
Materiale palaSilicone
SpecialitàPiscina, allenamento tecnico
Punti forti
  • Pezzo unico in silicone
  • Senza PVC
  • Ideale per migliorare la tecnica
Punti deboli
    Nessuno

Cressi Agua

ScarpaChiusa
PalaMedia, semirigida
Materiale scarpaGomma morbida
Materiale palaPlastica
SpecialitàApnea, snorkeling
Punti forti
  • Utilizzabili con calzini in neoprene
  • Uso versatile
Punti deboli
    Nessuno
Dario.ramponi
Autore
Dario

Come scegliere le pinne

Le pinne sono uno strumento molto usato ed estremamente utile per gli amanti del nuoto e non solo. Ne esistono di diverse forme, dimensioni e tipologia, inoltre, al contrario di quanto pensato da molti, le pinne possono essere usate anche in piscina e non solo al mare. Grazie alla loro struttura le pinne muovono una quantità maggiore di acqua rispetto ai piedi e per questo permettono di muoversi velocemente in acqua, tuttavia comportano anche uno sforzo maggiore da parte delle gambe.pinneLe pinne sono un’invenzione relativamente recente, infatti se ne hanno i primi cenni storici a partire da Benjamin Franklin. Da ragazzo, lo statista americano aveva infatti costruito un paio di rudimentali pinne di legno per nuotare nel fiume vicino a casa. Un fatto interessante è che i primi ad utilizzare le pinne in guerra furono dei militari italiani durante la seconda guerra mondiale: questo strumento era ritenuto un’arma segreta e per questo si cercava di tenerlo nascosto ai nemici. Che cerchiate delle pinne da usare in piscina o al mare, nei prossimi paragrafi abbiamo raccolto e descritto tutti gli elementi più importanti da valutare per scegliere le migliori pinne.

La struttura delle pinne

Le pinne hanno una struttura molto semplice, infatti sono composte solamente da una scarpa e una pala che muove l’acqua come fanno le pinne degli animali acquatici, imprimendo una maggiore forza al movimento.

La scarpa

La scarpa è solitamente fatta in gomma morbida, un materiale che tende ad aderire al piede sufficientemente da non perdere la pinna durante l’utilizzo, tuttavia esistono anche modelli dotati di una scarpa in neoprene, molto morbida e aderente. Davanti alle dita del piede o sotto di esse è presente un’apertura che evita la formazione di bolle d’aria.pinne scarpa chiusaEsistono principalmente due tipi di scarpe:

  • Scarpa aperta: questo tipo di scarpa lascia il tallone scoperto, è dotata di una cinghia in corrispondenza dello stesso. La cinghia può essere utilizzata per assicurare la pinna al piede, il che rappresenta un vantaggio in quanto rende possibile l’utilizzo della pinna a piedi nudi o con calzature. Inoltre, nel caso di bambini e ragazzi, la cinghia permette di adattare la pinna alle dimensioni maggiori del piede man mano che crescono. Queste pinne sono solitamente più pesanti, tuttavia sono le preferite da chi fa immersioni in condizioni climatiche differenti in quanto possono essere usate con o senza calzature;
  • Scarpa chiusa: le pinne che utilizzano questo tipo di scarpa sono le più diffuse e anche le più comode. La scarpa in questo caso avvolge il piede completamente e non è possibile regolarla, per questo possono essere usate solo a piedi nudi o solo con una calzatura molto sottile. Infatti, una scarpa troppo grande farebbe rischiare di perdere la pinna e una troppo piccola risulterebbe scomoda.

La pala

La pala è una superficie prettamente piatta montata sull’estremità anteriore della scarpa. La sua funzione è naturalmente quella di spostare più acqua in modo da rendere la spinta dei piedi più efficace e quindi il moto più veloce. Le pale possono essere di diverse forme e dimensioni, come vedremo nei prossimi paragrafi. Per ora segnaliamo solamente che le pale più rigide offrono una maggiore spinta, ma richiedono anche un maggiore sforzo, mentre le pale più morbide e flessibili sono meno faticose da usare ma permettono di raggiungere velocità inferiori. Alcune pinne sono dotate di una struttura grazie alla quale la pala può essere avvitata, il che porta due vantaggi distinti. Da un lato si può stringere la vite più o meno in modo da modificare la flessibilità della pala, dall’altro permette di sostituire la pala in caso questa sia usurata o rotta.pinne pala in carbonioLe pale delle pinne sono solitamente costituite in polimeri di plastica o gomma, ma alcuni dei modelli migliori utilizzano fibra di carbonio o di vetro, materiali particolarmente resistenti e leggeri.

Tipi di pinne

Come è ormai evidente le caratteristiche delle pinne definiscono gli utilizzi che se ne possono fare. In base alle loro caratteristiche le pinne possono essere classificate nelle seguenti categorie.

Pinne da apnea

Le pinne da apnea sono solitamente lunghe e rigide, una struttura che massimizza la spinta delle gambe. Questo è un aspetto importante che permette di raggiungere una profondità maggiore in un tempo ristretto, inoltre queste pinne permettono di muoversi con pinnate lunghe e lente, il che permette di risparmiare riserve di ossigeno. pinne da apneaLa scarpa delle pinne per apnea è solitamente in neoprene, un materiale con delle buone proprietà isolanti e abbastanza morbido da evitare la formazione di vesciche da abrasione. Viste le dimensioni della pala, si cerca di ridurne il peso utilizzando fibra di carbonio, ma alcuni modelli utilizzano un mix di materiali tra cui anche la grafite.

Pinne da ARA

La sigla ARA sta per autorespiratore ad aria ed indica l’insieme delle strumentazioni e accessori utilizzato per l’immersione subacquea con bombole: queste pinne sono infatti progettate per le immersioni di questo tipo. Queste pinne sono più corte e più flessibili di quelle per apnea, questo perché non c’è l’esigenza di risparmiare riserve di ossigeno. La pinna corta e flessibile consente di muoversi con meno sforzo e permette anche di essere più agili nei movimenti. La scarpa delle pinne da ARA è solitamente aperta e permette di utilizzare calzature in base alla temperatura dell’acqua dove ci si immerge, inoltre indossare una calzatura aggiuntiva permette di camminare senza rischiare di scivolare anche su superfici bagnate. Solitamente queste pinne sono fatte in materiale polimerico, che offre un buon compromesso tra leggerezza e flessibilità.

Pinne da snorkeling

Lo snorkeling è una disciplina a metà tra l’apnea e l’immersione con bombole, infatti le pinne per questa attività sono una via di mezzo tra quelle da apnea e quelle da ARA. Le pinne da snorkeling hanno una scarpetta chiusa e sono piuttosto corte e larghe. Anche queste pinne sono solitamente fatte di un materiale polimerico durevole e flessibile. La loro flessibilità varia da modello a modello, ma la maggior parte delle pinne da snorkeling offre una flessibilità media per raggiungere una discreta velocità senza affaticare troppo le gambe.

Pinne da piscina

Le pinne da piscina sono solitamente utilizzate per allenare la forza delle gambe in acqua, infatti pongono una maggiore resistenza e spingono i muscoli ad un lavoro più intenso. pinne da piscinaQuesti modelli di pinne possono essere utilizzati anche in associazione con una tavoletta per far lavorare solo le gambe. La loro struttura è molto compatta, la scarpa chiusa e le pale sono particolarmente corte e rigide.

Monopinna

I modelli monopinna sono l’elemento base del nuoto pinnato e sono costituiti da due scarpe separate, ma da una pala unica. La prima monopinna venne inventata nel 1969 da Franco Pavone che la chiamò pinna “matrimoniale“. pinne monopinnaLe pinne di questo tipo sono molto grandi e piuttosto rigide, caratteristiche permettono di raggiungere velocità molto elevate in acqua, tanto che il record del mondo sui 100 metri è di soli 35 secondi. Vista la loro composizione le monopinne costringono il nuotatore ad un movimento simile a quello utilizzato nel nuoto a delfino, con la differenza che le braccia restano ferme.

Come scegliere la misura delle pinne

Alle pinne sono assegnate delle taglie come alle scarpe, quindi di regola si possono provare pinne della taglia corrispondente a quella delle scarpe. Una volta che avete le pinne indosso potete provare a mettervi in punta di piedi: se il tallone si sfila dalla scarpa della pinna provate una misura inferiore, se invece la pinna pone troppa resistenza al movimento del piede provate una misura in più.

Come indossare le pinne

Per indossare le pinne a scarpa chiusa si deve semplicemente forzare il piede all’interno della scarpa, con quelle aperte invece si deve solo stringere la cinghia attorno al tallone. Idealmente, le pinne dovrebbero essere bagnate prima di essere indossate per favorire l’ingresso del piede. Un altro aspetto importante e a cui si deve prestare attenzione è dove si indossano le pinne. Le pinne in plastica o gomma risultano molto scivolose, per questo se le indossate in piscina o su una barca per esempio fate in modo di camminare il meno possibile con le pinne ai piedi, in quanto il rischio di scivolare e farsi male è molto alto. pinne in spiaggiaUn’altra possibilità è quella di indossare le pinne una volta che si è in acqua, che rappresenta l’opzione più sicura, ma a volte non la più comoda. Inoltre, se le indossate sulla spiaggia dovete fare attenzione ad eventuali sassolini o granelli di sabbia, infatti se questi si infilano nella scarpa rischiano di causare fastidi e anche abrasioni.

Come pulire le pinne

La pulizia delle pinne è piuttosto veloce, ma è importante eseguirla dopo ogni utilizzo. Per pulire le pinne basta sciacquarle sotto l’acqua corrente, avendo cura di far entrare l’acqua anche nella scarpa. Per una pulizia più approfondita si possono lasciare le pinne in ammollo in una soluzione di acqua e bicarbonato per qualche ora. Se non si puliscono le pinne dopo l’utilizzo si rischia la formazione di cattivi odori o di danneggiarle nel caso le si utilizzi in acqua salata. Infatti, una volta evaporata l’acqua, il sale dell’acqua di mare può andare a rovinare le pinne.

Altri fattori decisivi nella scelta delle pinne

Il prezzo è importante?

Le pinne non sono un prodotto molto costoso, alcuni modelli infatti costano anche meno di 20 €, tuttavia se siete già utilizzatori esperti e volete un prodotto di alta qualità potete optare per modelli di fascia alta che possono costare anche qualche centinaio di euro. I modelli migliori sono solitamente fatti in fibra di carbonio o di vetro, che sono materiali molto resistenti ma allo stesso tempo leggeri e quindi uniscono durevolezza, affidabilità e leggerezza. I modelli più economici invece sono solitamente fatti in gomma morbida e plastica. In generale ai principianti si consiglia l’acquisto di modelli base di fascia di prezzo medio-bassa, mentre ai più esperti consigliamo di scegliere in base alle loro esigenze e preferenze, anche tra i modelli di fascia di prezzo medio-alta.

I materiali sono importanti?

I materiali sono molto importanti, infatti da questi dipende una buona porzione della qualità generale delle pinne. Come anticipato nei precedenti paragrafi, i materiali più utilizzati sui modelli economici sono plastica dura e gomma morbida, mentre quelli tipici dei modelli più costosi sono la fibra di vetro o di carbonio. Riguardo ai materiali consigliamo di valutarli in base all’utilizzo che volete fare della pinna, in quanto dai materiali dipende anche la flessibilità della pala. Anche il materiale della scarpa è molto importante, infatti da questo dipende il grado di comfort delle pinne. Segnaliamo che alcune pinne utilizzano una scarpa in neoprene particolarmente comoda e leggera.

La marca è importante?

La marca delle pinne non è un elemento fondamentale da valutare, infatti questo prodotto è piuttosto semplice e per questo può essere prodotto molto facilmente. Naturalmente esistono alcuni marchi leader del mercato come Cressi o Arena, ma ciò non significa che i prodotti di marchi meno noti abbiano una qualità inferiore. Il marchio a nostro avviso può servire all’inizio per orientarsi tra i prodotti disponibili, tuttavia non deve essere l’unico elemento da considerare quando si decide di acquistare un paio di pinne.


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato

Quali sono le migliori pinne del 2021?

La tabella delle migliori pinne del 2021 scelte dalla redazione di QualeScegliere.it

Prodotto Migliore
offerta
Seac F1 46,43 €
Cressi Rondine light 16,80 €
Seac Talent camo 38,98 €
Arena Powerfin 29,45 €
Cressi Agua 18,08 €

Ecco i migliori due prodotti della categoria.

8 visitatori su 10 approfittano di queste offerte.

Le migliori

Seac F1

Migliore offerta:46,43€

Il miglior rapporto qualità prezzo

Cressi Rondine light

Migliore offerta:16,80€