Windows 12 in autunno? La risposta nei registri di Microsoft

Windows 12 in autunno? La risposta nei registri di Microsoft

Si è a lungo vociferato sull’imminente arrivo di Windows 12, la nuova versione del sistema operativo di Microsoft attesa durante l’autunno del 2024. È stato proprio il colosso di Redmond a raffreddare gli animi, lasciando tracce nel registro dei cambiamenti e delle novità di una versione in anteprima del prossimo update che, di fatto, sarà Windows 11 versione 24H2.

Microsoft rilascia major update di Windows 11 con cadenza annuale, di norma durante gli ultimi mesi dell’anno e ciò significa che non si parlerà di Windows 12 almeno fino alla fine del 2025.

L’ipotesi che Microsoft fosse pronta a lasciarsi alle spalle Windows 11 è circolata con una certa insistenza ma mai in modo ufficiale. Nonostante ciò, in rete, si trovano decine di concept creati da utenti che hanno immaginato un sistema operativo votato alla mobilità e all’Intelligenza artificiale, ispirato dall’enfasi con cui il colosso di Redmond sta investendo in Copilot, l’assistente digitale che supporta gli utenti in una vasta gamma di compiti.

Al momento, come dimostra il grafico sotto, la diffusione dei sistemi operativi Microsoft è frammentata e questo può essere uno dei motivi per cui Windows 12, il cui nome in codice è Germanium, resterà ancora in cantiere. Windows 10 è il sistema operativo che occupa la maggiore quota di mercato e Windows 11 stenta a entrare nel cuore degli utenti, soprattutto quelli aziendali.

Va valutato anche che il 14 ottobre del 2025 cesserà il supporto a Windows 10, questo significa che Microsoft non rilascerà più aggiornamenti, incentivando gli utenti a optare per Windows 11 o il suo successore, a prescindere da come si chiamerà.

La questione compatibilità va chiarita perché, stando alle informazioni attuali, la versione di Windows 11 24H2 che Microsoft rilascerà durante gli ultimi mesi del 2024, dovrebbe non essere utilizzabile su personal computer con processori incompatibili con l’istruzione POPCNT (Population Count) che conta il numero di bit. Va specificato che i processori prodotti a partire dal 2006 (vale per AMD quanto per Intel) supporteranno la prossima versione di Windows 11.


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato

Le ultime news