Apple acquisisce Darwin AI

Apple acquisisce Darwin AI

Può sembrare una delle oltre cento acquisizioni fatte da Apple nel corso degli anni ma, in realtà, è in cima alla classifica degli acquisti più necessari e interessanti. Acquisendo Darwin AI, Apple ha dato chiari segnali di due aspetti: la volontà di rafforzarsi nel campo dell’Intelligenza artificiale e il ritardo accumulato fino a oggi, soprattutto rispetto ad Alphabet (la holding che controlla Google), Microsoft e Meta (Facebook).

L’acquisizione risale ai primi giorni del 2024 ma è stata resa nota soltanto il 14 marzo e Mark Gurman, giornalista di Bloomberg tra i più esperti dell’emisfero Apple, ha evidenziato l’impiego di risorse che Cupertino sta riversando nelle AI.

La canadese Darwin AI, oltre a concentrarsi sulla creazione di sistemi AI, sviluppa anche tecnologie utili alla verifica dei componenti durante le fasi di produzione. Il costo dell’operazione non è stato reso noto.

Prendono così spessore le voci secondo le quali le prossime versioni dei sistemi operativi di Apple e i prossimi iPhone saranno votati alle AI. Apple ha già fatto sapere che iOS 18 sarà incentrato sull’inclusività e sulle funzionalità avanzate rese disponibili dalle Intelligenze artificiali ma, come al solito, non ha fatto trapelare dettagli.

Se l’assistente vocale Siri – in realtà integrato in molti dei dispositivi con la Mela – sarà sempre più centrale, il discorso si sposta anche ai visori della serie Vision, da considerare spatial computer, ossia macchine che non hanno un monitor ma che si avvalgono dello spazio attorno a chi lo indossa.

Per quanto i visori possano ancora essere considerati acerbi, è in corso una battaglia a distanza ingaggiata da Apple e Meta. Negli ultimi giorni il Ceo di Meta Mark Zuckerberg ha più volte sottolineato come il Meta Quest 3 sia una spanna sopra al Vision Pro di Apple.

Ciò lascia desumere che entrambe le aziende puntino molto sui visori e che nei prossimi anni rivestiranno un ruolo più centrale anche per gli sviluppatori di app e servizi.


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato

Le ultime news