3 metodi per umidificare la vostra casa

Quali sono i modi più efficaci per aumentare l'umidità dentro casa?

L'aria secca può causare una serie di problemi che possono minacciare il vostro stato di salute (come tosse, congestione nasale, mal di testa e mal di gola), nonché compromettere il vostro ambiente domestico rovinando i mobili in legno. Ci sono un certo numero di modi per aumentare il tasso di umidità in una stanza, che si tratti della vostra camera da letto, dell'ufficio o di qualsiasi altro luogo in cui passate la giornata. Vediamo insieme tre metodi fra i più comuni ed efficaci per sbarazzarvi dell'aria secca al fine di inumidire l'ambiente circostante.
Il livello ottimale di umidità in casa si colloca tra il 45 e il 65%, ma purtroppo in molti casi il valore che si registra nelle nostre abitazioni è molto minore. Per raggiungere tale livello vi suggeriamo due metodi tradizionali e uno più innovativo.

1) Eliminare le cause che rendono l'aria secca

metodi per umidificare la casaUna delle ragioni per cui l'aria in casa diventa secca ed irrespirabile è un uso costante del riscaldamento domestico. Una possibile soluzione a questo problema è quella di abbassare la temperatura di qualche grado. Date inoltre un'occhiata alla stanza e controllate che non ci siano apparecchi che emanano calore, i quali potrebbero abbassare il tasso di umidità. In questo caso cerca di utilizzarli con minore frequenza. Anche un uso prolungato del forno e dei fornelli, per esempio, prosciugano l'umidità della stanza e lo stesso vale anche per piccoli elettrodomestici come asciugacapelli e ferri da stiro.

2) Ricorrere a elementi umidificanti

elementi umidificantiLasciate la porta del bagno aperta quando fate la doccia in modo tale da umidificare le camere circostanti con il vapore tipicamente prodotto dall'acqua calda. Un'altra opzione è quella di cucinare utilizzando l'acqua bollente. Quando prepariamo la pasta, per esempio, il vapore acqueo rilasciato dal processo di evaporazione dell'acqua bollente aumenta la percentuale di umidità nelle immediate circostanze. Anche posizionare piccole ciotole d'acqua sopra il radiatore è una soluzione molto efficace; in questo modo l'acqua all'interno della ciotola evaporerà lentamente e contribuirà ad inumidire la camera in cui è posizionata. Se avete il pollice verde, una soluzione ideale potrebbe invece essere quella di aggiungere piante d'appartamento nella camera che si desidera umidificare. Le piante infatti rilasciano umidità attraverso un processo chiamato traspirazione, che può aiutare a risollevare un po' il livello di umidità nella vostra stanza. Le felci di Boston, in particolare, sono molto raccomandate per le loro proprietà idratanti e purificanti dell'aria.

3) Utilizzare un umidificatore

umidificatore displayIn commercio è possibile trovare alcuni piccoli elettrodomestici, i cosiddetti umidificatori, che aiutano a ristabilire e a mantenere il corretto livello di umidità all'interno delle mura domestiche, evitando così che l’aria si secchi troppo e diventi nociva per la salute. Vi consigliamo di optare per un umidificatore dalla capacità adeguata alla stanza in cui desiderate posizionarlo. Non temete un eccessivo consumo elettrico! Infatti, se deciderete di acquistare un umidificatore a evaporazione (come il Philips HU4706/11), i costi in bolletta saranno molto bassi poiché questi dispositivi, rispetto ad altre tipologie di umidificatore, possono consumare anche meno di 10 watt. Per altre informazioni relative a questi dispositivi e per scoprire i migliori umidificatori del 2018 vi invitiamo a consultare la nostra guida all'acquisto.

 

 

 

Umidificatore: prodotti recensiti

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!
Ogni settimana informazioni preziose sui migliori prodotti ai migliori prezzi sul mercato. Inserisci la tua email qui sotto e clicca su iscriviti!