05/2017

Recensione: Sony Alpha 68K 18-55

APS-C 24,2 Mp, ISO 100-25600, esposizione min 1/4000 s, lente 18-55 mm, f/3.5

Da scoprire
Immagini
Voto finale 7,8/10
Sensore: 8
Obiettivo: 7,5
Messa a fuoco: 9
Luce: 6,5
Composizione scena: 8
Media voti fattori: 7,8/10
*Spedizione inclusa

ANDAMENTO DEL PREZZO NEGLI ULTIMI 31 GIORNI

Il prezzo conviene, scopri perchè

Dati tecnici
  • Sensore: APS-C (23,5 x 15,6 mm), 24,2 Mp
  • Sensibilità: 100-25600
  • Obiettivo: Sony DT 18-55 mm SAM II
  • Punti di fuoco: 79 (15 a croce)
  • Velocità otturatore: 30 s - 1/4000 s
  • Mirino: 0.88x, copertura 100%
  • Display: 2,7, 460000 punti, tiltante
Punti forti
  • Ottima qualità video e fotografica
  • Messa a fuoco veloce e precisa
  • Messa a fuoco video perfetta
  • Possibilità di personalizzazione dei comandi
Punti deboli
  • Display piccolo e a bassa risoluzione

Scrivi una recensione

product image

Sony Alpha 68K 18-55

Conosci questo prodotto?
Puoi iniziare esprimendo un voto da 1 a 5 stelle

Effettua il login oppure crea un account per scrivere
recensioni o testare prodotti.

Login
+

Scrivi recensioni e testa i prodotti

Scopri di più

Elena.gallina
Autore
Elena Gallina

Sony Alpha 68K 18-55

I nostri voti sui fattori decisivi per la scelta della fotocamera reflex

1. Sensore: Voto 8 su 10

Scegliere una fotocamera reflex richiede una certa attenzione a una serie di caratteristiche di fondamentale importanza, prima fra tutte la qualità e le prestazioni del sensore fotografico su di essa montato. Il sensore è infatti il principale responsabile della buona resa digitale di una fotografia, dunque merita la massima attenzione. La Sony Alpha 68K DT 18-55 merita da questo punto di vista un voto decisamente buono, un 8 su 10 dovuto a un sensore CMOS APS-C da 23,5 x 15,6 mm e ben 24,2 Mp. Questo è supportato dall'ultima generazione dei processori d'immagine Sony, chiamata Bionz X, che supporta svariate tecnologie all'avanguardia per la riproduzione dei dettagli e la riduzione del rumore.Sony Alpha 68K DT 18-55A proposito di rumore, anche il ventaglio ISO è buono: va da 100 a 25600, con una resa sorprendentemente buona anche a ISO molto alti, merito indubbio dell'ottimo processore. Se la risoluzione rimane buona, però, non vale lo stesso per il colore: il rumore comincia a farsi vedere già a 400 ISO e aumenta progressivamente con l'aumentare degli ISO, come esemplificato dalle immagini qui sotto:

Sony Alpha 68K DT 18-55 100 ISO

100 ISO

Sony Alpha 68K DT 18-55 1600 ISO

1600 ISO

Sony Alpha 68K DT 18-55 12800 ISO

12800 ISO

Sony Alpha 68K DT 18-55 25600 ISO

25600 ISO

La risoluzione massima delle foto è in linea con le migliori macchine "entry level", 6000 x 4000 pixel in formato .jpeg o raw. Gli scatti ottenuti sono molto buoni, con una definizione che poco ha da invidiare a modelli più cari di altri marchi. Buone anche le prestazioni video: si arriva a 1080/60p. La definizione è quindi Full HD, con un frame rate adatto anche a riprendere scene particolarmente concitate. L'output video è in MPEG-4, AVCHD o XAVC S.

2. Obiettivo: Voto 7,5 su 10

Naturalmente l'obiettivo è un altro elemento di fondamentale rilevanza in fotografia, e le fotocamere reflex sono caratterizzate proprio dalla possibilità di montare tanti obiettivi diversi per ottenere una moltitudine di scatti. Noi valutiamo qui unicamente la lente fornita in bundle con la Sony Alpha 68K, che in questo caso è un obiettivo Sony DT 18-55 mm SAM II cui assegniamo un discreto 7,5 su 10.Sony Alpha 68K DT 18-55 obiettivo in bundleLe lenti da 18-55 mm sono le più comuni da trovare in dotazione a una fotocamera reflex, dato che sono economiche e compatte. Il principale svantaggio che hanno è però proprio la lunghezza focale corta, appunto di 18-55 mm. Tenuto conto del crop factor di 1.5 del sensore APS-C, per ottenere lo stesso livello di zoom su una fotocamera Full Frame dovremmo usare un obiettivo da 27-83 mm. Il campo visivo rimane dunque piuttosto ampio, dai 76° della focale corta, un buon grandangolo, ai 29° della focale lunga: lo zoom non è dunque molto forte, il che limita le possibilità del fotografo a scatti di ampio respiro, panoramici, a ritratti e scatti di soggetti piuttosto vicini. Non è possibile ingrandire i dettagli di un soggetto o di una scena da lontano.
Sony Alpha 68K DT 18-55 obiettivo 18-55In quanto ad apertura massima siamo nella media degli obiettivi "di base": non si va oltre f/3.5, abbastanza dunque per ottenere soddisfacenti ritratti con fondo sfumato (come nella foto qui sopra, scattata con questo obiettivo), ma non abbastanza per un più pronunciato effetto "bokeh". Ricordiamo comunque che questi obiettivi sono destinati ai principianti, allo scopo di fornire loro una lente utile ad imparare le basi della fotografia: progredendo sarà inevitabile acquistare obiettivi più versatili o particolari.
La stabilizzazione dell'immagine non è presente in questo obiettivo: essa è affidata al corpo macchina, dove uno stabilizzatore elettronico si occupa di compensare le vibrazioni effettuando micro-spostamenti del sensore. Spendiamo un'ultima lode per l'attuatore dell'autofocus SAM II, un nuovo tipo di motore particolarmente silenzioso che non risulta fastidioso nelle riprese video.

3. Messa a fuoco: Voto 9 su 10

Spesso sottovalutata, la messa a fuoco automatica è una delle caratteristiche distintive delle fotocamere reflex digitali, e come tale può essere un preziosissimo aiuto nella composizione e nello scatto delle foto e nelle riprese video. Questa è una delle caratteristiche di maggior pregio della Sony Alpha 68K DT 18-55, che valutiamo con un eccellente 9 su 10.Sony Alpha 68K DT 18-55 punti di fuocoIl sistema di messa a fuoco conta infatti ben 79 punti di fuoco (ne vedete qui sopra la distribuzione), con una copertura molto ampia dell'inquadratura e 15 punti centrali del tipo "a croce" ad alta precisione. Il sistema passivo rileva la fase o il contrasto ed è davvero molto veloce, almeno quando si scatta in modalità mirino, mentre in live view l'operazione risulta leggermente più lenta. Non è presente un LED illuminatore dedicato all'assistenza alla messa a fuoco: laddove la luce non fosse sufficiente, subentra il flash ad illuminare il soggetto e permettere la rilevazione. Va detto però che le prestazioni con luce fioca sono di tutto rispetto, con una eccellente capacità di prendere comunque il fuoco.
Le modalità di messa a fuoco sono quelle classiche, ovvero una a punto singolo per i soggetti fermi, una predittiva per i soggetti in movimento e una automatica che passa da sola all'una all'altra modalità in base al comportamento del soggetto. Vi sono poi alcune possibilità per quanto riguarda la selezione dell'area di fuoco:

  • Multi-area: la macchina mette a fuoco più punti nella scena
  • Center: per la messa a fuoco viene usato unicamente il punto centrale
  • Selective single-point: questa è la modalità per la scelta di un solo punto di fuoco tra i 79 a disposizione
  • Tracking: individuato il soggetto, la macchina è in grado di inseguirlo e mantenerlo a fuoco
  • Single: la macchina individua da sola un punto di fuoco singolo
  • Continuous: in questa modalità la macchina rileva continuamente il fuoco, individuando autonomamente il soggetto. È sempre attiva durante le riprese video
  • Face Detection: la macchina individua e mette a fuoco autonomamente i volti presenti nell'inquadratura. Modalità consigliata per i ritratti

Il video sottostante dimostra le capacità di questa macchina durante le riprese video: si tratta di filmati realizzati con la lente in dotazione descritta più sopra. Il comportamento dell'autofocus ci sembra molto reattivo e preciso:

4. Luce: Voto 6,5 su 10

In fotografia la gestione della luce è quello che definisce le caratteristiche di uno scatto, e fin qui abbiamo accennato all'apertura del diaframma dell'obiettivo e alla sensibilità del sensore, due degli aspetti più importanti per il controllo della luminosità. Il terzo è la velocità dell'otturatore o tempo di esposizione, di cui ci occupiamo qui insieme ad alcuni altri aspetti che fanno da corollario a questo argomento. Bisogna dire che la Sony Alpha 68K DT 18-55 non presenta a questo proposito caratteristiche entusiasmanti, per cui le assegniamo solamente un 6,5 su 10.
Sony Alpha 68K DT 18-55 tempo di esposizioneLa velocità dell'otturatore rientra pienamente nella media di mercato, con 30 s di esposizione massima e 1/4000 s di esposizione minima. Può sembrare molto agli occhi dei meno esperti, ma 1/4000 s significa che non sarà possibile ottenere scatti perfettamente "immobili" di soggetti in movimento molto rapido, come ad esempio un'auto lanciata in corsa o, nell'esempio qui sopra, lo sfondo dell'immagine.

Modalità di esposizione

Le modalità di esposizione presenti sulla sulla Sony Alpha 68K DT 18-55 sono naturalmente le quattro di base (programma esposizione e apertura, priorità apertura, priorità tempi e manuale), più una modalità completamente automatizzata e la possibilità di memorizzare ben tre set di impostazioni personalizzate, accessibili facilmente dalla ghiera sulla spalla destra della macchina (la vedete nella foto sotto).Sony Alpha 68K DT 18-55 ghiera comandiVi sono poi le classiche "scene" preimpostate, in cui le impostazioni sono predefinite in base al tipo di scena da riprendere (tramonti, ritratti, eventi sportivi ecc.): ne troviamo in tutto otto, cui si somma la modalità "scatto panoramico".

Flash

A proposito di luce non possiamo non menzionare le caratteristiche e soprattutto le modalità di utilizzo del flash, che sulla Sony Alpha 68K DT 18-55 è del classico tipo incorporato a scatto (nella foto qui sotto lo vedete sollevato). La portata è nella media e raggiunge i 12 m a 100 ISO, con la possibilità di attaccare all'evenienza un flash esterno più potente.Sony Alpha 68K DT 18-55 flash incorporatoUn aspetto molto buono è la relativa abbondanza di modalità del flash, che normalmente sulle macchine entry level come questa sono al massimo quattro. In questo caso abbiamo invece:

  • Auto: il flash scatta da solo quando le condizioni di luce lo richiedono
  • Fill flash: il flash è attivo ad ogni scatto, indipendentemente dalle condizioni di luce
  • Off: il flash è sempre spento, indipendentemente dalla luce ambientale
  • Riduzione occhi rossi: una serie di piccoli flash preliminari forza il restringimento delle pupille dei soggetti, così da attenuare l'effetto occhi rossi
  • Slow synch: per i ritratti notturno con sfondo visibile, il flash scatta all'inizio dell'esposizione lunga necessaria per catturare il fondo
  • Rear synch: come sopra, ma il flash scatta al termine dell'esposizione lunga. Permette di ottenere effetti diversi
  • High speed synch: permette di usare il flash anche quando la velocità dell'otturatore è superiore a quella dell'attivazione del flash

5. Composizione scena: Voto 8 su 10

Infine è importante considerare anche gli ausili alla composizione dell'immagine, ovvero il mirino e il display, che vengono anch'essi spesso trascurati dai fotografi meno esperti. Anche in questo ambito la Sony Alpha 68K DT 18-55 presenta buone caratteristiche che le valgono una buona valutazione di 8 su 10. Vediamo perché.

Mirino

Il mirino della Sony Alpha 68K è di tipo elettronico. Non prediligiamo questa scelta rispetto a una soluzione ottica, dato che la risoluzione di un mirino elettronico non è comparabile a quella dell'occhio umano: ciononostante in questo caso la definizione è discreta, grazie ai 1,4 milioni di punti presenti sul piccolo schermo LCD. La copertura è invece molto buona, e comprende il 100% dell'immagine così come inquadrata dalla lente: non ci saranno dunque dettagli "a sorpresa" che scopriremo solo al momento di rivedere le nostre foto. Il fattore d'ingrandimento di .88x è anch'esso buono e permette di inquadrare agevolmente una scena distinguendone abbastanza bene i dettagli.

Display

Sul display della Sony Alpha 68K DT 18-55 DT 18-55 abbiamo sentimenti contrastanti: mentre è apprezzabile la possibilità di inclinarlo per facilitare gli scatti anche da angolazioni un po' inusuali, non possiamo non constatare come le dimensioni e la risoluzione siano al di sotto della media di mercato, con una diagonale di 2,7" e solo 460000 punti. Sony Alpha 68K DT 18-55 displaySicuramente queste caratteristiche sono sufficienti ad inquadrare con cura uno scatto, ma la scelta di un display con queste caratteristiche si deve chiaramente alla volontà di mantenere basso il prezzo della macchina.
Non stupisce invece che non siano contemplate funzionalità touch, ancora difficili da trovare sulle fotocamere reflex di fascia bassa.

Batteria

Un argomento strettamente correlato al display è l'autonomia della batteria, dato che l'uso intensivo dello schermo incide inevitabilmente sulla durata della batteria. L'autonomia della Sony Alpha 68K DT 18-55 DT 18-55 è di circa 550 scatti in modalità mirino, un valore nella media che ci spinge a consigliare l'acquisto di almeno una batteria di riserva, onde evitare di dover interrompere la sessione fotografica.


Copyright Reviewlution GmbH – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato
Sony Alpha 68K 18-55
433.08 578.90

Opinioni degli utenti

Chi ha acquistato e provato la Sony Alpha 68K 18-55 ne è rimasto per lo più piacevolmente sorpreso, soprattutto per quanto riguarda le ottime prestazioni del sensore che rende scatti ad alta definizione degni di macchina di fascia più alta. Particolarmente entusiaste sono poi le opinioni per quanto riguarda la messa a fuoco, veloce e precisa sugli scatti, perfetta nelle riprese video.
Le principali lamentele riguardano la qualità bassa del display, che purtroppo è datato e detrae sensibilmente al valore complessivo della fotocamera.

Il voto finale di QualeScegliere.it: 7,8/10

La nostra valutazione complessiva della fotocamera reflex Sony Alpha 68K 18-55 è di 7,8 punti su 10, un voto molto buono dunque per questa “outsider” capace di sorprendere per l’ottima qualità fotografica e video. Al sensore APS-C da 24,2 Mp si associa infatti un sistema di messa a fuoco rapido, preciso e reattivo, con ben 79 punti di fuoco e una invidiabile accuratezza nell’individuazione automatica del soggetto, soprattutto durante le riprese video. È una piacevole sorpresa anche la possibilità di memorizzare fino a tre set di impostazioni personalizzate, accessibili direttamente dalla ghiera sulla spalla destra della macchina.
Visto il prezzo non mancano però aspetti negativi, quali un sistema di stabilizzazione e mirino elettronici, un display live view piccolo e a bassa risoluzione, un’autonomia della batteria piuttosto bassa. Possiamo consigliare la Sony Alpha 68K 18-55 a chi cerchi una fotocamera reflex entry level, facile da usare e capace di produrre ottime foto e video. Sconsigliata invece a chi cerca una fotocamera dall’uso più intuitivo, dotata di funzionalità touch: in quel caso vi consigliamo di optare per la Canon EOS 700D 18-55 IS.

Recensioni utenti

product image
Voto community
5
(2)

Eccellenza

La scorsa estate un mio carissimo amico si è sposato ed io e altri amici abbiamo colto l'occasione per regalargli questa Sony Alpha 68k, essendo lui letteralmente fissato con la fotografia. Abbiamo deciso di assecondare le svariate recensioni positive trovate in rete, acquistando questa macchina fotografica in forte sconto.

La prima impressione dello sposo è stata quella di sorpresa e ammirazione, era contento come un bambino che trova in regalo il suo giocattolo preferito. Ovviamente non stiamo parlando della macchina migliore sul mercato, ma di una entry level di livello, ma a distanza di qualche mese, il mio amico ne è entusiasta, riesce a fare delle foto spettacolari nonostante l'obiettivo non sia dei migliori. Il software è abbastanza complicato da gestire, ma lui ha l'esperienza per riuscire a cavarsela. Considerando l'entusiasmo del mio amico, sento assolutamente di consigliare l'acquisto.

product image
Voto community
5
(2)

Ottimo prodotto

È da anni che sono appassionato di fotografia e da un po' di tempo ho iniziato a farlo diventare non solo un hobby ma anche un lavoro che almeno mi garantisse di pagare le spese molto cospicue che ci sono dietro la fotografia.

Ho acquistato questa reflex come seconda macchina e devo dire che sono molto soddisfatto, non è una macchina da principianti, ha un sistema un po complesso nelle impostazioni che solo che ci lavora da anni sa come ottenere il massimo.

Acquistato un obiettivo molto più illuminante di quello fornito riesco a fare delle foto spettacolari anche in presenza di poca luce.

Materiale informativo

Sony Alpha 68K 18-55
Analisi dell'andamento del prezzo

Prezzo medio ultimi 31gg: 462,17 €
Prezzo attuale: 433,08 €
Se compri oggi risparmi: 29,09 €
Il prezzo attuale conviene!

Recensioni di prodotti simili

"Sony Alpha 68K 18-55": hai dubbi? Facci una domanda!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecco i migliori tre prodotti della categoria.

8 visitatori su 10 approfittano di queste offerte.

La migliore

Canon EOS 77D

Migliore offerta: 709,99€

Il miglior rapporto qualità prezzo

Nikon D5300 Nikkor 18-105 VR

Migliore offerta: 801,34€

La più venduta

Canon EOS 2000D

Migliore offerta: 335,00€