I migliori trasportini del 2023

Confronta i migliori trasportini del 2023 e leggi la nostra guida all'acquisto.

dogsitter
13,90 €
amazon
35,99 €
amazon
149,00 €
villaggionatura
61,00 €
loradeglianimali
14,24 €
amazon
61,99 €
amazon
16,94 €
zooplusit
61,99 €
arcaplanet
20,30 €
ciamanimali
78,08 €
zooplusit
23,49 €
bauzaar
83,29 €

Dati tecnici

Dimensioni

48 x 31 x 32 cm

44 x 31 x 34 cm

40 x 35 x 40 cm

35 x 27 x 49 cm

72 x 41 x h 51 cm

Portata massima

6 kg

7 kg

10 kg

8 kg

10 kg

Peso

500 g

1300 g

6000 g

300 g

4000 g

Materiale corpo

Plastica

Poliestere

Plastica

Telaio in metallo, nylon

Resina termoplastica, acciaio plasticato

Punti forti

Versatile

Buono per la cabina in aereo

Versatile per trasporto su ruote

Versatilità zaino e trolley

Ottimo per auto

Disponibile in tante taglie

Ben aerato

Ripiegabile e riponibile

Fondo drenante

Compatibile con le cinture di sicurezza dell’auto

Interno soffice lavabile

Leggerissimo

I modelli più grandi possono ospitare 2 animali con divisorio

Include ciotola

Punti deboli

Inadatto all'aereo

Inadatto ad animali agitati

Nei colori scuri attira il sole

Bretelle non troppo imbottite

Poco versatile

Ingombrante

Struttura deformabile durante il trasporto a tracolla

Dubbia sicurezza in caso di incidente

Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa
Recensione completa

Come scegliere il trasportino

Il trasportino per cani o gatti è l’accessorio da comprare per facilitare la gestione del vostro amico a quattro zampe. Il primissimo uso che ne farete sarà il trasporto dal veterinario per la visita iniziale, ma negli anni sarà utile anche per viaggiare insieme o semplicemente per portare Fido e Felix da “zii” e “nonni” che dovessero accettare di badare a lui.TrasportinoOltre a essere funzionale per trasportare cane o gatto da un posto all’altro, il trasportino dovrebbe essere usato come una cuccia, un rifugio familiare dentro il quale il vostro animale può riparare o dormire quando si trova in ambienti nuovi o semplicemente in situazioni stressanti.
In ogni caso, è bene procedere con un piccolo addestramento affinché non sorga nel vostro amico la sensazione di essere in trappola e non si arrivi ai limiti del maltrattamento.
Ciò premesso, vediamo gli elementi da considerare quando si sceglie un trasportino per cane o gatto.

Versatilità

Certamente non è il caso di riservare a Fido e Felix un intero garage, comprando per ogni circostanza altrettanti trasportini, perciò prima di tutto dovrete avere chiarezza mentale degli usi più frequenti che farete del prodotto, per poi cercare il miglior compromesso in termini di versatilità.
Nel caso la vostra routine sia piuttosto variegata, vediamo rapidamente quali sono gli usi più frequenti:

  • In aereo, in cabina: uso per il quale è consigliato un trasportino morbido, che potrete riciclare anche per le gite in auto;
  • In aereo, in stiva: uso per cui avrete davvero poco margine. Con un acquisto accorto potrete usare lo stesso trasportino per ospitare il vostro amico nel bagagliaio dell’auto;
  • Dal veterinario: sconsigliamo l’uso esclusivo del trasportino per questa spiacevole attività, poiché se l’animale collega l’oggetto all’uso potrebbe rifiutarsi categoricamente di entrare;
  • Sull’autobus o sull’auto: in questo caso è importante che, in caso di inchiodata o incidente, il vostro amico peloso non schizzi fuori dal box, per la sua e la vostra sicurezza. Si consigliano box chiusi e con cinghie fissabili alla cintura di sicurezza;
  • Sul treno: stesso trasportino per l’auto. Se viaggiate nelle ore di punta dovrete trovare un angolo nei pressi del vostro sedile in cui posizionare il trasportino;
  • In moto: la legge è molto restrittiva e consente alle forze dell’ordine, in caso di trasgressione, sanzionamenti che possono arrivare al sequestro del mezzo. Serve una borsa specifica da serbatoio o da portapacchi (adatta anche alla bicicletta) in stile bauletto e bisogna tenere in considerazione che aria corrente e rumori nuociono alla salute dell’animale; sconsigliamo la borsa da serbatoio in quanto poco versatile e inoltre non sfrutta il corpo umano per riparare il piccolo passeggero dall’aria sferzante;
  • In bici: il trasporto dovrebbe essere fatto collocando animali di peso superiore ai 5 kg circa sul portapacchi posteriore, oppure scegliendo direttamente un trasportino a zaino;
  • A piedi: in condizioni specifiche che rendano complicato lasciar camminare il cane o il gatto al vostro fianco. Sono utili zaini, imbracature, trolley e passeggini.

Ferplast Atlas Car Mini è un trasportino con divisorio poco versatile, ma può essere la scelta migliore per chi viaggia principalmente in auto. In caso di inchiodata o di incidente i vostri amici pelosi resteranno al sicuro nel box e il divisorio fa sì che possiate trasportare due animali contemporaneamente. Inoltre, Ferplast permette di comprare delle rotelle come accessorio extra.

Ferribiella Trolley Easy è un trasportino a zaino e trolley molto versatile, perfetto per cani di taglia medio-piccola. Se il vostro amico felino è docile e aperto a seguirvi nelle vostre avventure, è anche un buon trasportino per gatti, comodo e ben aerato. Potrete caricare il vostro amico a bordo (noi l’abbiamo testato con successo con un peso di 6 kg) e poi in spalla, l’ideale per affrontare luoghi troppo affollati o camminate troppo lunghe per le sue zampette. Se siete frequentatori di fiere o megastore, potete usare il trasportino a mo’ di trolley, estraendo il manico telescopico dallo schienale e approfittando delle ruote.
Le retine laterali e frontali offrono un buon panorama visivo e olfattivo all’ospite a bordo, la zip e il guinzaglio interno evitano spiacevoli inconvenienti con persone che dovessero cercare di accarezzare l’animale mentre voi rivolgete lo sguardo altrove. Quando posizionato in orizzontale può essere usato anche in auto, treno, autobus.Trasportino cane gatto passegginoIl trasportino-passeggino ha il contro di essere molto ingombrante, ma è l’unico che si adatti a lunghe passeggiate oppure jogging cittadino. Risulta utile specialmente nel caso di cani anziani o disabili, che mal tollerano gli scossoni che deriverebbero da un trasportino a zaino.

Struttura

Una volta chiarite le necessità pratiche, dovrete valutare la struttura del trasportino, dunque dimensioni, peso e design. Quest’ultimo è molto influente su praticità, comodità e anche capacità di aerazione, indispensabile per garantire serenità anche d’estate all’ospite del trasportino.

Dimensioni

Le dimensioni del trasportino ideali dipendono dal mezzo di trasporto che userete e da quante ore cane o gatto saranno a bordo. Ad esempio, per un volo transoceanico in cabina è opportuno che le dimensioni permettano al vostro animale di accucciarsi e sdraiarsi comodamente, ma anche di cambiare posizione e girarsi agevolmente all’interno del contenitore. Invece, se dovete trasportare cane o gatto dall’auto a casa senza ricoprirvi di peli e fango, anche un’imbracatura leggera potrebbe essere sufficiente.

Peso

Se volete comprare un trasportino a zaino o da installare sulla bicicletta, o anche per la cabina dell’aereo, è meglio cercare un trasportino che pesi il meno possibile. Ad esempio, le compagnie di bandiera (Lufthansa, KLM, ecc.) consentono di trasportare in cabina animali di piccola taglia, purché abbiano il passaporto e le vaccinazioni, e un peso lordo (comprensivo del trasportino) non superiore a quello indicato nelle condizioni contrattuali della compagnia, solitamente intorno agli 8 kg.
Facendo la tara, significa che se il vostro amico pesa 7 kg potrete aggiungere solo 1 kg di trasportino.

I trasportini di tipo rigido in plastica non sono adatti alla cabina dell’aereo, in compenso possono essere usati per il viaggio su quattro ruote in massima sicurezza, come cuccia d’emergenza e per andare dal veterinario. Sono molto facili da igienizzare, il che li rende pratici specialmente per quest’ultimo uso. L’azienda tedesca Trixie, attenta alla sostenibilità, vende singolarmente tutte le parti di ricambio che potrebbero rompersi nell’arco della vita del trasportino. Inoltre, ha nel catalogo dei tappetini assorbenti delle dimensioni idonee.

Portata massima

La portata massima che il trasportino può sostenere deve assolutamente essere adeguata al vostro cane o gatto adulto, cioè che abbia toccato il primo anno di età. Diversamente, dopo meno di un anno potreste ritrovarvi a dover comprare un nuovo trasportino. Altro fattore da considerare se volete risparmiare è che nei primi anni il vostro quattro zampe potrebbe anche ingrassare di qualche chilo, tipicamente in seguito a castratura o sterilizzazione.
Se il cane arriva a pesare più della portata massima del trasportino, la struttura potrebbe cedere e finireste col buttare troppo presto il prodotto. Se invece il tipo di trasportino che state valutando è da montare sulle spalle o sulla bicicletta, potreste farvi male alla schiena oppure mettere a rischio la sicurezza vostra e altrui in strada.

Il trasportino-zaino Nobleza ha una portata di 10 kg e l’imbracatura per fissarlo al corpo è simile a quella degli zaini da trekking, per distribuire il peso al meglio.

Anche se nelle foto più romantiche vediamo cani e gatti nella cesta di vimini della bicicletta, per garantire al vostro animale domestico sicurezza a bordo mentre pedalate la soluzione migliore è quella chiusa. In caso di incidente lieve, l’animale non verrà sbalzato verso situazioni pericolose.

Resistenza

Il materiale di cui si compone un trasportino può essere:

  • Imbottito e poco resistente, ma comodissimo per sonnecchiare;
  • In plastica morbida, tipicamente più resistente, ma meno comoda;
  • In acciaio o metallo, ultra resistente a denti e unghie, ma molto scomodo per i sonnellini.

La scelta dipende dall’uso specifico che volete farne. Ad esempio, se avete già sperimentato una certa forza distruttiva del cane o gatto con zanne e artigli, meglio ripiegare su un trasportino del tipo a gabbia. In generale, se cane o gatto sono piuttosto irrequieti non devono avere la possibilità di aprire il trasportino a forza di morsi e artigliate, per cui in caso di trasportino morbido è consigliabile il nylon, mentre in caso di quello rigido le parti vulnerabili vengono fabbricate in acciaio. Un ulteriore consiglio è quello di prevedere un periodo di aerazione del trasportino appena effettuato l’acquisto, per evitare che la puzza delle plastiche nuove venga inalata da cane o gatto.

Se il vostro migliore amico una volta accomodato nel trasportino tira fuori un inarrestabile impeto distruttivo, Trixie – Gabbia Rete Zincata è un’ottima scelta: è disponibile in diverse taglie e con doppia apertura fronte-retro, per favorire l’operazione di uscita dell’animale. La migliore scelta soprattutto d’estate, perché favorisce la massima areazione.

Le domande più frequenti sul trasportino

Il trasportino per cani è obbligatorio?

In aereo assolutamente , su tutti gli altri mezzi di trasporto dipende dalle politiche dell’azienda di trasporto. Ad esempio, Flixbus non consente affatto l’accesso ai semplici cani o gatti da compagnia, mentre Trenitalia lo prevede espressamente. Dove non fosse obbligatorio il trasportino, potrebbe esserlo per il cane una museruola, per cui vi consigliamo di comprarla e tenerla sempre con voi, per evitare di impazzire a caccia delle varie normative.

Fortunatamente in Italia la tendenza è spesso quella di essere flessibili con le regole, per cui se il vostro quattro zampe non disturba (chi viaggia con voi non soffre di allergie, cane o gatto sono calmi), e i passeggeri intorno a voi acconsentono, è probabile che vi lasceranno quanto meno aprire la porta del trasportino.

Cosa mettere nel trasportino?

Se il trasportino deve finire nella stiva dell’aereo serve la ciotola dell’acqua, in base alle istruzioni della compagnia aerea. Se non andrete in aereo, il viaggio è di diverse ore, o è la prima volta che lo intraprendete, qualche accessorio può essere utile.

I tappetini assorbenti per cani sono disponibili in varie dimensioni e potete scegliere anche la versione per il controllo degli odori. Potrebbe essere un’ottima idea collocarli sotto al vostro pelosetto, perché assorbano eventuali rovesciamenti d’acqua, vomito e urina.

Insieme ai tappetini assorbenti potete mettere una coperta di pile, tessuto anti-morso che permette a Fido e Felix di modellarsi un giaciglio confortevole.

Come scegliere il miglior trasportino per l’aereo?

Le compagnie aeree low cost (EasyJet, Ryanair, ecc.) solitamente hanno spazi più stretti rispetto a quelle di bandiera, perciò non sono aperte al trasporto di animali domestici di alcun tipo. Generalmente accettano solo cani guida, cioè animali altamente addestrati per accompagnare le persone con disabilità e titolari di documenti certificanti tale status.
Il trasportino da cabina deve essere chiudibile e talmente piccolo da essere incastrabile sotto il sedile di fronte al vostro: solitamente le dimensioni sono intorno ai 46 x 28 x 24 cm e il peso lordo massimo di 8 kg, a seconda della compagnia specifica. Oltretutto, l’animale deve potersi girare liberamente al suo interno e dormire su una superficie in tessuto soffice e assorbente; di frequente sono espressamente proibiti cartone, paglia o fogli di giornale.
Un’altra questione importante riguarda l’impermeabilità del fondo del trasportino, perché, se cane o gatto al suo interno dovessero sentirsi male, gli altri passeggeri non devono risentire della dispersione di feci o vomito in cabina.
I trasportini da stiva, invece, di solito possono essere più grandi e più pesanti, ma per essere accettati devono essere conformi alle norme IATA (International Air Transport Association).

Il Ferplast Atlas 20 EL è un trasportino disponibile in varie dimensioni, a seconda della taglia del vostro amico, ed è stato progettato a norma IATA. Può ospitare un cuscino o una copertina e la vetroresina è facilmente igienizzabile.
Per concludere, prima di procedere con l’organizzazione di un viaggio aereo potete controllare la sezione Termini e condizioni della singola compagnia, usando la chiave di ricerca “trasporto animali”. Controllate anche il prezzo e le modalità di acquisto del biglietto per il vostro animale, che sono diversi per ogni vettore.

Quale trasportino per cani usare?

Abbiamo esaminato le esigente specifiche nel caso dell’aereo, ma nella nostra guida all’acquisto trovate una selezione dei migliori trasportini adatti a tutte le situazioni. Dipende da come e quanto portate il vostro amico con voi, ma se usate il trasportino esclusivamente per andare dal veterinario non aspettatevi i salti di gioia quando chiederete a cane o gatto di entrarci.

Qual è il miglior trasportino per quando il cane trascina le zampe posteriori?

Se il vostro veterinario ha diagnosticato una condizione medica per la quale il vostro cane fa fatica a usare le zampe posteriori, potete valutare con lui un’imbracatura leggera, oppure uno dei trasportini mostrati nella nostra guida, ad esempio quello a zaino o a passeggino. 


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato