Le migliori tastiere PC del 2019

Confronta le migliori tastiere PC del 2019 e leggi la nostra guida all'acquisto.

Perixx Periboard 512

La più ergonomica

Poggiapolsi
Divisione dx/sx
TastiA membrana
Retroilluminazione
CompatibilitàWindows
Punti forti
  • Adatta a lunghe sessioni di lavoro
  • Buon rapporto qualità-prezzo
Punti deboli
    Nessuno

Logitech Comfort K280e

La più silenziosa

Poggiapolsi
Divisione dx/sx
TastiA membrana
Retroilluminazione
CompatibilitàWindows, Mac OS
Punti forti
  • Compatibile con più sistemi operativi
  • Digitazione molto silenziosa
Punti deboli
    Nessuno

Trust Lito 22045

Con retroilluminazione

Poggiapolsi
Divisione dx/sx
TastiA membrana
Retroilluminazione
CompatibilitàWindows
Punti forti
  • Retroilluminata
  • Resistente agli schizzi di liquido
Punti deboli
    Nessuno

VicTsing YPVTPC206ABIT-ITYP1

La più versatile

Poggiapolsi
Divisione dx/sx
TastiA membrana
Retroilluminazione
CompatibilitàWindows, Mac OS e Linux
Punti forti
  • Prezzo contenuto
  • Resistente agli schizzi
Punti deboli
    Nessuno

Perixx Periboard 409U

La più compatta

Poggiapolsi
Divisione dx/sx
TastiA membrana
Retroilluminazione
CompatibilitàWindows
Punti forti
  • Molto compatta
  • Comoda anche da trasportare
Punti deboli
    Nessuno

Contenuto sponsorizzato
Ilaria.fioravanti
Autore
Ilaria

I fattori decisivi per la scelta di una tastiera per PC

In questa pagina prendiamo in esame esclusivamente le tastiere per PC cablate, che vengono alimentate tramite un cavo USB connesso al computer e non sono pensate per utilizzi specifici: le tastiere da gaming e i modelli wireless sono trattati in pagine separate.

Ergonomia

Uno dei primi elementi da considerare al momento dell'acquisto di una tastiera per PC riguarda l'ergonomia che questa può offrire. Anche se oggi moltissimi modelli si spacciano per ergonomici, non sempre il loro design può effettivamente aiutare l'utente a ridurre la stanchezza durante lunghe sessioni di lavoro, né evitare l'insorgenza di patologie come la sindrome del tunnel carpale. Esistono diversi accorgimenti che possono essere utilizzati dai produttori per rendere una tastiera ergonomica, e dunque più confortevole anche per un utilizzo prolungato.Tastiera PC ergonomica


I migliori due prodotti della categoria

8 persone su 10 approfittano di queste offerte

Piedi

I piedi sono uno degli elementi più controversi nell'ambito dell'ergonomia delle tastiere per PC. La convinzione generale, infatti, è quella che la possibilità di mantenere la tastiera leggermente inclinata in avanti porti particolari benefici alla postura del polso, un'idea che purtroppo è completamente errata. In realtà l'introduzione dei piedi è diventata obbligatoria negli anni Ottanta, con l'implementazione di una norma nell'ambito della regolamentazione internazionale ISO, secondo cui l'inclinazione di una tastiera deve avere la possibilità di essere regolata con un angolo che varia da 0 a 15° (anche se l'intervallo consigliato va dai 5 ai 12°). L'altezza della tastiera, inoltre, non deve superare i 3 cm. Dal punto di vista dell'ergonomia sarebbe meglio tenere i piedi abbassati e utilizzare anzi una pendenza opposta, con la parte frontale della tastiera più alta rispetto al retro. L'unico motivo per cui i piedi possono risultare utili è la maggiore facilità di lettura dei tasti, un vantaggio che però non è rilevante per chi è in grado di scrivere senza guardare costantemente la tastiera. È importante ricordare, dunque, che se è obbligatorio per tutti i produttori dotare le proprie tastiere di piedi regolabili, la vera ergonomia sta nella possibilità di evitare di utilizzarli.Tastiera PC piedi

Poggiapolsi

I poggiapolsi sono elementi spesso integrati nelle tastiere ergonomiche, ma che possono anche essere acquistati separatamente. I primi sono spesso realizzati in plastica e rappresentano una vera e propria estensione della tastiera stessa, mentre quelli rimovibili sono solitamente realizzati con imbottiture morbide, in grado di mantenere il polso in una postura più confortevole. Come abbiamo visto nel paragrafo precedente, il polso dovrebbe trovarsi sempre in una posizione leggermente rialzata rispetto alla tastiera stessa (motivo per cui è meglio non alzare i piedi posti sul retro della stessa).Tastiera PC poggiapolsi

Divisione tra lato destro e sinistro

Alcune tastiere per PC ergonomiche adottano una struttura particolare, divisa in due parti, a destra e a sinistra, così da consentire una posizione più naturale di mani e polsi durante la scrittura. Questo design non è tra i più diffusi e richiede un certo periodo per abituarsi, ma presenta benefici importanti per chi lavora molte ore al computer. Sono due le principali varianti di questi modelli:


I migliori due prodotti della categoria

8 persone su 10 approfittano di queste offerte

  • Layout fisso: tra la parte destra e sinistra della tastiera intercorre uno spazio più o meno ampio, che non è possibile personalizzare;
  • Layout divisibile (o split): si tratta di tastiere fisicamente divise in due parti, per cui ogni utente potrà separarle a propria discrezione, aumentando o diminuendo a piacere lo spazio tra loro.

Tasti

Un'altra caratteristica fondamentale da valutare quando si sceglie una tastiera riguarda la tipologia dei suoi tasti. Sono due le principali variazioni diffuse sul mercato, ognuna con vantaggi e svantaggi precisi: le tastiere meccaniche e quelle a membrana.

Tastiere meccaniche

In questo tipo di tastiere a ogni tasto corrisponde un interruttore meccanico, che una volta premuto chiude un circuito elettrico, indipendente rispetto a quelli legati a tutti gli altri tasti, inviando un segnale al computer. Esistono molte varianti di tasti diverse, generalmente riconoscibili dal loro colore, che esploriamo più nel dettaglio nella pagine dedicata alle tastiere da gaming (come vedremo, infatti, per questa particolare attività sono i modelli più ricercati in assoluto).Tastiera PC meccanica

Pro
  • Velocità: grazie alla struttura meccanica queste tastiere sono in grado di diminuire il lag (ovvero il ritardo) con cui gli impulsi da essa inviati vengono recepiti dal computer. Inoltre non è necessario premere ogni tasto fino in fondo perché il circuito corrispondente venga chiuso, il che rende questi modelli ideali per tutte le attività che richiedono una grande velocità di digitazione, come appunto il gaming;
  • Durabilità: i tasti meccanici offrono una maggiore resistenza rispetto a quelli a membrana. Se questi sostengono generalmente un massimo di 10 milioni di battute per tasto, infatti, quelle meccaniche ne supportano in media tra i 50 e i 60 milioni;
  • Manutenzione: la possibilità di eseguire una pulizia più completa è uno dei fattori che rende le tastiere meccaniche adatte a utilizzi più intensivi e prolungati nel tempo. Ogni tasto può infatti essere rimosso senza difficoltà, e l'interruttore meccanico tende a non accumulare grandi quantità di polvere rispetto alle membrane in gomma;
  • Peso: la struttura delle tastiere meccaniche le rende più pesanti e dunque più stabili, un vantaggio importante per chi lavora molte ore al computer;
Contro
  • Rumorosità: proprio per il rumore molto accentuato che emettono i tasti a ogni pressione, le tastiere meccaniche non sono particolarmente popolari negli uffici o, in generale, in ambienti di lavoro condivisi, dove vengono preferiti modelli più silenziosi;
  • Costo: anche se ormai è possibile trovare tastiere meccaniche di fascia economica, il loro costo è comunque mediamente maggiore rispetto a quelle a membrana, un difetto comunque relativo considerate le caratteristiche.

Tastiere a membrana

Le tastiere a membrana sono oggi considerate la norma tra gli utenti, e sono utilizzate sia per PC fissi che per notebook portatili. La loro struttura è più semplice rispetto a quella utilizzata nei modelli meccanici, ed è composta da due strati unici di circuiti e una membrana a semicupole che, quando si esercita pressione, permette di inviare un segnale al computer. Vediamone i vantaggi e gli svantaggi.Tastiera PC a membrana


I migliori due prodotti della categoria

8 persone su 10 approfittano di queste offerte

Pro
  • Costo: le tastiere a membrana sono mediamente più economiche rispetto a quelle meccaniche, anche se come abbiamo visto vanno sostituite con una frequenza maggiore;
  • Silenziosità: questi modelli sono diventati tanto popolari anche per il rumore minimo che emettono alla battuta, una caratteristiche molto importante in qualunque ambiente di lavoro.
Contro
  • Durabilità: come già accennato, le tastiere a membrana hanno una vita in media 5-6 volte più breve rispetto a quelle meccaniche, anche se devono comunque essere sottoposte a un uso estremamente intensivo prima di essere sostituite;
  • Manutenzione: dato che la membrana è realizzata in gomma e i tasti non sono facilmente rimovibili, eliminare la polvere o altre tracce di sporco da queste tastiere risulta molto più complesso rispetto ai modelli meccanici, un elemento che può ulteriormente influire sulla longevità della tastiera stessa;
  • Velocità: i tasti a membrana devono sempre essere premuti completamente perché il segnale venga registrato dal computer, un'operazione che già di per sé richiede un tempo maggiore rispetto ai modelli meccanici, rendendo le tastiere a membrana meno adatte al gaming e a tutte le attività che richiedono una digitazione estremamente rapida e precisa;
  • Peso: più leggere e meno stabili, le tastiere a membrana possono dare un senso di minore robustezza rispetto a quelle meccaniche.
Tipi di tastiere a membrana

Una piccola nota a parte va fatta per distinguere due diversi tipi di tastiere a membrana: quelle classiche e quelle chiamate scissor:

  • Classiche: hanno una corsa dei tasti più lunga e uno spessore maggiore;
  • Scissor: rappresentano una soluzione discreta anche per il gaming, grazie a una corsa dei tasti breve e a una risposta più rapida agli input.Tastiera PC membrana classica o scissor

Funzioni

Per valutare in modo completo una tastiera è necessario esaminarne anche possibili funzioni e caratteristiche aggiuntive, che possono renderla più o meno adatta a determinati tipi di utilizzo.

Retroilluminazione

La presenza di luci LED al di sotto dei tasti permette di usare agevolmente la tastiera anche in ambienti poco illuminati. Raramente si trova questa funzione in modelli di fascia economica, soprattutto se si considerano le tastiere a membrana, mentre nei prodotti più avanzati ogni singolo tasto è dotato di una propria illuminazione, di cui è anche possibile regolare l'intensità. In questo caso, nelle tastiere meccaniche pensate per il gaming è anche possibile personalizzare il colore di ogni tasto, mentre solitamente per altri tipi di utilizzo si preferisce una luce bianca neutra.Tastiera PC retroilluminazione


I migliori due prodotti della categoria

8 persone su 10 approfittano di queste offerte

Personalizzazione

Molti pensano che la possibilità di personalizzare una tastiera sia un fattore importante solo per gli appassionati di gaming, dove la presenza di tasti macro è fondamentale per potersi godere molti titoli. Questi possono infatti riprodurre una serie di eventi in sequenza, a seconda delle impostazioni decise dall'utente, semplificando notevolmente diverse azioni. In realtà essere in grado di personalizzare alcuni comandi può migliorare in modo sensibile anche le performance sul lavoro: basti pensare a quanto vantaggiose siano le shortcut (o scorciatoie, ovvero combinazioni di tasti che permettono di eseguire una specifica azione) per operazioni di base come copiare e incollare testi o foto, o per passare da una finestra all'altra quando si naviga online. Anche se la presenza di tasti macro è effettivamente limitata a modelli pensati per il gaming, esistono alcune tastiere dotate di software proprietari che permettono di modificare alcune impostazioni, rendendo più agevole il loro utilizzo.

Compatibilità

Anche se Windows rimane il sistema operativo più diffuso in assoluto, Mac OS X e Linux rappresentano una concorrenza importante per la Microsoft, e sempre più utenti cercano periferiche in grado di funzionare correttamente con più dispositivi. Oggi sono ancora relativamente poche le tastiere esplicitamente progettate per offrire la massima compatibilità, e anche se esistono metodi sia su Mac OS X che su Linux per riconfigurarle, è consigliabile cercare un modello adatto al proprio computer, così da poter sfruttare la funzione "Plug&Play", grazie alla quale è sufficiente collegare la periferica via USB e lasciare al computer il compito di riconoscerla e impostarla correttamente.Tastiera PC compatibilità
Nel caso in cui questa non sia disponibile, tuttavia, è possibile procedere con una configurazione manuale:

  • Mac OS X: generalmente nel momento in cui viene collegata una nuova tastiera si apre automaticamente una finestra, dove è possibile impostare il layout e verificarne il corretto funzionamento premendo un paio di tasti diversi indicati da una semplice procedura guidata;
  • Linux: a seconda della versione utilizzata, potrà essere necessario digitare alcune linee di comando o utilizzare un determinato software, tramite cui è possibile riconfigurare svariati parametri come il layout e la nazionalità della tastiera.

Connettori

Per quanto riguarda la connessione a un computer, oggi la grande maggioranza delle tastiere per PC sono dotate di un cavo USB. Tuttavia, va notato che alcuni modelli sono ancora dotati di un connettore PS2, uno standard datato ma che permette di registrare più di sei segnali in contemporanea, un limite imposto invece dalle più recenti connessioni USB. Nel caso si preferisca una tastiera dotata di PS2, è possibile sfruttare un semplice adattatore che la renderà compatibile con qualunque computer moderno.

I materiali sono importanti?

La grande maggioranza delle tastiere per PC è realizzata con materiali plastici, la cui robustezza può variare in modo considerevole a seconda del modello prescelto e della sua fascia di prezzo. Talvolta è possibile trovare tastiere con una base metallica, che tuttavia sembra una scelta puramente estetica e non presenta particolari vantaggi.

Il prezzo è importante?

Il prezzo di una tastiera dipende da diversi fattori, tra cui la tipologia dei tasti, la marca e l'ergonomia che è in grado di offrire.

  • Tastiere a membrana: le più diffuse in assoluto, spaziano da prezzi estremamente contenuti (dai 5 €), per arrivare a circa 100 € nei modelli più completi;
  • Tastiere meccaniche: più costose rispetto alle precedenti, se ne possono reperire a partire dai 30 € per raggiungere i 300 €. Trattandosi di modelli orientati alle performance, è consigliabile investire una cifra maggiore e non accontentarsi dei modelli più economici;
  • Tastiere ergonomiche: sono mediamente le più care. Anche se si trovano modelli a circa 30 €, infatti, si può arrivare a prezzi estremamente elevati, anche sui 500 €.

Il marchio è importante?

Anche se ormai è facile reperire sul mercato tastiere a basso costo realizzate da marchi sconosciuti, diversi produttori sono noti per le loro periferiche, non necessariamente appartenenti a una fascia di prezzo alta. Tra questi, possiamo ricordare Logitech, HP, Trust e Microsoft, mentre Corsair e Asus realizzano diversi modelli pensati soprattutto per il gaming.


Copyright Reviewlution GmbH – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato
Ti abbiamo aiutato? Lasciaci un voto qui sotto!
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (nessun voto)
Loading...

Quali sono le migliori tastiere PC del 2019?

La tabella delle migliori tastiere PC del 2019 scelte dalla redazione di QualeScegliere.it

Prodotto Migliore
offerta
Perixx Periboard 512 29,99 €
Logitech Comfort K280e 25,28 €
Trust Lito 22045 19,63 €
VicTsing YPVTPC206ABIT-ITYP1 13,99 €
Perixx Periboard 409U 14,99 €

Contenuto sponsorizzato

"Tastiera pc": hai dubbi? Facci una domanda!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Contenuto sponsorizzato