I migliori macinacaffè del 2017

Confronta i migliori macinacaffè del 2017 e leggi la nostra guida all'acquisto.
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa

5 Fattori decisivi per la scelta del macinacaffè

1. Sistema di macinatura

Struttura macinacaffè con lameIl primo fattore decisivo nella scelta del proprio macinacaffè riguarda la natura di funzionamento del prodotto, che può essere essenzialmente di tre tipologie: esistono infatti macinacaffè manuali, macinacaffè elettrici con lame e macinacaffè elettrici con macina interna. Comprendere cosa differenzia questi tipi di meccanismi che sono alla base di un macinacaffè è fondamentale per acquistare un prodotto che sia in linea con l'utilizzo che se ne voglia effettuare e, soprattutto, con i risultati che si desidera ottenere.
In questa sede ci occuperemo solo dei prodotti elettrici: nei due paragrafi successivi andiamo ad illustrare le differenze principali tra queste due grosse tipologie di apparecchi, macinacaffè a lame e con macina.
Prima di addentrarci nella spiegazione di tali differenze bisogna specificare che, a prescindere dal tipo di macinacaffè acquistato, l'utilizzo di uno di questi apparecchi è senza dubbio vantaggioso dal punto di vista dell'aroma del caffè, che, macinato subito prima della preparazione, sarà sicuramente più intenso rispetto a quello preparato con polvere già macinata.
Vediamo ora cosa contraddistingue ciascuna delle due tipologie di macinacaffè elettrico.

Le lame rotanti

I macinacaffè con lame rotanti possono essere paragonati a dei tritatutto in miniatura. La loro struttura e il loro funzionamento sono infatti altrettanto semplici: troviamo un corpo macchina composto da un contenitore in cui sono posizionate delle lame in acciaio inox che, una volta messo in funzione l'apparecchio, iniziano a ruotare, sminuzzando di fatto i chicchi di caffè e riducendoli in polvere.
Esistono anche dei modelli con lame rotanti che sono dotati di due contenitori, uno dove si effettua la macinazione e un altro dove viene raccolto il caffè macinato.
Macinacaffè con lame
Il funzionamento degli apparecchi con lame è in un certo senso "manuale", visto che è l'utente a pigiare il pulsante di attivazione del macinacaffè e decidere, in base a quanto a lungo terrà in funzione le lame rotanti, quanto finemente voglia macinare i chicchi.

La macina

Macinacaffè con macina internaL'altro gruppo di macinacaffè esistenti comprende tutti quegli apparecchi che, al posto delle lame rotanti, prevedono una macina interna che va a frantumare i chicchi di caffè.
La struttura di questi modelli è sicuramente più grossa di quelli a lame, visto che questi modelli hanno bisogno di ospitare, oltre al meccanismo di funzionamento interno che include la macina, anche due diversi contenitori, uno dove si collocano i chicchi di caffè e l'altro dove viene raccolto il macinato.
Il funzionamento di questo tipo di prodotto è più comodo e semplice rispetto ai dispositivi con lame in quanto, una volta inseriti i chicchi, l'utente deve scegliere il grado di macinatura da impostare, eventualmente il numero di tazze da preparare, e pigiare l'apposito pulsante che attiva l'apparecchio. Il macinacaffè farà poi tutto da solo.
Questo tipo di macinacaffè è considerato di più alta qualità (e, infatti, i modelli di questo tipo costano anche di più rispetto a quelli a lame) perché il movimento effettuato dalla macina, essendo più lento, espone i chicchi di caffè ad un minor calore in modo da preservarne l'aroma originario.
La macina può essere poi di diversi tipi:

  • Macina conica o piatta: la prima tipologia è considerata migliore perché in grado di ridurre al massimo il surriscaldamento che la frizione causa ai chicchi di caffè, visto che le macine di questo tipo girano anche a velocità più ridotte rispetto alle macine piatte. Queste ultime però offrono il vantaggio di essere meno costose. La differenza tra i due tipi di macine è a nostro avviso riscontrabile in maniera tangibile quando si producano caffè su larga scala, mentre è meno evidente quando si utilizza il macinacaffè in ambito domesticoLa macina piatta
  • In ceramica, acciaio o titanio: anche il materiale con cui la macina è prodotta può variare e, tra tutti, la ceramica è considerata l'opzione migliore perché scalda ancor meno i chicchi, oltre ad essere particolarmente silenziosa. L'aspetto positivo delle leghe metalliche, invece, è la loro elevata resistenza e longevità

2. Gradi di macinatura

Uno dei fattori più importanti nella scelta di un macinacaffè riguarda la possibilità che questo offre di selezionare diversi gradi di macinatura dei chicchi, perché questa caratteristica influenza direttamente la versatilità dell'apparecchio.
Ma perché è così importante scegliere un particolare grado di macinatura del caffè?
La risposta è semplice ma non sempre conosciuta da tutti: in base al tipo di caffè che si desidera bere, servirà una specifica finezza della polvere da utilizzare all'interno della macchina da caffè.
La macinatura più grossolana, ad esempio, è quella adatta a preparare il caffè filtrato, la macinatura media, invece, è quella che si utilizza per la tradizionale moka, mentre la polvere più sottile in assoluto è quella ideale per le macchine da caffè espresso.
La selezione dei livelli di macinatura, che è presente quasi esclusivamente nei modelli a macine, può avvenire in maniera più o meno sofisticata: i prodotti più semplici, ad esempio, prevedono una levetta regolabile o dei pulsanti che indicano a "grandi linee" il grado di finezza che si può impostare, in maniera un po' meno accurata rispetto ad altri modelli che, invece, hanno una ghiera di selezione che può avere da un minimo di 5 fino anche a oltre 15 diversi spessori impostabili.
Attenzione: sebbene i modelli a lame non possano solitamente consentire all'utente di selezionare un grado di macinatura (perché, di fatto, questo dipende da quanto a lungo sono azionate le lame), possono però disporre di alcuni aiuti per guidare l'utilizzatore come, ad esempio, delle lucine che segnalino quando si sia raggiunta una consistenza grossolana, media o sottile (lo possono dedurre dalla durata della lavorazione).

3. Struttura

Anche la struttura del macinacaffè gioca un ruolo decisivo nell'identificazione del modello giusto visto che, al suo variare, cambiano anche altri elementi da considerare quali l'ingombro, la comodità di utilizzo e l'adeguatezza di tale struttura alla quantità di chicchi che si desidera macinare.
All'interno dell'ampia gamma di apparecchi disponibili in commercio, dovrete scegliere quindi un macinacaffè le cui seguenti caratteristiche corrispondano ad un tipo di struttura che ben si sposi con le vostre esigenze:

  • Campana macinatura chicchiCapienza: ovvero la capacità massima di chicchi che il contenitore per la lavorazione può ospitare. Bisogna premettere che, in linea generale, l'ideale è non macinare troppo caffè tutto insieme poiché, dovendolo poi conservare, si rischia di perdere la freschezza e l'intensità dei chicchi di caffè appena polverizzati, ovvero il principale vantaggio di un apparecchio di questo tipo. In base, però, al numero di caffè che si desideri preparare e, considerando che la quantità di caffè ideale per la preparazione di un espresso è di 7-10 g, è bene scegliere un modello che abbia una capienza adeguata, tenendo presente anche che i macinacaffè più abbondanti contengono fino a 250 g di chicchi (che diventano anche di più nei modelli di tipo professionale, quelli pensati per i bar e la ristorazione), mentre i più piccoli hanno contenitori che ospitano un massimo di circa 50 g
  • Ingombro: anche lo spazio che si ha a disposizione nella propria cucina è un elemento importante da tener presente quando si sceglie un macinacaffè, insieme anche al tipo di utilizzo che si desidera fare del proprio prodotto. Se, ad esempio, contate di riporre il vostro apparecchio dopo ogni utilizzo perché non avete molto spazio a disposizione in casa, sarà bene preferire un modello dalla stazza compatta, anche se questo implica una minore capienza dei contenitori. Al contrario, esistono modelli che è meglio lasciare fissi sulla superficie di lavoro perché più pesanti ed ingombranti, ma ideali per chi vuole macinare grosse quantità di caffè, ad esempio grossi nuclei familiari o uffici
  • macinacaffè due contenitoriNumero di contenitori: l'ultimo aspetto strutturale da considerare riguarda il numero di contenitori presenti, visto che in commercio è possibile trovare modelli con uno o due contenitori. Nei macinacaffè a contenitore unico, che sono la stragrande maggioranza di quelli a lame, la macinatura dei chicchi avviene direttamente nella campana in cui questi vengono versati, dove poi rimane la polvere macinata. I modelli a due contenitori invece prevedono un secondo recipiente in cui viene convogliata e raccolta la polvere di caffè, e sono di questo tipo i modelli a macina e alcuni a lame. Quest'ultima opzione implica inevitabilmente una struttura più ingombrante, ma è considerata da molti più comoda, soprattutto quando si hanno grandi quantità di chicchi da macinare

4. Funzioni

Sebbene non siano particolarmente numerose, le funzioni di un macinacaffè vanno comunque ad incidere sulla sua semplicità di utilizzo, oltre che sulla sofisticatezza dell'apparecchio e, di conseguenza, sul suo costo finale.
Nell'elenco che segue, trovate le tre funzioni principali che possono essere incluse o meno in un apparecchio di questo tipo:

  • Selettore del numero di tazze: questa è sicuramente la funzione più importante ed utile di cui un macinacaffè può essere dotato. Consiste nella selezione del numero di tazze di caffè per la cui preparazione viene macinato il caffè, ed è una caratteristica peculiare solo ai modelli che prevedano due diversi contenitori, uno per i chicchi e l'altro per il macinato. Questa funzione consente al macinacaffè di regolare da solo la quantità di chicchi necessariSelettore tazze
  • Attivazione: bisogna badare al tipo di attivazione che l'apparecchio prevedere, ovvero di tipo "ON/OFF" oppure a pressione. Quest'ultimo sistema richiede una maggiore attenzione da parte dell'utente visto che sarà lui a controllare tutta la durata dell'operazione di macinatura dei chicchi di caffè ed è quello tipico dei modelli a lame
  • Sistemi di sicurezza: alcuni modelli possono prevedere dei particolari dispositivi per assicurare una maggiore sicurezza all'utilizzatore come, ad esempio, l'impossibilità di mettere in funzione il macinacaffè (soprattutto a lame) se non si sia opportunamente chiuso il coperchio del contenitore di lavorazione dei chicchi, oppure altri dispositivi di blocco delle lame in caso di apertura improvvisa di tale contenitore

5. Praticità d'uso

Contenitore estraibileUltima, ma non per importanza: la praticità d'uso è un fattore molto importante da valutare nella scelta del macinacaffè più adatto alle proprie esigenze.
Considerando, infatti, che questo tipo di apparecchio si utilizza su base quotidiana, ci pare fondamentale la semplicità e comodità con cui questo possa essere preso e riposto, pulito, usato, montato e smontato.
Ecco un elenco di tutti gli elementi che vanno ad incidere sulla praticità d'uso di un macinacaffè:

  • Campana estraibile: i modelli più comodi permettono di estrarre la campana dove viene macinato il caffè, in modo da facilitare la pulizia e anche lo svuotamento di tale contenitore. La maggior parte dei modelli di tipo economico non prevede questa possibilità, e questa può per alcuni risultare una caratteristica scomoda, soprattutto considerando che i modelli con lame rotanti presentano il rischio di ferirsi mentre si pulisce l'apparecchio
  • Spazzolina puliziaFacilità di pulizia: oltre alla possibilità di estrarre il contenitore di macinatura dei chicchi appena citato, altri elementi contribuiscono alla facilità di pulizia di un macinacaffè. Alcuni prodotti includono, ad esempio, una spazzolina che aiuti a liberare le lame o altri componenti dell'apparecchio dalla polvere di caffè, oppure prevedono dei contenitori che sono lavabili in lavastoviglie e rendono, quindi, l'operazione di pulizia estremamente semplice e rapida
  • Piedini antiscivolo: la presenza di questi piedini conferisce all'apparecchio una certa stabilità durante l'utilizzo e torna particolarmente utile nei prodotti con lame rotanti che tendono, per propria natura, a vibrare e muoversi durante il funzionamento
  • Avvolgicavo: la presenza di tale vano per raccogliere il cavo permette di tenere in maniera più ordinata il proprio macinacaffè
  • Trasparenza dei contenitori: la presenza di contenitori totalmente o parzialmente trasparenti aiuta a monitorare lo stato della lavorazione del caffè

Altri fattori da tenere in mente per la scelta del macinacaffè

I materiali sono importanti?

Come accennato nei paragrafi precedenti, quando si tratta di scegliere un macinacaffè è molto importante badare ai materiali di cui è composto. In particolare, bisogna prestare attenzione al materiale del sistema di macinatura. Se è quasi esclusivo l'utilizzo dell'acciaio inox per le lame rotanti, c'è invece più scelta tra i materiali di cui sono fatte le macine: tra ceramica, acciaio e titanio noi suggeriamo di preferire quelle in ceramica, che, ricordiamolo, è considerato il materiale migliore per mantenere le proprietà dei chicchi di caffè in termini di freschezza e aroma.
Anche il corpo macchina dell'apparecchio che si sceglierà di acquistare può fare la differenza: molti sono in plastica (di cui dovreste verificare la robustezza visto che il macinacaffè, soprattutto se a lame, tende a generare calore durante il suo funzionamento), ma molti altri hanno invece un corpo macchina in materiali più resistenti e longevi, come ad esempio l'acciaio o altre leghe metalliche.
Infine, sappiate che la maggior parte dei macinacaffè ad uso domestico prevedono dei contenitori per i chicchi di caffè e per il caffè macinato che sono in plastica ma, se siete alla ricerca di un modello professionale e particolarmente avanzato, potrete anche trovarli in vetro.

La marca è importante?

Preferire una marca in particolare non è molto importante a nostro avviso, ma suggeriamo di scegliere sempre in maniera coscienziosa. Il nostro consiglio è infatti quello di affidarsi ad aziende che non siano sconosciute, in modo da avere una certa garanzia della sicurezza ed affidabilità del prodotto che comprerete. Ad oggi, comunque, i macinacaffè elettrici con lame o con macine più gettonati in commercio, appartenenti a fasce di prezzo davvero diverse tra loro, sono delle seguenti marche: Krups, De'Longhi, Bosch, Severin e Clatronic.
Non è un caso, tra l'altro, che diversi produttori di macinacaffè siano anche produttori di macchine da caffè di varia tipologia, come nel caso di Krups e De'Longhi, che si attestano come veri "specialisti del settore caffè".

Il prezzo è importante?

Il prezzo è importante nella misura in cui si comprende che esso è indicativo delle caratteristiche del macinacaffè che si va ad acquistare. Ricordate, infatti, che la caratteristica che maggiormente influisce sul prezzo di un macinacaffè è il suo sistema di macinatura: se, infatti, è facile trovare in commercio dei prodotti a lame rotanti dal prezzo davvero economico (parliamo anche di 15 €!), non si può trovare invece altrettanto facilmente un prodotto con macina interna che costi così poco (per questi macinacaffè, infatti, si parte da almeno 50 € circa).
Ci sono poi altri fattori che vanno ad influire sul costo finale come, ad esempio, la presenza di un numero più o meno alto di funzioni e la sofisticatezza di esse, o ancora il materiale dei contenitori (quelli in vetro sono ovviamente più costosi). Per farvi un'idea, potete comunque basarvi sulla seguente indicazione per capire quali sono le fasce di prezzo dei macinacaffè attualmente diffusi sul mercato:

  • Da 15 a 30 €: qui troviamo tutti i macinacaffè di fascia di prezzo bassa, che sono di solito dei semplicissimi apparecchi dalle piccole dimensioni e con lame rotanti
  • Da 30 a 60 €: nella fascia di prezzo media troviamo molti macinacaffè a lame rotanti, ma più sofisticati e accurati dei prodotti di fascia economica. Sono rari, invece, i macinacaffè con macina che costano meno di 60 €
  • Da 60 € in su: in questa fascia di prezzo alta si collocano tutti i prodotti con macina interna. Rientrano in questo gruppo sia i modelli per uso domestico, che arrivano ad un massimo di circa 100 €, che quelli professionali, che toccano anche cifre oltre i 350 €

Quali sono i migliori macinacaffè del 2017?

La tabella dei migliori macinacaffè del 2017 scelti dalla redazione di QualeScegliere.it

Prodotto Voto finale Recensione
Krups GVX242 8,5 Recensione
De'Longhi KG 79 7,9 Recensione
Bosch MKM6003 6,3 Recensione
Clatronic KSW 3307 6 Recensione
Duronic CG150 6,2 Recensione

Macinacaffè: tutti i prodotti recensiti

"Macinacaffè": hai dubbi? Facci una domanda!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecco i migliori tre prodotti della categoria.

8 visitatori su 10 approfittano di queste offerte.

Il migliore in assoluto

Krups GVX242

Miglior prezzo: 67,99€

Il miglior rapporto qualità-prezzo

De’Longhi KG 79

Miglior prezzo: 45,00€

Il più venduto

Bosch MKM6003

Miglior prezzo: 27,27€