Le migliori macchine da cucire del 2017

Confronta le migliori macchine da cucire del 2017 e leggi la nostra guida all'acquisto.
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa

5 Fattori decisivi per la scelta della macchina da cucire

1. Tipologia

Macchina da cucire elettronica

Una macchina da cucire elettronica con display

Questo fattore si riferisce alle due grandi tipologie di macchine da cucire esistenti attualmente in commercio, ovvero la macchina elettronica e quella meccanica. Prima di spiegare nel dettaglio in cosa questi due modelli differiscano è importante fare una piccola premessa: considerare il fattore tipologia è decisivo nell’acquisto della propria macchina da cucire poiché da questo dipende il funzionamento pratico dell’apparecchio, il tempo che sarà necessario per realizzare un particolare punto di cucito e anche il grado di esperienza che è necessario possedere per utilizzare la macchina da cucire in maniera corretta.
La differenza principale tra le due tipologie risiede infatti nella diversa gestione della scelta della cucitura da realizzare che, in termini concreti, equivale a come si selezionano e realizzano concretamente i differenti punti di cucito. Una macchina da cucire elettronica, ad esempio, possiede una serie di pulsanti collegati ad una scheda elettronica che da impulso a dei meccanismi interni alla macchina per la scelta, la personalizzazione e la realizzazione del punto mentre, una macchina da cucire meccanica possiede delle manopole che permettono di selezionare tali impostazioni, sfruttando appunto un principio meccanico.
In termini di longevità, qualità dei risultati e del prodotto in sé, invece, non esistono delle differenze tra le due tipologie di macchina che, infatti, rappresentano due alternative intercambiabili per quanto riguarda l’affidabilità e la robustezza
Come detto in precedenza, queste due tipologie si distinguono prevalentemente per un diverso processo di svolgimento della cucitura e per la presenza di alcune funzioni che nel tipo elettronico sono automatiche mentre nell’altra tipologia sono da realizzare manualmente. Per tale motivo, l’utilizzo di una tipologia può risultare più semplice dell’altra: la macchina da cucire elettronica è sicuramente più indicata per i principianti del cucito in quanto richiede una minore esperienza non solo manuale ma anche teorica visto che offre parametri già preimpostati in maniera automatica quando si seleziona un determinato punto da cucire (mentre, nella macchina meccanica è l’utente che dovrebbe possedere una certa praticità e conoscenza in materia al fine di selezionare le corrette impostazioni). In definitiva, acquistare una macchina da cucire elettronica oppure una macchina da cucire meccanica è una scelta personale, dettata soprattutto dalla propria abilità nel cucito e dalle proprie esigenze e lo dimostra il fatto che, mentre una sarta alle prime armi potrebbe giovare della semplicità di una macchina elettronica, una più esperta potrebbe vederla come uno strumento troppo poco manuale e creativo.

2. Punti di cucitura

I punti di cucitura sono sicuramente il fattore più decisivo nell’acquisto di una macchina da cucire perché determinano quali tipi di cuciture sarà possibile realizzare concretamente con un modello in particolare. Per chi stesse approcciando per la prima volta il mondo del cucito, è necessario sapere che i punti consistono in tecniche o per meglio dire in modalità di realizzazione di una cucitura, ci si riferisce cioè a che tipo di linea viene realizzata con il cotone sul tessuto: questa può essere, ad esempio, dritta e semplice oppure doppia, elastica e di tante altre tipologie ancora. Quali e quanti tipi di punti di cucitura una macchina da cucire dovrebbe possedere per essere buona e versatile? La risposta a questa domanda dipende totalmente dall’utilizzo che si deciderà di fare della propria macchina: bisogna infatti valutare quanto frequentemente questa verrà utilizzata, se per lavoro oppure per hobby, che tipo di stoffe verranno lavorate prevalentemente e se si utilizzerà l’apparecchio esclusivamente per cucire o anche per ricamare, ad esempio. Vediamo nel dettaglio quali sono i vari punti esistenti, che caratteristiche hanno e quanta versatilità possono offrire.

Punti di base

Per assicurarsi una macchina che permetta di cucire praticamente ciò che si desidera (ma senza realizzare decori o tecniche particolari) bisognerebbe possedere almeno i due punti base che sono i seguenti:

  • Il punto lineare: serve per realizzare la classica cucitura che consiste in una linea retta
  • Il punto zig zag: realizza una linea dalla tipica forma a zig zag la cui fittezza dei punti può essere personalizzata

Se poi a questi si aggiunge alche il punto elastico, che serve per lavorare, appunto, anche i tessuti elastici, la macchina sarebbe sicuramente dotata degli strumenti necessari per essere molto buona e adatta a numerose creazioni.

Larghezza e lunghezza del punto

macchina da cucire punti

La possibilità di selezionare le dimensioni dei punti permette di lavorare un gran numero di tessuti

È molto importante assicurarsi che la macchina da cucire scelta per l’acquisto permetta di selezionare due elementi: la lunghezza del punto, cioè quanto velocemente le griffe di trasporto muovono la stoffa sotto l’ago e quindi quanto sia lungo ogni punto e la larghezza del punto, cioè per esempio quanto largo sia lo zig zag o altri tipi di punti. Questo vi permetterà di adattare le cuciture al tipo di tessuto da lavorare e anche di effettuare delle scelte creative e di stile personale.

Punti per altre tecniche e per decori

Il numero di punti di cucitura realizzabili è davvero grande e molti di essi svolgono delle funzioni decorative, che le meno esperte e le persone che necessitano di fare un utilizzo della macchina da cucire molto essenziale probabilmente non saranno interessate a considerare. Ecco una lista di alcuni tra i più utilizzati punti di cucitura:

  • Punto orlo: non serve solo a realizzare l’orlo ma ha anche una funzione decorativa. Può essere tradizionale, oppure di diverso tipo come, ad esempio, il punto orlo a conchiglia che consiste in un orlo con una forma differente
  • Punto serpentina: ha una funzione decorativa e funge anche da fissaggio elastico
  • Punto imbastitura: punto per creare una cucitura provvisoria che consiste in punti morbidi e larghi che possono poi essere facilmente rimossi e sostituiti dai definitivi
  • Punto smerlo: utilizzato per la decorazione di colletti o per orli su fazzoletti e altri tessuti
  • Punto scala: è un punto decorativo il cui nome viene dalla forma che ricorda effettivamente quella di una serie di gradini messi in serie
  • Punto sopraggitto: è un punto usato per rifinire un bordo e proteggerlo dallo sfilacciamento, può adattarsi a tessuti leggeri, medi e pesanti e può essere sia dritto che obliquo.

Ricami e altri decori

La presenza dei punti ricamo o punti decorativi rende sicuramente la macchina da cucire molto più sofisticata, costosa e completa. Questi punti non possono essere definiti indispensabili al cucito, ma sono sicuramente una marcia in più perché permettono di realizzare ghirigori creativi ed originali che a mano, soprattutto per sarte inesperte, sarebbero impossibili da creare. Tra le varie decorazioni possibili troviamo numeri e lettere, animali, fiori e altri simboli che possono essere ricamati in maniera molto semplice e veloce, semplicemente selezionando il decoro preferito e attivando il pedale di cucitura. Ovviamente, a meno che non servano per lavoro o per una particolare passione, i punti da ricamo e ghirigori vari non sono utilizzati in maniera molto frequente ma contribuiscono ad innalzare il prezzo finale della macchina da cucire e, dunque, bisogna valutare se effettivamente si necessita di un prodotto così completo o se si può optare per uno più essenziale.

L’asola

Realizare un’asola a mano non è un’operazione semplice e da tutte: per tale motivo, potrebbe tornare molto utile acquistare una macchina da cucire che, tra i vari punti di cucitura, includa anche l’opzione per realizzare l’asola in quattro fasi. Questo significa che la macchina sarà dotata di quattro punti che, selezionati in maniera sequenziale, permettono di realizzare i quattro lati di un’asola in maniera molto facile e veloce. Esistono, inoltre, delle macchine che includono diversi tipi di asola quali, ad esempio, quelle con decori o stili della linea di cucitura differenti dalla cucitura standard.

3. Funzioni

Le funzioni che caratterizzano una macchina da cucire rappresentano un importante fattore decisivo per l’acquisto poiché, oltre a influire sul prezzo finale della macchina impreziosendola, ne rendono anche il funzionamento più semplice e pratico. Alcuni modelli elettronici infatti svolgono in maniera automatizzata alcune funzioni che possiedono anche le macchine da cucire meccaniche, rendendo quindi la stessa operazione molto più facile da realizzare e meno dispendiosa in termini di tempo. Come vedremo a breve, alcune funzioni riguardano l’uso della macchina in sé mentre altre riguardano la realizzazione di determinate tecniche di cucitura; inoltre, alcune funzioni rappresentano dei comodi extra che rendono il prodotto più sofisticato mentre altre costituiscono dei veri e propri alleati indispensabili, soprattutto per le principianti di taglio e cucito.
Ecco un elenco delle principali funzioni che una macchina da cucire può avere:

  • Regolazione del piedino: alcune macchine permettono di regolare il piedino in differenti posizioni in modo da facilitare il lavoro quando si devono cucire più strati di tessuto
  • Funzione ago gemello: serve per utilizzare uno speciale ago composto in realtà da due aghi identici, specifico per la realizzazione di cuciture doppie quali, ad esempio, gli orli delle magliette o di un abito
  • Retromarcia: questa funzione cambia la direzione con cui si muove il tessuto su cui si sta lavorando (che, per intenderci, invece di allontanarsi dall’utente come avviene normalmente, si muove in direzione opposta). In questo modo si realizza il punto indietro che serve ad evitare che il filo si sfili
  • Braccio libero: consiste nella presenza di un vano porta accessori rimovibile dalla base della macchina da cucire che consente di realizzare una cucitura detta “a braccio libero” perché invece di essere di tipo orizzontale, permette di muoversi in maniera circolare e realizzare, ed esempio, orli di pantaloni, polsini o maniche
  • Rientro della griffa di trasporto: alcuni modelli offrono la possibilità di abbassare il livello dei dentini che possiede la griffa di trasporto (vale a dire quella base metallica su cui “scivolano” i tessuti mentre vengono cuciti) e di muovere manualmente il tessuto nella direzione desiderata. In questo modo è possibile realizzare delle tecniche specifiche di cucito come, ad esempio, il ricamo libero
  • Macchina da cucire led

    Una macchina da cucire con illuminazione a led

    Luci LED: invece della classica lampadina singola, alcune macchine da cucire sono dotate di una o più luci LED (che possono anche essere di diversi colori) e che aiutano per una visibilità ottimale
  • Avvolgimento della bobina automatico: è la versione automatica di una funzione che normalmente si svolge manualmente e permette di avvolgere il cotone dal rocchetto alla bobina semplicemente premendo un pulsante dedicato
  • Infila-ago: alcune macchine dispongono di questa funzione che automaticamente inserisce il filo di cotone all’interno della cruna dell’ago
  • Display LCD: prerogativa delle macchine elettroniche, permette di controllare le impostazioni selezionate e può avere differenti grandezze

Questa lista non include altre funzioni extra che contraddistinguono solitamente solo i modelli top di gamma; è il caso, ad esempio, della sofisticata funzione memoria, con cui la macchina ricorda le ultime impostazioni selezionate che l’utente può così realizzare nuovamente senza doverle reimpostare ogni volta.

4. Accessori

Gli accessori non rappresentano forse il criterio primario con cui si sceglie la propria macchina da cucire ma rivestono senza alcun dubbio una certa importanza e non sono da sottovalutare principalmente per due motivi: innanzitutto, la presenza di alcuni accessori (che a breve vedremo nel dettaglio) aumenta la versatitlità della macchina che può, infatti, lavorare una più ampia gamma di tessuti e realizzare diverse prestazioni. Inoltre, ad un maggior numero di accessori corrisponde un prodotto più completo e prezioso, che non renderà necessario l’acquisto in un secondo momento di altre componenti extra.
Ecco un elenco completo dei principali accessori più comunemente in dotazione con una macchina da cucire:

Macchina da cucire piedini

Una grande quantità di piedini rende la macchina da cucire estremamente versatile

  • Piedini supplementari: anche detto piedino premi-stoffa, il piedino è un piccolo accessorio metallico intercambiabile che serve a “guidare” la stoffa durante la realizzazione di diversi tipi di punti. Esistono diversi piedini disponibili per le diverse fasi di cucitura, come l'applicazione di cerniere lampo, la realizzazione di asole o del punto sopraggitto. Normalmente, le macchine da cucire più essenziali prevedono un solo piedino in dotazione, mentre quelle più care ne includono un paio o anche di più
  • Aghi: esistono diverse tipologie di ago, da quello universale, che si presta alla lavorazione di tutti i tessuti naturali e sintetici, a quelli dedicati alla cucitura di materiali specifici, come lo stretch, il jeans, le microfibre, la pelle e altri ancora. Questi diversi tipi di ago differiscono tra loro per la forma della punta e, a seconda di quanto è accessoriata una macchina da cucire, se ne possono trovare diversi in dotazione
  • Bobine e porta rocchetto ausiliari: le prime possono essere in plastica oppure in metallo e servono per arrotolarvi intorno il cotone necessario per la cucitura ed inserirlo all’interno della macchina, precisamente nella base. Il porta rocchetto ausiliario, invece, serve a ospitare il rocchetto di cotone e si trova nella parte superiore della macchina da cucire che cuce utilizzando i due fili, uno dalla bobina in basso e l’altro dal rocchetto in alto, in contemporanea
  • Olio: è necessario per l’operazione di manutenzione della macchina da cucire che infatti necessita, di tanto in tanto e in base alla frequenza d’uso, di essere oliata nelle sue componenti interne, in modo da garantire dei movimenti fluidi all’ago e ai vari meccanismi di funzionamento
  • Taglia asole

    Un taglia asole

    Taglia asole: è un piccolo strumento che serve ad aprire l’asola per bottini che la macchina da cucire realizza
  • Spazzolino per la pulizia: anche questo strumento è dedicato alla manutenzione e serve a rimuovere i residui di polvere e brandelli di cotone che possono accumularsi, ad esempio, all’interno della griffa di trasporto (cioè la base metallica dove “scivola” il tessuto che si cuce)
  • Tavolo da lavoro supplementare: è un vanto delle macchine da cucire più costose e serve a lavorare comodamente dei tessuti larghi e/o lunghi
  • Custodia: nei modelli di fascia di prezzo medio-alta e alta è quasi sempre inclusa e può consistere in una valigetta rigida oppure in una borsa morbida

Tendenzialmente, ad un costo più elevato della macchina da cucire corrisponde una quantità di accessori più abbondante e sofisticata ma, in generale, la maggior parte delle componenti possono essere acquistate separatamente, impreziosendo un modello più essenziale. Inoltre, esiste una quantità davvero abbondante di accessori che è possibile acquistare per realizzare delle specifiche tecniche di cucito e per lavorazione di alcuni tessuti particolari.

5. Dimensioni

Macchina da cucire quilt

Una macchina da cucire con tavola supplementare per tessuti imbottiti

Non si può non valutare attentamente il fattore dimensioni prima di procedere all’acquisto di una macchina da cucire, altrimenti si rischia di scegliere un modello scomodo, soprattutto se utilizzato in maniera frequente o quotidiana. A meno che non si abbia a disposizione uno studio oppure un’ambiente della propria abitazione che possa essere destinato ad una “zona cucito” in cui lasciare la propria macchina da cucire in bella vista, è infatti molto probabile che l’apparecchio venga preso e riposto ogni volta che ci sia il bisogno di utilizzarlo. Questo significa che bisognerà badare all’ingombro della macchina da cucire, e dunque l’altezza, la larghezza e la profondità per assicurarsi di avere a disposdiversizione una superficie adeguata ad ospitarla ma anche da cui si possa lavorare in maniera comoda (a volte, infatti, ci sono delle pieghe e lavori di sartoria che richiedono anche diverse ore per essere conclusi). Inoltre, è importante valutare il peso del prodotto che si vuole acquistare poichè é chiaro che, con l’aumentare dei chili dell’apparecchio, diventa meno agevole prenderlo, trasportarlo e riporlo dopo ogni utilizzo.
Bisogna anche tenere in considerazione delle misure “speciali” come nel caso di alcune macchine parecchio avanzate che sono dotate di una tavola espandibile che serve per realizzare delle specifiche cuciture, come ad esempio il quilt, una tecnica utilizzata per creare delle trapunte. Infine, anche quello di poter riporre la propria macchina da cucire è un aspetto a cui bisogna pensare: attenzione, dunque, ad assicurarsi di avere abbastanza spazio oppure ad acquistare un modello che includa in dotazione, o che permetta di acquistare separatamente, una valigetta dedicata al trasporto e alla custodia dell’apparecchio.

Altri fattori da tenere in mente per la scelta della macchina da cucire

I materiali sono importanti?

Per quanto riguarda la produzione di macchine da cucire di tipo domestico ricorrono sempre gli stessi materiali, ovvero la plastica per la struttura principale esterna e anche per il pedale di funzionamento e delle leghe metalliche per la parte dedicata alla cucitura vera e propria (la struttura dov’è montato l’ago e l’ago stesso). Esistono però plastiche di diversa qualità e com’è facile immaginare quelle più scadenti sono soggette a facili rotture e ad un’usura più rapida rispetto a modelli più robusti. Inoltre, anche le leghe della struttura interna possono variare ed essere di un ottimo e duraturo metallo, oppure caratterizzate da una fattura più scadente e inevitabilmente destinata a durare meno. In particolare, poi, dalla qualità delle leghe metalliche utilizzate per la parte che custodisce l’elemento più importante di una macchina da cucire, ossia l’ago, dipendono le prestazioni dell’apparecchio, i materiali che sarà in grado di lavorare e anche la facilità con cui si infilerà il cotone all’interno dell’apposito foro nell’ago.

La marca è importante?

In commercio si trovano diversi marchi che producono macchine da cucire sia meccaniche che elettroniche ed è importante preferire un brand conosciuto in quanto questo può garantire non solo l’efficienza del prodotto ma, soprattutto, l’affidabilità di utilizzo di materiali di qualità e sicuri. Risulta conveniente per l’utente rivolgersi ad aziende che poi risultino presenti anche nella fase di post-vendita, nel caso in cui ci fosse bisogno di riparare l’apparecchio, acquistare un pezzo di ricambio oppure contattare un servizio di assistenza al cliente per qualsiasi imprevisto o evenienza.
Nell’ambito della produzione di macchine da cucire, tra i marchi leader indiscussi del settore citiamo sicuramente la Singer, americana ma diffusa su scala globale e produttrice di un’ampissima gamma di apparecchi di diversa tipologia, prezzo e stile. Tra i produttori italiani spicca invece la Necchi e famose a livello internazionale sono anche la Svedese Husqvarna e la giapponese Brother.

Il prezzo è importante?

In commercio è possibile trovare delle macchine da cucire per uso domestico con un costo che varia da meno di 100€ fino a circa 800€; quelle di tipo professionale, invece, possono arrivare a delle cifre ancora più alte, anche di migliaia di euro. Nel caso di una macchina da cucire, il prezzo è un elemento importante perché indicativo della sofisticatezza dell’apparecchio in sé. Per intenderci meglio, più basso sarà il costo di una macchina, meno possibilità di cucito questa potrà offrire e, dunque, si rivelerà molto probabilmente un prodotto limitante, ad esempio, qualora si avessero nel tempo delle nuove esigenze di cucito oppure si volessero sperimentare delle nuove tecniche o tessuti da lavorare. L’investimento medio ideale per assicurarsi un prodotto con una certa longevità e, soprattutto, che non diventi obsoleto con il passare degli anni, dovrebbe rientrare in un range orientativo che oscilla dai 100 ai 300€ circa. Ovviamente, i prodotti che superano questi prezzi possono assicurare delle funzioni e delle opzioni di cucito davvero ricche e complete mentre, quelli che si collocano in una fascia di prezzo inferiore a questa cifra non sono necessariamente scadenti ma piuttosto adatti esclusivamente alla realizzazione di poche e specifiche tecniche di cucito.

Quali sono le migliori macchine da cucire del 2017?

La tabella delle migliori macchine da cucire del 2017 scelte dalla redazione di QualeScegliere.it

Prodotto Voto finale Recensione
Singer Curvy 8770 9,7 Recensione
Singer Curvy 8763 8,1 Recensione
Husqvarna Viking H|Class E20 7,7 Recensione
Singer Promise 1409 6,9 Recensione
Singer Starlet 6680 8,4 Recensione

Macchine da cucire: tutti i prodotti recensiti

Domande e risposte su Macchina da cucire

  1. 1
    Domanda di Wilma | 10 agosto 2016 at 12:38

    Vorrei acquistare la mia prima macchina da cucire, economica, semplice da usare ma non troppo basico. Sto valutando la Necchi mille punti m220.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 11 agosto 2016 at 10:20

      Non abbiamo testato la macchina della Necchi. Sicuramente rimanendo in una fascia di prezzo bassa, possiamo consigliare questa Singer:
      Singer Promise 1409
      Per avere maggiori funzioni il prezzo sale necessariamente.

  2. 0
    Domanda di Nadia | 13 giugno 2017 at 22:18

    Vorrei una macchina da cucire robusta che possa cucire jeans e pelle ma anche stufe più leggere. Fascia di prezzo da 300 a700

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 14 giugno 2017 at 09:31

      Date le tue esigenze ti consigliamo l’acquisto della Singer Curvy 8770 un ottimo modello che consente di lavorare quasi tutti i tessuti.

  3. 0
    Domanda di teresa | 21 aprile 2017 at 11:36

    buongiorno ho appena inziato un corso di cucito e vorrei comprare una macchina per cucire per fare abiti per me e quindi utilizzero jersey seta maglin

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 24 aprile 2017 at 09:13

      date le tue esigenze ti consigliamo l’acquisto della Singer Promise 1409 un modello semplice e non troppo costoso che ti permetterà comunque di lavorare su quasi tutti i tipi di tessuto.

  4. 0
    Domanda di Maria | 17 marzo 2017 at 17:06

    Vorrei una macchina che esegua un punto pieno lineare su un
    colletto morbido ( senza smerlature). Pensavo alla Singer Curvy 8770.Lo avrà??

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 20 marzo 2017 at 08:44

      Si dovrebbe averlo.

  5. 0
    Domanda di Barbara | 28 gennaio 2017 at 16:26

    Non ho mai usato la macchina da cucire ma ora vorrei acquistarne una. Non la vorrei basica ma nemmeno super. Va bene Singer confidence 7463? Grazie.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 30 gennaio 2017 at 10:48

      Dipende dall’impigo che intendi fare.
      Questo è un buon compromesso qualità-prezzo:
      Singer Curvy 8763

  6. 0
    Domanda di danila lino | 26 gennaio 2017 at 16:15

    i cucio copripiumini lenzuola con angoli quindi inserire elastico e federe con volant e ricamo, cosa mi consigliate? uso anche il piedino taglia e cu

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 26 gennaio 2017 at 17:32

      Consigliamo questo modello: Singer Curvy 8763

  7. 0
    Domanda di Vanessjta | 3 dicembre 2016 at 12:04

    Buongiorno vorrei regalare una macchina da cucire importante la cucitura di tessuti anche grossi. Meglio SINGER promise 1409 o tradition 2263?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 5 dicembre 2016 at 15:31

      Per prima cosa notiamo che entrambi i modelli indicati sono di fascia di prezzo bassa e quindi prevedono funzioni abbastanza essenziali.
      La Singer Promise 1409 è stata da noi individuata come la migliore macchina economica e puoi trovare la nostra recensione qui. Questa macchina può essere usata anche con i tessuti un pò più spessi, ma si tratta pur sempre di un modello basilare.
      Non abbiamo testato la Tradition 2263, ma tra i feedback degli acquirenti abbiamo trovato riscontri positivi anche per quanto riguarda i tessuti più spessi.

  8. 0
    Domanda di Anna | 26 novembre 2016 at 14:43

    un vostro consiglio perchè mi serve una macchina che ricami solo le lettere su camicie Esiste? No uso professionale.
    Grazie
    Anna

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 28 novembre 2016 at 15:47

      Ciao Anna,
      hai già visto le macchine che abbiamo recensito? Come vedi la nostra selezione include modelli multifunzionali e qunidi non modelli che fanno solo ricami. Ad esempio la Singer Curvy 8770 permette di eseguire anche i ricami.

  9. 0
    Domanda di Roberta | 14 novembre 2016 at 13:07

    mia figlia sta utilizzando alla scuola di design della moda una macchina da cucire a pedale. Quale modello e marca per acquistarne una per casa?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 14 novembre 2016 at 15:05

      I modelli da noi recensiti sono tutti per uso domestico. La scelta è a discrezione dell’impiego che se ne vuole fare e delle disponibilità economiche. Consigliamo di visionare i vari modelli presenti sul sito con tua figlia.

  10. 0
    Domanda di giovanni | 19 settembre 2016 at 09:11

    ho il mobile per installare una macchina da cucire, posto che la precedente è inutilizzabile, sarei grato se potreste dirmi il modello di SINGER ?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 19 settembre 2016 at 16:09

      Se intendi usare lo stesso mobile in tuo possesso per una nuova macchina da cucire Singer, dovresti individuare il n. e il nome del modello del mobile e verificare la compatibilità online. Senza il nome esatto del tuo mobile non è possibile fare questa ricerca.

      Per la scelta della macchina della Singer, consigliamo di leggere le nostre recensioni delle macchine Singer presenti nella tabella in alto alla pagina e di valutare l’uso che intendi farne.
      Ad esempio, la macchina Singer Curvy 8763 è un buon modello che ha un buon rapporto qualità-prezzo.

  11. 0
    Domanda di Valeria Ferroni | 11 agosto 2016 at 23:33

    Salve io sto cercando una macchina che faccia anche cuciture in tondo …..o meglio asole tonde. Cosa mi consigliate? Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 12 agosto 2016 at 09:39

      Potresti considerare questa macchina della Singer:
      Singer Curvy 8763

  12. 0
    Domanda di guido | 3 agosto 2016 at 17:51

    mia moglie vuole comperare una macchina PFAFF modello performance 5.0 cosa ne pensate

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 8 agosto 2016 at 11:19

      Premettiamo che non abbiamo testato il prodotto indicato, ma dalle informazioni reperite online si tratta di una ottima macchina dal costo elevato.

  13. 0
    Domanda di Silvia | 3 agosto 2016 at 07:08

    Buoungiorno, quale macchina è migliore tra la singer curvy 8770 e la singer confidence 7470?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 8 agosto 2016 at 11:13

      A nostro parere la Singer Curvy 8770 è la migliore della sua categoria. Ecco la nostra recensione:
      http://www.qualescegliere.it/macchina-da-cucire/singer-curvy-8770/

  14. 0
    Domanda di miriam | 24 luglio 2016 at 14:24

    salve vorrei aprire un negozietto e poter incidere i nomi ed altro sui vari tipi di tessuto cotone spugna quale macchina dovrei acquistare??

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 26 luglio 2016 at 17:14

      Consigliamo di acquistare una macchina professionale, o di buona qualità come la seguente che ha la funzione ricamo:
      Singer Curvy 8770

  15. 0
    Domanda di Vasco Caini | 12 luglio 2016 at 19:42

    potete indicare delle macchine da cucire e ricamo delle più sofisticate con telaio mosso dalla macchina per riprodurre disegni a colori?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 19 luglio 2016 at 10:53

      Possiamo consigliare questa macchina, dotata anche di USB per i disegni:
      HUSQVARNA DESIGNER TOPAZ 20

  16. 0
    Domanda di marcello | 5 luglio 2016 at 10:50

    tra questi modelli Singer Curvy 8770;Singer Quantum 9980;Singer Quantum 9986; il prezzo varia molto. Quale di questi tre modelli è migliore?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 6 luglio 2016 at 13:44

      Sono tutte ottime macchine, in particolare consigliamo la Quantum 9980:
      SINGER QUANTUM STYLIST 9980

  17. 0
    Domanda di Roberta Giordani | 25 giugno 2016 at 22:05

    Sono interessata ad una macchina da cucire che cucia tessuti molto pesanti, possibilmente meccanica con crochet di ferro non di plastica in verticale.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 6 luglio 2016 at 17:57

      Possiamo consigliare la macchina da noi recensita sul sito come “migliore in assoluto”, ovvero la Singer Curvy 8770

  18. 0
    Domanda di Samantha | 23 maggio 2016 at 20:38

    Salve,
    Vorrei acquistare una macchina da cucire che vada bene soprattutto su tessuti elastici (lycra) e delicati (pizzo ecc) con ginocchiera

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 14 giugno 2016 at 13:02

      Per trovare la ginocchiera e la possibilità di lavorare qualsiasi tipo di stoffa tra cui quelle da te elencate, dobbiamo riferirci a modelli più sofisticati e costosi, come la Juki HZL F400 Exceed e, in generale, a modelli che partono dai circa 700€ a salire.

  19. 0
    Domanda di Patrizia | 20 maggio 2016 at 10:44

    Buongiorno,
    volevo una macchina da cucire completa che possa cucire jeans e punti invisibili ma non molto costosa, soprattutto affidabile.
    Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 20 maggio 2016 at 11:47

      Potresti valutare la Singer Promise 1409, una macchina da cucire molto economica e semplice ma di qualità, con cui potrai cucire il tessuto jeans e farvi anche l’orlo invisibile.

  20. 0
    Domanda di Carla | 13 maggio 2016 at 15:55

    Vorrei comprare una m.d.c. da 500/600 euro con:
    P.elastico, Asola, Br.libero, Fermo ago-giù, Trasp.disattivabile, Infila-ago, Bobina autom. Consigli?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 18 maggio 2016 at 11:29

      Ti consigliamo di valutare la Singer Curvy 8770, una macchina molto moderna che possiede tutte le caratteristiche elencate e rientra nel budget che vorresti investire.

  21. 0
    Domanda di Teresa Lupia | 12 maggio 2016 at 23:34

    Salve, vorrei un consiglio per una buona macchina da cucire con più opzioni come ricamo e altro ,ad uso personale e familiare . Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 13 maggio 2016 at 11:24

      La Singer Curvy 8770 potrebbe fare al tuo caso, avendo una gamma davvero molto ampia di punti di cucito, tra cui punti utili, elastici e decorativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecco i migliori tre prodotti della categoria.

8 visitatori su 10 approfittano di queste offerte.

La migliore in assoluto

Singer Curvy 8770

Miglior prezzo: 284,99€

Il miglior rapporto qualità-prezzo

Singer Curvy 8763

Miglior prezzo: 182,99€

La più venduta

Husqvarna Viking H|Class E20

Miglior prezzo: 219,00€