Le migliori lucidatrici del 2017

Confronta le migliori lucidatrici del 2017 e leggi la nostra guida all'acquisto.
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa

I fattori decisivi per la scelta della lucidatrice

1. Struttura

Il primo fattore da prendere in considerazione quando si intende acquistare una lucidatrice è quello relativo alla sua struttura. Questo aspetto è decisivo perché la conformazione del prodotto influisce in modo considerevole sul suo utilizzo. Bisogna dunque osservare alcuni elementi specifici per valutare se l'apparecchio sia adatto o meno alle nostre esigenze in termini di dimensioni, peso e funzionalità.

Lucidatrice struttura
In primo luogo è importante prestare attenzione alla cappa della lucidatrice, ovvero la calotta presente all'estremità dell'asta, poiché la sua forma e i materiali con cui è realizzata possono variarne notevolmente l'agilità e l'adattabilità ai vari ambienti in cui verrà utilizzata. Ad esempio, esistono cappe in acciaio cromato con paraurti gommato che consentono un comodo uso nelle stanze in cui sono presenti mobili delicati. Al contrario, qualora si scegliesse una lucidatrice non dotata di paraurti, bisognerà fare maggiore attenzione al mobilio durante la pulizia. Naturalmente anche la forma e le dimensioni della cappa incidono sulla sua mobilità: una tipologia sottile consentirà di muoversi meglio in ambienti ristretti, mentre in spazi ampi un modello più massiccio non rappresenterà un problema. Da non sottovalutare inoltre è il numero e la tipologia delle spazzole presenti sotto la cappa, da cui dipendono la rapidità e la qualità della lucidatura effettuata.
Lucidatrice cappa
Altri aspetti interessanti da considerare sono la capienza e il materiale con cui è realizzato il sacco. Per quanto riguarda la capienza, possiamo dire che la maggior parte delle lucidatrici dispone di sacchetti in grado di contenere tra i 3 e i 4 litri: una quantità ottimale per effettuare numerose sessioni di pulizia senza dove procedere troppo spesso allo svuotamento o alla sostituzione del sacco. Alcune hanno un sacco riutilizzabile, solitamente in cotone lavabile, altre dispongono di un sacco usa e getta. Per le lucidatrici per pavimenti vale lo stesso, semplice principio che si adopera con gli aspirapolvere e le scope elettriche: più capiente è il sacco e minore sarà la frequenza con cui bisognerà svuotarlo. Per controllare il livello di riempimento, alcuni modelli sono dotati di un apposito indicatore che segnala quand'è arrivato il momento di svuotarlo. Dal punto di vista strutturale occorre inoltre valutare se l'asta (che vedete nella foto sottostante) sia estendibile o meno, ma soprattutto se sia reclinabile, per raggiungere i punti più difficili e lucidare agevolmente sotto tavoli e mobili.
Lucidatrice asta

Anche la tipologia di impugnatura non è un aspetto trascurabile, perché a seconda della sua ergonomicità permette una maggiore o minore comodità durante l'utilizzo.

2. Prestazioni

Il secondo fattore decisivo per la scelta della lucidatrice è quello inerente alle prestazioni, che dipendono a loro volta dagli specifici dati tecnici del prodotto. Prima di tutto sarebbe bene informarvi sui tipi di superficie che possono essere lucidati con i diversi modelli, soprattutto se in casa avete il parquet o altri pavimenti delicati.
Lucidatrice parquet

Nel caso in cui sentiate l'esigenza di acquistare un apparecchio in grado di fare anche le veci dell'aspirapolvere, è bene verificare se quello a cui siete interessati disponga di questa funzione, magari dando un'occhiata anche al wattaggio. Molte lucidatrici sono anche aspirapolvere, ma alcuni modelli, specialmente di fascia bassa, sono privi di questa caratteristica. Possiamo quindi suddividere le lucidatrici in tre tipologie distinte:

  • Senza funzione di aspirazione: si tratta solitamente di apparecchi piuttosto semplici, l'ideale per lucidare superfici dalle dimensioni ridotte. Possono rivelarsi adatte a coloro i quali non hanno pavimenti che rischiano di rovinarsi o che non necessitano di un trattamento specifico (piccoli negozi, saloni di parrucchiere etc.);
  • Con funzione di aspirazione: quasi tutti i modelli di fascia medio-alta sono 2 in 1, consentono cioè di lucidare il pavimento e al contempo aspirare la polvere e i residui prodotti dalla lucidatura. Ciò permette di risparmiare tempo ed energie fisiche evitando di dover utilizzare due apparecchi diversi per portare a termine la pulizia della propria casa o di spazi di altro genere;
  • Superaccessoriate: questa tipologia di lucidatrici appartiene a una fascia di prezzo alta e viene utilizzata per ottenere lucidature molto accurate. La principale qualità delle lucidatrici superaccessoriate è la versatilità; grazie ai numerosi accessori di cui sono dotate possono infatti garantire un alto livello di efficienza su tutte le superfici, assicurando una perfetta tenuta della lucidatura. Sono quindi l'ideale per chi ha il desiderio di vedere splendere il proprio pavimento senza troppo sforzo, di qualsiasi genere esso sia. Essendo apparecchi molto costosi, la qualità dei materiali e i componenti con cui sono assemblati offrono chiaramente standard elevati in termini di prestazioni e resistenza all'usura.

Un ulteriore elemento decisivo, come si diceva poc'anzi, è la potenza elettrica. Quest'ultima è molto importante perché incide in misura notevole sulla capacità di aspirazione e sull'efficacia nella pulizia delle varie superfici. Molte delle lucidatrici in commercio, o per lo meno quelle di fascia medio-alta, si aggirano tuttavia tra i 600 e gli 800 watt.

Lucidatrice prestazioni

Alcune consentono di regolare la velocità di lucidatura e aspirazione: una caratteristica rilevante specialmente per chi vuole ottimizzare il lavoro di pulizia e magari risparmiare sui consumi energetici. Anche il livello di rumorosità sarebbe un aspetto da considerare nella valutazione complessiva di una lucidatrice. Solitamente, però, le aziende produttrici non forniscono dati in merito e non è quindi possibile effettuare comparazioni tra i tanti modelli disponibili sul mercato.

3. Praticità

Ogni lucidatrice presenta dati tecnici specifici e può perciò vantare un grado di praticità differente. Considerando che si tratta di un apparecchio da utilizzare per un lasso di tempo abbastanza lungo, e magari in ambienti piuttosto ampi, è essenziale sincerarsi delle sue reali qualità in fatto di maneggevolezza. In questo senso è utile prestare attenzione al peso complessivo del prodotto: una lucidatrice molto pesante sarà difficile sia da utilizzare che da trasportare, mentre un apparecchio abbastanza leggero sarà certamente più comodo per coloro che hanno appartamenti di grandi dimensioni o con più piani, oppure non possono sollevare carichi eccessivi.
Lucidatrice praticità
Come abbiamo spiegato in precedenza, anche la lunghezza del cavo influisce in modo significativo sulla mobilità durante le operazioni di pulizia. Vi sono inoltre modelli dotati di luce frontale per illuminare la porzione di pavimento che si intende lucidare. Anche questo strumento incrementa la praticità della lucidatrice, consentendo di individuare meglio lo sporco ed effettuare una pulizia più accurata. Bisogna ricordare che una lucidatura ben fatta può durare più a lungo, riducendo così la frequenza delle pulizie su qualsiasi tipo di superficie. Dunque è fondamentale scegliere un prodotto che abbia caratteristiche tecniche il più possibile adatte alle nostre esigenze e alla tipologia di pavimento che intendiamo trattare.

4. Accessori

L'ultimo fattore da tener presente per scegliere la lucidatrice è quello relativo agli accessori forniti in dotazione, ma anche a quelli acquistabili separatamente. Dagli accessori dipende infatti la capacità di adattamento a superfici di vario genere, nonché la qualità della lucidatura che si andrà a effettuare. Ogni modello è di norma dotato di un numero variabile di pad e feltrini per il trattamento di pavimenti duri (laminati, in pietra e in lineoleum) e pavimenti più delicati (parquet verniciati oppure oliati).
Lucidatrice pad
I pad e i feltrini si installano facilmente sotto la cappa tramite un sistema di fissaggio che varia a seconda del modello. Talvolta si possono trovare incluse anche delle spazzole specifiche per lucidature speciali, altre volte questo tipo di accessori non è fornito in dotazione ma si può reperire facilmente nei negozi di elettrodomestici. Nel caso di lucidatrici con sacchetto usa e getta, inoltre, sono solitamente presenti nella confezione alcuni sacchetti con apposito filtro. Quest'ultimo serve a impedire ai detriti di penetrare nei meccanismi interni del motore e danneggiarlo. Scegliere una lucidatrice che abbia accessori utili e pratici in dotazione è perciò essenziale, soprattutto per coloro che intendono utilizzare questo apparecchio per effettuare pulizie approfondite, magari su superfici delicate o difficili da trattare.

I materiali sono importanti?

I materiali con cui sono assemblate le lucidatrici hanno un impatto relativamente importante sulle loro prestazioni. Ciò significa che, pur non determinandone completamente il livello delle performance, rappresentano un ulteriore elemento utile per valutare quanto un modello specifico sia adatto alla pulizia del proprio appartamento. La ragione è facilmente intuibile: se i materiali non sono di buona qualità possono usurarsi o rompersi più rapidamente e costringere a cambiare singoli componenti o nei casi più gravi l'intero apparecchio. D'altra parte è anche vero che materiali eccessivamente pesanti possono risultare scomodi per l'utilizzo e il trasporto da una stanza all'altra o, ancor di più, da un piano all'altro. In linea generale si può dire che è preferibile scegliere una lucidatrice con un'asta e una cappa resistenti (acciaio o altri materiali simili), verificando che il peso del prodotto non sia eccessivo (la maggior parte varia tra i 6 e gli 8 kg). In particolare il materiale con cui è realizzata la cappa è fondamentale per la salvaguardia dei mobili di casa: una cappa interamente in metallo, nella collisione con mobili di legno o pregiati, può provocare scalfiture o ammaccature più o meno gravi. Per questo molte lucidatrici presentano una protezione in gomma pensata per evitare danni all'arredamento nel corso delle pulizie.

La marca è importante?

Indubbiamente la marca è un aspetto piuttosto significativo nella scelta di una lucidatrice dalle performance soddisfacenti. A seconda della fascia di prezzo a cui si è interessati, ci sono delle aziende che negli anni hanno conquistato un'elevata credibilità, producendo modelli performanti che sono diventati dei veri bestseller nel loro settore. Tra questi segnaliamo, prime fra tutte, la Hoover e la Vorwerk. La prima si distingue specialmente per prodotti di fascia media, mentre la seconda produce modelli di categoria superiore che possono essere acquistati a prezzi più alti. In generale è buona abitudine affidarsi a marchi conosciuti non soltanto per via della qualità dei prodotti, in qualche modo certificata da decenni di esperienza, ma anche per la facilità nel reperire accessori e pezzi di ricambio. Altro aspetto non proprio marginale è quello relativo all'assistenza clienti. Le marche note sono usualmente molto attente a questo servizio, risultando in linea di massima più efficienti nel caso in cui il cliente riscontrasse problemi di utilizzo della lucidatrice.

Il prezzo è importante?

Il prezzo di una lucidatrice è abbastanza indicativo per comprenderne il livello. Fermo restando che ognuno ha il proprio budget e non sempre si ha un reale bisogno di un prodotto di fascia alta, il nostro consiglio è quello di diffidare di marchi poco noti che propongono prezzi estremamente vantaggiosi. A volte è davvero preferibile spendere una cifra leggermente più alta per non essere costretti sul lungo periodo a una manutenzione frequente e costosa. È bene tener presente che difficilmente è possibile trovare una lucidatrice di buona qualità a un prezzo inferiore ai 100 euro, mentre spendendo una somma superiore a 200 euro è molto probabile che si acquisterà un macchinario in grado di soddisfare al meglio le proprie esigenze. Benché il prezzo sia importante per capire quanto una lucidatrice sia performante, è tuttavia sempre opportuno analizzare con molta attenzione i dati tecnici diffusi dalla casa produttrice, affinché si possa procedere a un acquisto consapevole e scongiurare brutte sorprese. Sarebbe infatti piuttosto spiacevole acquistare un prodotto di una fascia di prezzo medio-alta e in seguito accorgersi che non è quello più adatto al tipo di pavimento della propria abitazione.

Quali sono le migliori lucidatrici del 2017?

La tabella delle migliori lucidatrici del 2017 scelte dalla redazione di QualeScegliere.it

Prodotto Prezzo
migliore
Recensione
8,3 Kärcher FP 303 159,05 € Recensione
7,6 Hoover PU F38PQ 011 121,99 € Recensione
7,5 Hoover PU F3880 011 124,90 € Recensione
7,3 Hoover PU F3860 011 110,00 € Recensione
7,6 Imetec Compact Superplate 164,00 € Recensione

Lucidatrici: tutti i prodotti recensiti

"Lucidatrice": hai dubbi? Facci una domanda!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecco i migliori tre prodotti della categoria.

8 visitatori su 10 approfittano di queste offerte.

La migliore in assoluto

Kärcher FP 303

Miglior prezzo: 159,05€

Il miglior rapporto qualità prezzo

Hoover PU F38PQ 011

Miglior prezzo: 121,99€

La più venduta

Hoover PU F3880 011

Miglior prezzo: 124,90€