I migliori decespugliatori del 2017

Confronta i migliori decespugliatori del 2017 e leggi la nostra guida all'acquisto.
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa

5 Fattori decisivi per la scelta del decespugliatore

1. Alimentazione

DecespugliatoreIl primo fattore decisivo nella scelta del proprio decespugliatore è quello che riguarda il suo sistema di alimentazione: questa scelta andrà effettuata in base alla grandezza del vostro giardino e alle caratteristiche dell’erba da tagliare.
Il decespugliatore è da considerarsi come uno speciale tagliaerba, specializzato nel taglio di cespugli, sterpaglie, arbusti, indicato per rimuovere o rifinire bordi di appezzamenti di terreno erboso, e in grado di raggiungere quelle zone difficilmente accessibili ad un tagliaerba normale, dal momento che questa tipologia di attrezzo è brandeggiabile (cioè orientabile contemporaneamente sul piano orizzontale e verticale, e quindi più agile di un normale tagliaerba, che si muove soltanto su un asse alla volta).
Quella che riguarda le modalità di alimentazione è una scelta molto importante, dal momento che il tipo di alimentazione determina in maniera decisiva le prestazioni del decespugliatore.
Esistono due tipologie di decespugliatori: quelli a motore e quelli elettrici. Questi ultimi, a loro volta, possono essere alimentati a rete oppure a batteria.
Nei paragrafi successivi illustreremo le caratteristiche di ognuno di questi attrezzi da giardino, evidenziando in particolare i modelli ideali per alcune metrature e tipologie di spazi verdi.

Decespugliatore con motore a scoppio

Motore a scoppio decespugliatoreSe avete un giardino davvero ampio che volete tenere in ordine, dovrete orientarvi verso un decespugliatore con motore a scoppio, dotato di un motore alimentato a combustibile: gli apparecchi di questa tipologia sono i più potenti in assoluto in commercio.
Per questo motivo consigliamo un decespugliatore a scoppio a chiunque debba lavorare su terreni ampi, in particolare se coperti di erba stopposa e difficile da sradicare, mentre tale apparecchio sarà sicuramente eccessivo se dovete tagliare fili d’erba freschi e facili da rimuovere, su giardini dalle metrature medie oppure piccole.
Tra gli svantaggi di questo tipo di prodotti, invece, bisogna tenere in considerazione il loro essere meno puliti dei modelli elettrici e, ovviamente, la consistente spesa dell’acquisto del carburante.
Inoltre questi modelli sono grossi e pesanti (come vedremo nel dettaglio nei paragrafi dedicati agli altri fattori) e prevedono spesso la presenza di una tracolla che serve ad “indossare” il decespugliatore come fosse una borsa, distribuendo così il peso senza sovraccaricare l’utente mentre è impegnato a falciare l’erba.

Decespugliatore elettrico

Un decespugliatore con alimentazione elettrica sarà sicuramente meno prestante di un modello con funzionamento con motore a scoppio, ma offrirà il vantaggio di essere più silenzioso e pulito di quest’ultimo.
Questa tipologia di decespugliatori è indicata per chi abbia giardini di dimensioni medie e piccole, ma assolutamente inadeguata in condizioni di grosse metrature da coprire e erbacce difficili da lavorare. Come vedremo anche nello specifico nel paragrafo dedicato al fattore potenza, le prestazioni dei decespugliatori elettrici possono differire di molto da un modello all’altro, a seconda delle caratteristiche del motore.
A loro volta, infatti, i decespugliatori elettrici possono prevedere due diversi sistemi di alimentazione:

  • Con cavo: funzionano alimentati tramite corrente elettrica perché dotati di un cavo da inserire nella presa, motivo per cui il principale svantaggio di tali modelli, se paragonati ai modelli a batteria e a motore, è quello di rendere l'utente dipendente dalla lunghezza del cavo, nonostante questo abbia normalmente delle lunghezze abbondanti e che, se necessario, si potrebbe sempre adoperare una prolunga per coprire una distanza maggiore. Tra i vantaggi, invece, sottolineiamo la possibilità di lavorare potenzialmente all’infinito visto che è possibile erogare in maniera continua e costante la potenza necessaria, oltre al fatto di non dover aspettare che la batteria si ricarichi qualora l’apparecchio servisse improvvisamente
  • A batteria: questo gruppo comprende quegli attrezzi che sono spesso definiti dei “tagliabordi”. Questi prodotti sono i meno prestanti in termini di potenza. Il vantaggio di possedere un modello a batteria è dato dalla libertà di movimento che questo offre visto che, non essendo dipendenti dal filo d’alimentazione, ci si può spostare in maniera più serena ed agevole. Tra gli svantaggi, invece, annoveriamo la dipendenza dai tempi di ricarica e di autonomia della batteria. Non tutte le batterie sono uguali, e la scelta migliore è rappresentata dai decespugliatori con batteria al litio, una tipologia non soggetta all’”effetto memoria” che, con il tempo, rende l’attrezzo da giardino via via meno potente. In conclusione, consigliamo i decespugliatori a batteria, o tagliabordi, a chi ha prati e giardini di piccole dimensioni

2. Potenza

Decespugliatore in funzioneIl fattore potenza segue immediatamente quello relativo all’alimentazione, perché questi due fattori sono in qualche modo correlati, come spiegheremo a breve.
Bisogna considerare la potenza di cui un decespugliatore è dotato perché questa è indicativa delle prestazioni dell’attrezzo nell’affrontare erbacce stoppose, dure o secche. Se dotato di una buona potenza, infatti, un attrezzo potrà essere considerato utile nella rimozione totale di cespugli o di arbusti e nel taglio di erba spessa e molto folta, come accade con i modelli a scoppio.
In altri casi, invece, come ad esempio quando si parla di un modello a batteria, che eroga una potenza decisamente inferiore, il decespugliatore è uno strumento per tenere pulito ed in ordine il giardino, magari sistemando i bordi dell’erba cresciuta intorno ad un vialetto, alle scale oppure ad un albero.
Come abbiamo specificato nel paragrfo precedente, esistono decespugliatori dotati di motore a scoppio, modelli elettrici con cavo e modelli a batteria.
Guardiamo nel dettaglio come valutare la potenza di ognuno di essi:

  • Motore a scoppio: la potenza dei decespugliatori a scoppio viene indicata in cavalli o molto più spesso in kilowatt, con l’abbreviazione kW. Il massimo della potenza è rappresentata dai modelli che vanno dai 2,3 kW in su, veri e propri decespugliatori per utilizzi intensi e prolungati, e i cui prezzi sono alti. Nell’ambito di prodotti da uso domestico, invece, troviamo attrezzi con una potenza media che oscilla tra 1,1 e 1,5 kW, mentre i modelli indicati per lavori leggeri hanno solitamente meno di 1 kW
  • Modelli con cavo: i decespugliatori elettrici con funzionamento a cavo possono avere un potenza espressa in Watt. Per avere un’idea orientativa, considerate che i modelli più semplici ed adatti a lavori poco impegnativi hanno un valore compreso tra i 500 e i 600 Watt, mentre quelli più prestanti hanno dai 1000 ai 1200 Watt, fino ad arrivare anche ad oltre 1500 Watt nei modelli che iniziamo già a considerare per uso professionale
  • Modelli a batteria: infine, gli attrezzi che funzionano con batteria ricaricabile recano l’indicazione del voltaggio della batteria. Troviamo 18 V nei modelli più modesti e semplici, che sono in realtà più indicati per bordature e piccole porzioni d’erba, mentre si può salire fino a 36 V nei decespugliatori più prestanti, adatti ad essere un po’ più efficaci rispetto ai semplici tagliabordi e solitamente dotati di buoni tempi di autonomia

Decespugliatore batteriaIn linea generale, consigliamo di orientarsi verso modelli con una potenza maggiore a chiunque abbia bisogno di tagliare erba molto folta, rimuovere edera, rovi e altri cespugli stopposi o piante infestanti. Per chi abbia, invece, semplici esigenze di tagli rasoterra del prato per rinnovarlo o per rifinirlo, può sicuramente bastare un modello dalla potenza bassa. Tutti gli altri utilizzi collocati nel mezzo tra questi estremi, invece, come il lavoro su piccoli arbusti o piante mediamente spesse, necessitano di una potenza media, per cui può andare bene un decespugliatore elettrico con cavo.

3. Taglio

Decespugliatore e bobinaIl fattore che si occupa degli aspetti legati al taglio è decisivo nella scelta del prodotto più adatto alle esigenze d’uso dell’utente, ma prima di entrare nel dettaglio delle caratteristiche da tenere in cosiderazione per fare l’acquisto più adeguato vogliamo fare una piccola premessa sui sistemi di taglio di cui un decespugliatore può essere dotato.
La maggior parte dei decespugliatori, siano essi a scoppio o elettrici, prevede due fili di nylon robusti ma corti che, ruotando ad elevata velocità, tranciano via l’erba e i fusti delle piante. Esistono anche dei modelli che al posto del nylon montano due piccole fruste d’acciaio oppure un disco d’acciaio simile ad una sega circolare, ma questi modelli sono meno gettonati. È più facile trovare modelli che includano sia le lame rotanti che il filo di nylon, e in questi casi si tratta di prodotti molto versatili e di buona qualità.
Per quanto riguarda i modelli con fruste di nylon, eccovi elenco degli aspetti da valutare in relazione alle capacità di taglio che caratterizzano un decespugliatore:

  • Ampiezza di taglio: viene espressa in centimetri e descrive il diametro del cerchio generato dai due fili di nylon in rotazione. Questa misura è importante da considerare perché ad una maggiore ampiezza di taglio corrisponde una copertura di un'area più estesa con una sola passata. Un decespugliatore con maggiore ampiezza di taglio permetterà infatti, a parità di tempo, di coprire una superficie maggiore rispetto ad un modello dotato di minore ampiezza. I modelli adatti per grossi cespugli e giardini sono quelli con un’ampiezza di taglio di circa 40 cm, mentre per lavori di dimensioni medie e piccole si potrà scegliere un modello con ampiezza compresa tra i 20 e i 35 cm circa. Per i modelli che montano anche le lame rotanti in acciaio, si potranno seguire orientativamente le stesse linee guida
  • Velocità di taglio: questa misura si riferisce invece ai giri al minuto che i fili di nylon riescono a compiere e varia da un minimo di circa 5000 giri/minuto fino ad arrivare ai circa 9000 dei modelli più prestanti, anche se la media della maggior parte dei modelli attualmente diffusi in commercio si aggira tra i 6000 e i 7000 giri al minuto
  • Spessore dei fili di nylon: come abbiamo anticipato, i decespugliatori prevedono un rocchetto con un filo di nylon le cui due estremità vengono utilizzate per tranciare l’erba. Il diametro che questi fili posseggono incide sulla capacità dell’attrezzo di essere efficace in minor tempo e su erbacce più difficili, motivo per cui ad uno spessore maggiore corrispondono migliori prestazioni. Per darvi un’idea delle misure in cui potreste imbattervi, in commercio troviamo modelli che partono da un diametro di 1,5 mm, fino ad arrivare a 2,5-3 mm

Le prestazioni di taglio complessive di un decespugliatore sono ovviamente il risultato della combinazione di questi elementi e sono altamente legate alle esigenze d’uso personali visto che, ad esempio, un modello molto potente ma con un’ampiezza di taglio ridotta non offrirà sicuramente delle buone perfomance nel lavoro di superfici ampie con erbe semplici da tagliare, mentre è indicato a chi debba estirpare piccole erbacce difficili.

4. Struttura

Decespugliatore leggeroLa struttura è decisiva nella scelta del decespugliatore più adatto alle caratteristiche del prato su cui lavorerete, ma anche alle vostre esigenze personali visto che questa va ad incidere sulla comodità con cui è possibile sostenere e maneggiare l’attrezzo da giardino.
Questo fattore riguarda dunque tutte le caratteristiche fisiche del decespugliatore, come la sua forma e il suo peso, due elementi che ne influenzano la maneggevolezza e il trasporto. Analizziamo questi due elementi separatamente.

Forma

La struttura di un decespugliatore prevede un tubo di materiale mettallico che può avere una forma dritta oppure essere curvo. La prima tipologia è la più diffusa, ma in realtà non ci sono particolari svantaggi o vantaggi derivati dall’utilizzo di una piuttosto che dell’altra, la scelta riguarda prevalentemente le esigenze di comodità personali. A nostro avviso è più comoda la struttura curva, che è già orientata verso il basso, evitando all’utente di dover mantenere il decespugliatore in posizione più inclinata verso il prato, ma si tratta di valutazioni assolutamente personali.

Peso

Per quanto riguarda la stazza vera e propria dei decespugliatori, bisognerà analizzare singolarmente le varie tipologie di attrezzi diffusi in commercio visto che ognuna ha delle peculiarità in termini di peso. I modelli più pesanti sono sicuramente quelli con motore a scoppio, che partono, infatti, dai circa 7 kg e prevedono solitamente una tracolla per facilitare il trasporto e l’uso dell’apparecchio. Nel caso di modelli pensati per prestazioni di tipo professionale, possiamo anche trovare decespugliatori spalleggiati, che possono essere portati sulle spalle dell’utente come un vero e proprio zaino, dal peso di almeno 8-12 kg. I modelli più leggeri sono sicuramente quelli elettrici: qui si va dai 2 ai massimo 4 kg dei modelli a batteria, e dai 3,5 ai 7 kg circa dei modelli con alimentazione a cavo.

5. Praticità d’uso

Decespugliatore impugnaturaVeniamo infine alla praticità d’uso, un fattore decisivo per assicurarsi l’acquisto di un decespugliatore che risulti comodo da utilizzare, soprattutto per gli amanti del giardinaggio o per chi abbia la necessità di rimuovere erbacce con una certa frequenza.
Premettendo che alcune voci si applicano solo ad una tipologia di decespugliatore e non ad altre, vediamo nel dettaglio quali sono gli elementi che bisognerà considerare:

  • Presenza di eventuali accessori: sebbene non sia una prassi nel mondo dei decespugliatori, alcuni modelli includono a volte degli accessori extra in dotazione. Si tratta, ad esempio, di una seconda bobina di nylon, di un lubrificante per le lame (quando presenti), oppure delle lame opzionali da alternare, quando necessario, all’utilizzo delle fruste in nylon
  • Impugnatura: può essere di diverse tipologie ed offrire diversi livelli di comodità e di precisione quando si è impegnati a maneggiare l’attrezzo. I modelli più semplici e anche dalla struttura più leggera, prevedono un anello di plastica più o meno grande che può essere ricoperto di morbida gomma in modo da rendere più comoda la presa. I decespugliatori più pesanti, invece, possono avere una sorta di manico unico molto robusto oppure un’impugnatura doppia, molto simile a quella del manubrio di una bicicletta, che rappresenta la soluzione migliore soprattutto per chi debba dedicarsi a lavori lunghi
  • Rumorosità: in generale, i modelli a scoppio sono davvero rumorosi, quasi frastornanti, motivo per cui è consigliabile utilizzarli con delle cuffie per proteggere le orecchie dal rumore eccessivo. A chi è più sensibile al rumore consigliamo comunque di orientarsi verso i modelli elettrici, che sono più silenziosi. Non bisogna ovviamente immaginare un apparecchio del tutto silente, il livello di rumorosità ha una media compresa tra gli 80 e i 90 dB
  • Sistema multiutensile: alcuni modelli prevedono una struttura alla cui estremità mobile è possibile montare utensili dalle differenti funzioni come, ad esempio, un accessorio trimmer o magari quello potatore

Altri fattori da tenere in mente per la scelta del decespugliatore

I materiali sono importanti?

Per quanto concerne i materiali utilizzati per produrre un decespugliatore, è importante verificare lo spessore, il peso e la robustezza dell’asta che collega il motore alle fruste rotanti, che dovrebbe essere preferibilmente in alluminio, una lega che è molto robusta ma riesce ad essere allo stesso tempo leggera e dunque più maneggevole. Fate caso anche alla qualità dei rivestimenti di manici e maniglie, tutti elementi che, se gommati, assigurano una maggiore stabilità e comodità durante l’uso. È bene prestare attenzione anche alla robustezza della tracolla, nei modelli che la prevedono.

La marca è importante?

Il nostro suggerimento non è quello di preferire un marchio nello specifico, ma, in generale, di affidarsi ad aziende conosciute, sia per avere la certezza di acquistare un prodotto efficace e sicuro che per avere a disposizione un buon servizio di assistenza clienti nel caso ci fossero problemi o servissero pezzi di ricambio. Attualmente, tra i maggiori e più conosciuti produttori di decespugliatori, troviamo AL-KO e Makita per modelli sia con motore a scoppio che elettrici, mentre Bosch e Black & Decker sono specializzati nella produzione di decespugliatori elettrici, sia con cavo che a batteria.

Il prezzo è importante?

La fascia di prezzo più economica dei modelli in commercio include decespugliatori con prezzi compresi dai 50 ai 90 €, che sono però strumenti da utilizzare per rifinire piccoli giardinetti e rimuovere erba non troppo stopposa. La fascia media, invece, include tutti i modelli che vanno oritentativamente dai 100 ai 150 € ed è la scelta ideale per giardinetti di dimensioni medie, mentre se volete sradicare grossi cespugli o avete un giardino molto grande su cui lavorare vi informiamo che dovrete acquistare un modello collocato in fascia di prezzo alta, con prezzi di dirca 180-200 € a salire, fino ad arrivare anche agli oltre 500 € per modelli di tipo professionale.

Quali sono i migliori decespugliatori del 2017?

La tabella dei migliori decespugliatori del 2017 scelti dalla redazione di QualeScegliere.it

Prodotto Voto finale Recensione
AL-KO BC 4535 II Premium 8,5 Recensione
Bosch AMW 10 RT 8 Recensione
Bosch ART 23 SL 6,9 Recensione
Black & Decker ST5530 7,2 Recensione
Hyundai Power Equipment LDBC330 8,1 Recensione

Decespugliatori: tutti i prodotti recensiti

Domande e risposte su Decespugliatore

  1. 0
    Domanda di Marisa Bonetta | 13 maggio 2017 at 20:10

    In quale negozio della provincia di Brescia posso trovare il decespugliatore Shindawa?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 15 maggio 2017 at 13:39

      Puoi acquistare un modello con motore Shindawa direttamente online e fartelo recapitare a casa, non conosciamo negozi fisici a Brescia dove poterlo acquistare.

  2. 0
    Domanda di Marco | 8 maggio 2017 at 22:00

    Vorrei acquistare un decespugliatore semi professionale o professionale non saprei orientarmi se acquististarlo di marca italiana.grazie!

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 9 maggio 2017 at 16:34

      Noi consideriamo tra i migliori in assoluto il modello AL-KO BC 4535 II Premium, leggendo la recensione capirai se può soddisfare le tue esigenze o meno.

  3. 0
    Domanda di domenico | 14 aprile 2017 at 19:21

    Buona sera, desidero acquistare un decespugliatore multifunzione che sia il più leggero possibile, ergonomico, affidabile e senza cavo. Consigli?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 17 aprile 2017 at 13:20

      Non capiamo se cerchi un prodotto a batteria o a scoppio, senza cavo puoi comunque vedere il Hyundai Power Equipment LDBC330, molto apprezzato per la maneggevolezza.

  4. 0
    Domanda di leonardo | 13 aprile 2017 at 22:23

    come posso considerare il decespugliatore della ditta parcker mod pgbc da 52 cc?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 14 aprile 2017 at 15:17

      Non conosciamo quel modello, non troviamo informazioni, ma possiamo indicarti l’ottimo AL-KO BC 4535 II Premium per un utilizo rapido e dall’eccellente maneggevolezza.

  5. 0
    Domanda di Linda | 7 luglio 2016 at 23:44

    Buongiorno. Esiste un decespugliatore elettrico con la bobina automatica già avvolta e con filo robusto per ortiche , erba arbusti in mezzo a sassi?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 8 luglio 2016 at 09:33

      Non ci risulta che in commercio ci siano modelli con queste caratteristiche, se vuoi un prodotto dalle buone prestazioni possiamo indicarti il AL-KO BC 4535 II Premium.

  6. 0
    Domanda di Pietro | 14 maggio 2016 at 20:47

    ogni anno sono costretto a tagliare erba abbastanza alta per una superficie di 6.000 mq. circa. Quindi lavoro senza interruzioni per due/3 giornate

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 18 maggio 2016 at 12:46

      Per un lavoro continuo e un terreno di ampie dimensioni, consigliamo un buon decespugliatore a benzina: AL-KO BC 4535 II Premium, molto potente per un lavoro rapido e continuativo.

  7. 0
    Domanda di Francesco | 5 maggio 2016 at 18:18

    devo lavorare su un terreno un poco scosceso e con presenza di erba stopposa e spessa e di canne. Ero orientato sulla stihl. La consigliate?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 9 maggio 2016 at 09:38

      Possiamo indicarti il modello AL-KO BC 4535 II Premium, che dovrebbe poter soddisfare la tua richiesta.

  8. 0
    Domanda di carmine | 3 maggio 2016 at 09:57

    uso l’attrezzo saltuariamente e per un giardino di circa 2000 mq vorrei spendere sulle 150/200 euro poss motore 4tp, grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 3 maggio 2016 at 11:30

      Considerando la spesa massima che vuoi sostenere, nonché la qualità del prodotto stesso, possiamo indicarti il AL-KO BC 4535 II Premium, dotato di un motore di buona potenza e facile manovra grazie all’impugnatura di tipo “bike”.

  9. 0
    Domanda di ROBERTO | 24 aprile 2016 at 12:21

    Salve,
    taglio erba su terreno poco scosceso tipo di decespugliatore consigliate?
    Marca, scoppio , a batteria,leggero, prezzo medio.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 25 aprile 2016 at 17:39

      Ti consigliamo il modello Bosch AMW 10 RT, leggero e maneggevole, molto comodo da utilizzare anche su terreni scoscesi.

  10. -1
    Domanda di giancarlo | 16 dicembre 2016 at 14:24

    tagliabordi elettrico, rifiniture marciapiedi, pietre muretti confine, 130 ml in tutto. meglio il nylon + grosso, dura di più? spesa 80/120. Grazie.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 16 dicembre 2016 at 15:20

      In realazione alla spesa indicata puoi vedere il modello Bosch AMW 10 RT, molto maneggevole e dotato di buona potenza.

"Decespugliatore": hai dubbi? Facci una domanda!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecco i migliori tre prodotti della categoria.

8 visitatori su 10 approfittano di queste offerte.

Il migliore in assoluto

AL-KO BC 4535 II Premium

Miglior prezzo: 169,90€

Il miglior rapporto qualità-prezzo

Bosch AMW 10 RT

Miglior prezzo: 175,25€

Il più venduto

Bosch ART 23 SL

Miglior prezzo: 34,90€