I migliori cardiofrequenzimetri del 2017

Confronta i migliori cardiofrequenzimetri del 2017 e leggi la nostra guida all'acquisto.
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa

5 Fattori decisivi per la scelta del cardiofrequenzimetro

1. Tipologia

Il fattore tipologia si riferisce alla struttura fisica del cardiofrequenzimetro ed è un parametro molto importante da valutare prima dell’acquisto di un prodotto in quanto ne influenza l’accuratezza della rilevazione e la comodità durante l’allenamento (che è comunque molto soggettiva e varia di persona in persona). La tipologia di un cardiofrequenzimetro determina anche altre caratteristiche del prodotto quali, ad esempio, la connettività e le sue funzioni, di cui però ci occuperemo nel dettaglio nei paragrafi seguenti. Di seguito, un elenco delle varie tipologie di cardiofrequenzimetri esistenti, di cui illustriamo brevemente le principali caratteristiche, i vantaggi e gli svantaggi.

Orologio ricevitore e fascia toracica

cardiofrequenzimetro fascia toracica

Cardiofrequenzimetro composto da orologio e fascia toracica

Questa è la tipologia più “classica” e diffusa di cardiofrequenzimetro: consiste in una fascia toracica al cui interno è presente un sensore della frequenza cardiaca. L’utente deve indossare la fascia ogni volta che si allena (inumidendola un po’ e posizionandola direttamente a contatto con la pelle all’altezza del cuore). Questa è collegata a un orologio o bracciale ricevitore da polso tramite segnali elettromagnetici, che verranno codificati al suo interno. Il sensore rileva l’attività del cuore sotto sforzo e invia i dati registrati all’orologio, il cui display ne permette la visualizzazione. A proposito del display, questo permette di visualizzare anche altre informazioni, in base alle funzioni di cui è dotato l’apparecchio in questione. Come già detto, questo è il tipo di cardiofrequenzimetro più gettonato e di questa tipologia è possibile trovare sul mercato prodotti appartenenti a fasce di prezzo molto diverse tra loro.

Orologio

cardiofrequenzimetro polso

Un cardiofrequenzimetro da polso

Il cardiofrequenzimetro a orologio (o braccialetto) non necessita del sensore di frequenza cardiaca posizionato nella fascia toracica, perché ne possiede uno all’interno del cinturino che rileva il battito, e può visualizzarlo in due modi: o direttamente sul display, o su un dispositivo come smartphone o tablet, collegato al cardiofrequenzimetro via Bluetooth.

Fascia toracica

fascia toracica

Corretto posizionamento della fascia toracica

Questa tipologia di cardiofrequenzimetro consiste nella sola fascia toracica che, invece di collegarsi ad un accessorio da polso, si collega direttamente ad uno smartphone tramite il download di un’applicazione. Questa tipologia è quella preferita dai corridori, dai nuotatori e in generale da tutti coloro che preferiscono non avere un orologio o un braccialetto addosso, che potrebbe dare fastidio o risultare poco pratico durante l’attività sportiva.
Prodotti sofisticati e completi, che di solito hanno anche un costo medio-alto, offrono a volte la possibilità di indossare o montare dei supporti aggiuntivi che servono a rilevare specifiche misurazioni relativamente ad un’attività sportiva in particolare: è il caso del sensore per il numero di giri al minuto nel caso di cardiofrequenzimetro da ciclismo, oppure di bracciate al minuto nel caso del nuoto.

2. Informazioni fornite

cardiofrequenzimetro display

Un ampio display permette la visualizzazione simultanea di molte informazioni

Questo fattore è dedicato alla quantità e alla tipologia di dati che un cardiofrequenzimetro è in grado di raccogliere per l’utente ed è decisivo nella scelta di un modello piuttosto che di un altro poiché in base all’utilizzo che si vuole fare dello strumento, al tipo di attività fisica che si svolge e al livello con cui la svolge, è necessario privilegiare strumenti che forniscono determinate informazioni in maniera più specifica. In generale, la frequenza cardiaca è sempre monitorata in maniera precisa (tramite fascia toracica o tramite sensore inserito nel dispositivo da polso) e in tempo reale, tenendo presenti anche i valori che l’utente dovrebbe sempre rispettare per un allenamento sicuro che non affatichi troppo il cuore.
Prima di utilizzare il cardiofrequenzimetro infatti, si inseriscono informazioni personali quali il sesso, l’età, il peso, l’altezza, il livello d’allenamento e altri dati che servono a produrre un profilo dell’utilizzatore. Si indiviuda cioè una “target zone”, ovvero un range di battiti cardiaci entro cui l’utente dovrebbe rientrare durante lo sport e, in base a quanto sofisticato è il cardiofrequenzimetro, quest’impostazione può essere manuale o automatica e lo strumento può emettere alcuni segnali visivi o acustici per segnalare all’utente che la frequenza cardiaca minima/massima non è rispettata.
I modelli più avanzati possono riportare informazioni più dettagliate come, ad esempio, il carico di lavoro a cui si sottopone l’utente e i tempi di recupero necessari per continuare durante l’allenamento senza affaticare troppo muscoli e cuore.
Infine, i modelli che funzionano anche da activity tracker sono in grado di rilevare e fornire una molto più vasta gamma di informazioni, quali i passi compiuti in un giorno, le calorie bruciate, le ore di sonno per notte e molto altro ancora.

3. Funzioni

Il fattore relativo alle funzioni include tutte le possibilità aggiuntive alla semplice rilevazione dell’attività cardiaca di cui un cardiofrequenzimetro può essere dotato e che ne influenzano l’utilizzo e soprattutto il prezzo finale, motivo per cui risulta un fattore importante da considerare durante il processo d’acquisto di un prodotto, soprattutto poiché alcune di esse sono indispensabili per alcuni utenti, come nel caso dell’impermeabilità per chi pratica nuoto. Com’è facile immaginare, ad un alto numero di funzioni corrisponde un prodotto più sofisticato ed inevitabilmente più caro. Bisognerà comunque controllare che le funzioni disponibili siano effettivamente necessarie, altrimenti un modello con funzionamento più essenziale (e meno costoso!) potrà comunque rappresentare una valida scelta. Ecco un elenco completo di tutte le funzioni presenti in un cardiofrequenzimetro:

  • Memoria: questa funzione permette di salvare nel proprio dispositivo i risultati degli allenamenti precedenti, in modo da poter monitorare i propri progressi.Questa funzione può variare non solo per capienza della memoria stessa, ma anche, e soprattutto, per il numero di utenti che possono usufruirne; tendenzialmente, i prodotti più economici prevedono la registrazione di un solo utente, mentre quelli più avanzati possono registrare i dati anche di quattro persone
  • Waterproof: grazie all’impiego di speciali materiali per riversitre il cardiofrequenzimetro, questo potrà resistere al contatto con l’acqua. Alcuni modelli possono “sopportare” alcuni schizzi o veloci immersioni, mentre altri possono essere utilizzati durante lo svolgimento di attività sportive in acqua ed arrivare a funzionare anche fino a 50 m di profondità
  • GPS integrato: grazie a questo dispositivo integrato, il cardiofrequenzimetro non si limiterà a registrare, ad esempio, i chilometri percorsi, ma terrà traccia delle strade e dei percorsi che si sono effettuati
  • Cronometro: molti cardiofrequenzimetri prevedono una funzione dedicata al monitoraggio del tempo, ovvero includono un cronometro, il conto alla rovescia, la funzione di sveglia, ma anche quella più classica di orologio
  • Funzione multi-sport: è una possibilità utile se volete dedicarvi a diverse discipline sportive e presente solo nei modelli più sofsticati che, quando opportunamente attivati, rilevano i tempi di transizione tra un’attività e l’altra
  • Activity tracker: con questo termine non ci si riferisce ad una funzione nello specifico ma, più in generale, alla possibilità che offrono i cardiofrequenzimetri di fascia di prezzo medio-alta e alta di rilevare e registrare altre attività, quali i passi compiuti in un giorno, le ore di sonno, i piani di scale saliti e tanto altro ancora

4. Connettività

Il fattore connettività fa riferimento alla capacità di un cardiofrequenzimetro di connettersi anche ad altri dispositivi in modo da inviare a questi i dati registrati, sia per monitorarli in tempo reale che in un secondo momento successivo all’allenamento.

Nessuna connessione wireless

Nel caso di un cardiofrequenzimetro con fascia toracica e orologio ricevitore di tipo tradizionale e senza l’opzione di connessione ad altri strumenti (ad esclusione dei segnali elettromagnetici con cui fascia e orologio “comunicano” tra loro) gli unici dati rilevati verranno visualizzati e memorizzati all’interno dello strumento stesso (a meno che questo non sia dotato di un cavo USB che permette anche di scaricare in un secondo momento queste informazioni su pc, ma senza avvalersi di una connessione senza fili).

Connessione Bluetooth o Wifi

cardiofrequenzimetro connettività

Alcuni cardiofrequenzimetri si connettono via Bluetooth allo smartphone

Altri apparecchi invece prevedono una connessione Bluetooth o Wifi che permette di creare una vera e propria rete di comunicazione tra il proprio cardiofrequenzimetro e lo smartphone o tablet; è il caso, ad esempio, degli strumenti che prevedono la sola fascia cardiaca che, grazie ad un sensore interno, rileva il battito cardiaco e invia i dati direttamente al dispositivo mobile con cui è stato precedentemente configurato. Anche i modelli dotati sia di fascia che di orologio ricevitore possono prevedere una connessione ad altri dispositivi con cui è possibile visualizzare direttamente sul cellulare e/o sul proprio computer tutti i dati relativi agli allenamenti, con statistiche e altre funzioni. I modelli con connessione Bluetooth più sofisticati permettono anche di visualizzare direttamente sul display del cardiofrequenzimetro se sul nostro smartphone ci sono messaggi ricevuti, chiamate perse o in arrivo. Infine, un’altra possibilità è quella di scaricare sullo smartphone un’applicazione dedicata al fitness per visualizzare i dati di ogni sessione d’allenamento, monitorare le proprie statistiche e anche condividere i propri risultati con altri utenti o amici e sfidarli in gare virtuali.

5. Design

cardiofrequenzimetro design

Il design è un fattore importante da tenere in considerazione

Il fattore design risulta essere importante anche se probabilmente non tra i pincipali criteri di selezione nell’acquisto del proprio cardiofrequenzimetro. È comunque importante dare un certo peso all’aspetto estetico, visto che questi apparecchi vengono utilizzati da alcuni utenti con cadenza quotidiana o a volte anche in più sessioni nel corso della stessa giornata. Inoltre, nel caso ad esempio di cardiofrequenzimetri con funzione di activity tracker integrata, risulterà particolarmente importante scegliere un modello che corrisponda ai propri gusti personali e che sia facilmente abbinabile al proprio abbigliamento quotidiano e non solo a quello sportivo, visto che questi strumenti servono a monitorare il proprio livello di attività durante tutto l’arco della giornata e non soltanto durante le sessioni d’allenamento.
Valutare il design del proprio cardiofrequenzimetro significa anche considerare aspetti quali la gamma di colori disponibile, l’ergonomia, il comfort del cinturino o della fascia toracica, la dimensione del display e, in generale, lo stile che contraddistingue questo prodotto, assicurandosi che il prodotto prescelto sia comodo e allo stesso tempo in linea con i propri gusti.

Altri fattori da tenere in mente per la scelta del cardiofrequenzimetro

I materiali sono importanti?

I cardiofrequenzimetri non si distinguono particolarmente per un’ampia gamma di materiali impiegati, anzi, sono quasi tutti costituiti esternamente in materiali plastici e/o gommati. Ciò che realmente li differenzia, a parte i dettagli nel design, è la robustezza delle plastiche impiegate insieme, ad esempio, all’elasticità e al comfort offerto dalla fascia toracica (nel modelli che la prevedono). Un altro aspetto che differenzia un cardiofrequenzimetro dall’altro è sicuramente la tipologia di display, che può essere più o meno resistente agli agenti esterni e all’usura (si pensi, ad esempio, a chi si allena all’aria aperta o a chi utilizza strumenti da montare su una bicicletta da corsa). Infine, il materiale è importante anche in base alle esigenze specifiche dell’utente: bisognerà ad esempio considerare sicuramente la qualità del rivestimento esterno che, nel caso di utenti interessati ad utilizzare il cardiofrequenzimetro in acqua o in sua prossimità, deve necessariamente essere di tipo impermeabile.

La marca è importante?

In commercio troverete diverse aziende dedite alla produzione e vendita di cardiofrequenzimetri di diversa tipologia, caratteristiche e fascia di prezzo. Il nostro consiglio non è tanto quello di preferire un brand nello specifico, quanto piuttosto di scegliere un marchio che sia conosciuto, principalmente per due ragioni. La prima è che in questo modo si può essere certi di acquistare un prodotto che non sia solo efficiente nella performance, ma che possa soprattutto essere uno strumento preciso e affidabile, calibrato sui parametri dell’utente che deve utilizzarlo e in grado di riferire dei dati certi, elemento molto importante quando si vuole monitorare la propria attività cardiaca sotto sforzo. La seconda ragione è quella relativa al servizio di post-vendita, sia per reperire eventuali pezzi di ricambio che per contattare il servizio di assistenza clienti, qualora fosse necessario. La scelta ottimale sarebbe, quindi, quella di rivolgersi sempre a marchi noti, tra i più diffusi citiamo Polar che è attualmente uno tra i leader indiscussi del settore, seguito da Fitbit, Oregon Scientific, Runtastic, Garmin. Beurer, Tomtom.

Il prezzo è importante?

Il prezzo è importante se si è consapevoli del fatto che la cifra che si spende per il proprio cardiofrequenzimetro è un elemento indicativo di una serie di caratteristiche e funzioni del prodotto stesso. Il costo di questo strumento può variare parecchio ed infatti in commercio troviamo dei modelli che partono da un prezzo di circa 30€ fino ad arrivare a modelli che superano i 300 €, ed è quindi importante capire come mai un modello può costare molto più di un altro. Questa variazione di prezzo è dovuta a caratteristiche sia strutturali che funzionali, e quindi il costo finale suggerisce, ad esempio, il numero di informazioni che il cardiofrequenzimetro è in grado di fornire, le funzioni di cui è dotato, la durata della batteria e tanto altro ancora. Com’è probabilmente facile immaginare, ai prezzi più contenuti corrispondono dei cardiofrequenzimetri dotati di un funzionamento essenziale e meno sofisticato e anche di un design meno curato, magari disponibili in una gamma di colori ridotta rispetto a modelli più costosi e dalle linee moderne. La scelta è quindi da compiere in base alle esigenze e alle aspettative che si nutrono nei confronti del prodotto, in modo da essere certi di spendere una cifra in linea sì con il il proprio budget, ma soprattutto adeguata alle caratteristiche dello strumento acquistato.

Quali sono i migliori cardiofrequenzimetri del 2017?

La tabella dei migliori cardiofrequenzimetri del 2017 scelti dalla redazione di QualeScegliere.it

Prodotto Voto finale Recensione
Garmin Forerunner 235 9,7 Recensione
Polar M400 8,7 Recensione
Sigma PC 25.10 7,4 Recensione
Sigma PC 10.11 7,7 Recensione
Polar A300 HR 8,2 Recensione

Cardiofrequenzimetri: tutti i prodotti recensiti

Domande e risposte su Cardiofrequenzimetro

  1. 3
    Domanda di Savino | 9 luglio 2016 at 15:47

    Scusate per la mtb oltre al berer pm 18 che mi avete consigliato mi dite un’altri modelli senza fascia con altitudine ecc. Anche piu costosi. Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 11 luglio 2016 at 13:15

      Un modello di alta qualità, che al momento gode di un’ottima offerta, senza dubbio è il Garmin Forerunner 620 GPS, oppure, per spendere ancora meno ci sarebbe il Garmin Vívoactive Smartwatch.

  2. 1
    Domanda di francesco | 9 dicembre 2016 at 17:23

    Salve, sono alla ricerca di un cardiofrequenzimetro con possibilità di monitorare anche la pressione arteriosa, che devo controllare. Esistono?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 12 dicembre 2016 at 09:34

      Ci sono modelli appositi per il monitoraggio della pressione arteriosa, abbiamo però anche visto dei prodotti che dispongono sia di cardiofrequenzimetro che di misurazione della pressione: AUPALLA 21BP, non lo conosciamo ancora bene, ma sembra poter soddisfare la tua richiesta.

  3. 0
    Domanda di Jeannette | 3 luglio 2017 at 14:46

    Ne cerco un però che vada in acqua non troppo costoso. Mi serve x controllare il mio cuore avendo una stenosi della valvola aortica .

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 4 luglio 2017 at 17:57

      Al momento c’è un’ottima offerta per il Polar FT7 , resistente sino a 30 m di profondità.

  4. 0
    Domanda di marzia | 28 gennaio 2017 at 08:37

    vorrei iniziare a correre ma devo controllare i battiti cardiaci cerco un cardiofreq. preciso nella misurazione entro 50 euro no GPS. Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 30 gennaio 2017 at 17:48

      Senza spendere troppo puoi vedere il Sigma PC 25.10, perfetto per iniziare, dotato di fascia toracica per rilevare la frequenza cardiaca.

  5. 0
    Domanda di Maria | 13 gennaio 2017 at 08:14

    Salve,vorrei un buon cardiofrequenzimetro senza fascia toracica che misuri le kcal tutto il giorno. Faccio palestra pesi e cardio(spinning,vogatore)

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 13 gennaio 2017 at 12:41

      L’utilizzo della fascia toracica è sempre consigliabile, più preciso, secondo noi potresti pensare al Fitbit Charge HR, un activity tracker dotato di cardiofrequenzimetro incorporato.

  6. 0
    Domanda di Max | 21 novembre 2016 at 12:39

    Buongiorno. Vorrei cambiare il mio cardio: un Polar F 11 e sostituirlo con un modelllo con gps integrato potendo usare la mia fascia. Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 21 novembre 2016 at 15:44

      I modelli che conosciamo con GPS integrati hanno già la fascia nel più dei casi, come il modello Polar M400, ma non crediamo che la tua sia compatibile e non troviamo feedback in merito, l’unica soluzione è chiedere direttamente alla Polar, facci sapere.

  7. 0
    Domanda di Daniela | 18 novembre 2016 at 12:09

    Mi potete dare un opinione sul Polar ft60 – rcx3 – m400 hr – ft7 – ft4f. Quale scegliere??
    Grazie.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 18 novembre 2016 at 15:02

      Tra quelli che indichi possiamo consigliarti il modello Polar M400 che è quello che meglio conosciamo, leggendo la recensione capirai se fa per te o meno, altrimenti dovresti darci maggiori informazioni su quelle che sono le tue esigenze.

  8. 0
    Domanda di Daniela | 18 novembre 2016 at 10:05

    Dovendo scegliere, il cardio con la fascia è più preciso di quello senza? Tenete conto che non una grande sportiva, cammino veloce e joggin.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 18 novembre 2016 at 15:04

      Ripetiamo che il Polar M400 è assolutamente sicuro per quanto riguarda il rilevamento dei battiti cardiaci, ti giriamo uno dei tanti feedback relativi a questo punto: “… c’è una fascia con il sensore all’interno della confezione. Questa soluzione è di gran lunga più precisa per il rilevamento dei battiti cardiaci rispetto agli apparecchi che lo fanno tramite led …“.

  9. 0
    Domanda di alessandro | 13 settembre 2016 at 15:27

    complimenti per il lavoro svolto! per un cardio dalla bici alla piscina alla corsa, senza notifiche di telefoni o altro, magari anche per la montagna?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 14 settembre 2016 at 10:57

      Il modello Polar V800 fa sicuramente al caso tuo, adatto per il nuoto per tutti i tipi di sport, con GPS integrato e uno schermo ben visibile.

  10. 0
    Domanda di Massimo | 15 luglio 2016 at 15:01

    Ho la necessità di monit semp ed istant la Fc precisa cerco un prodotto da usare tutto il dì senza fascia e cn, magari solo x il nuoto ancor tante gr

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 15 luglio 2016 at 15:51

      Particolarmente indicato per il nuoto c’è il modello Garmin Swim, ricco di funzioni e pratico da utilizzare.

  11. 0
    Domanda di Massimo | 15 luglio 2016 at 14:52

    m indicate cortesemente uno o più cardiofreq ot-buon x il di’ – jogging senza fascia e da utilizzare poi anche x il nuoto mare-piscina cn ev fascia

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 15 luglio 2016 at 15:55

      Una soluzione adatta alle tue esigenze può essere il Polar A300 HR, prodotto completo adatto a diversi sport, tra cui il nuoto.

  12. 0
    Domanda di nadia | 10 luglio 2016 at 14:48

    Salve, ho un ProForm Endurance S7; quali cardiofrequenzimetri economici si connettono direttamente col display del mio tapis roulant? Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 11 luglio 2016 at 12:41

      Puoi prendere in considerazione il TomTom Runner 2, consigliato anche per l’utilizzo con il tapis roulant.

  13. 0
    Domanda di Savino | 8 luglio 2016 at 12:02

    Potete darmi un consiglio al fine di poter acquistare un cardiofrequenzimetro senza fascia cardio da poter utilizzare in mtb. Grazie.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 8 luglio 2016 at 17:05

      Se vuoi un prodotto senza fascia puoi vedere il modello da polso Beurer PM 18, la fascia è un optional che potrai comunque acquistare in un secondo momento.

  14. 0
    Domanda di Marco | 7 luglio 2016 at 15:34

    Buonasera, faccio running e e vorrei monitorare frequenza cardiaca,tempo, distanza e velocità. È meglio con o senza fascia? potete aiutarmi? Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 8 luglio 2016 at 09:37

      La fascia aiuta ad avere maggior precisione, poiché si trova proprio nella zona più interessata, se vuoi un modello di alta qualità vedi il Polar V800.

  15. 0
    Domanda di Agostino | 6 luglio 2016 at 15:24

    Mi servirebbe un cardiofrequenzimetro economico, senza fascia consigliato per bici da corsa

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 7 luglio 2016 at 10:56

      Puoi prendere in considerazione il Sigma PC 15.11, uno dei migliori prodotti di fascia bassa, oppure, vedere anche il Garmin Vívofit.

  16. 0
    Domanda di riccardo | 3 luglio 2016 at 16:34

    salve, qual’è il più preciso cardiofrequenzimetro con o senza fascia in commercio? grazie.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 6 luglio 2016 at 11:39

      Noi consideriamo il Polar V800 come il modello più preciso, ideale anche per sport particolarmente dinamici, e con diverse funzioni a disposizione.

  17. 0
    Domanda di paola | 30 giugno 2016 at 21:26

    Ciao, dovrei acquistare un nuovo cardio, avevo un polar ft4 ed era ok. Cosa mi consigliereste? rimanendo sempre su polar con fascia. grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 1 luglio 2016 at 11:25

      Consideriamo il Polar M400 come il miglior rapporto qualità-prezzo, con GPS e activy tracker integrato, ma leggendo la recensione scoprirai anche gli altri vantaggi di questo prodotto.

  18. 0
    Domanda di Della | 29 giugno 2016 at 12:29

    Buongiorno, a me servirebbe un cardiofrequenzimetro da polso poco ingombrante ed economico, ma affidabile. Non mi interessano altre funzioni. Grazie.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 29 giugno 2016 at 16:12

      Possiamo consigliarti il modello Sigma PC 15.11, prodotto economico da polso, un marchio sicuro e molto semplice da utilizzare.

  19. 0
    Domanda di Elettra | 18 giugno 2016 at 01:03

    Sto cercando un cardiofrequenzimetro da polso, niente fascia, che misuri anche la distanza percorsa e il tempo trascorso. Non costosissimo magari.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 20 giugno 2016 at 08:56

      Possiamo indicarti il modello TomTom Runner Cardio, un vero e proprio orologio con GPS e che non necessita della fascia toracica per il suo utilizzo.

  20. 0
    Domanda di Domenico | 13 giugno 2016 at 14:56

    Salve, vorrei un cardiofrequenzimetro da polso in modo da non utilizzare la fascia e che sia compatibile con Runtastic. Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 14 giugno 2016 at 12:40

      Il Fitbit Charge HR, che è anche un activity tracker, prevede un cardiorequenzimetro da polso e può essere utilizzato con App. come Runtastic.

  21. 0
    Domanda di antonio | 3 giugno 2016 at 15:19

    salve,dopo angioplastica preventiva hanno consigliato un cardiofrequenzimetro con fascia molto preciso.polar?
    .

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 6 giugno 2016 at 14:44

      Potresti valutare il Polar FT1 che è un cardiofrequenzimetro semplice (visto che non include anche funzioni extra come il conteggio calorie, l’utilizzo per il nuoto o altro) ma affidabile e preciso, con fascia cardiaca inclusa.

  22. 0
    Domanda di Antonio | 30 maggio 2016 at 20:05

    Salve,
    Quale potrebbe essere il mio cardiofrequenzimetro senza fascia preciso che non sia eccessivamente costoso? Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 6 giugno 2016 at 12:26

      Ti consigliamo di valutare il Beurer PM 18 che funziona senza fascia cardiaca, ha un prezzo contenuto ed è affidabile e preciso nelle misurazioni.

  23. 0
    Domanda di Michele | 17 aprile 2016 at 01:00

    Salve, ho bisogno di un ciò soglio. Mi saprebbe consigliare una fascia da collegare ad un iPhone che sia precisa? Per me l’unico parametro è quello

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 19 aprile 2016 at 11:13

      La fascia cardiaca Polar H7 è compatibile con iPhone 4S e dispositivi successivi (a cui si collega via Bluetooth) ed è precisa nelle misurazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecco i migliori tre prodotti della categoria.

8 visitatori su 10 approfittano di queste offerte.

Il migliore in assoluto

Garmin Forerunner 235

Miglior prezzo: 238,00€

Il miglior rapporto qualità-prezzo

Polar M400

Miglior prezzo: 105,00€

Il più venduto

Sigma PC 25.10

Miglior prezzo: 50,99€