I migliori box bambini del 2017

Confronta i migliori box bambini del 2017 e leggi la nostra guida all'acquisto.
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa
Migliori offerte
Spedizione inclusa

4 Fattori decisivi per la scelta del box bambini

1. Struttura

Diciamolo chiaramente: il box non è esattamente l'oggetto più amato dai bambini. Questo spazio delimitato da alte reti, dal quale sembra impossibile uscire autonomamente senza l'aiuto di un adulto, è infatti spesso interpretato come una punizione e sono tanti i piccoli che piangono e si disperano non appena capiscono che stanno per esserci messi dentro.
Tanto è (spesso) odiato dai più piccoli, tanto invece è amato dai genitori, i quali, sapendo il figlio al sicuro, possono dedicarsi con tranquillità ad altre attività, come lavorare o preparare la cena.
Come fare allora a conciliare queste due prospettive? In questa guida ti illustreremo tutti i dettagli a cui prestare attenzione per scegliere un box che sia allo stesso tempo sicuro e confortevole, e che agli occhi di un bambino possa apparire più come una tana piena di giochi che come la caverna del mostro.
Box bambini struttura

Box o recinto?

La prima cosa a cui prestare attenzione è la struttura del box. Di base si può dire che esistono due categorie di box per bambini, entrambe nate con lo scopo di delimitare un'area gioco sicura all'interno della quale i bambini possano muoversi e giocare in libertà: il box vero e proprio ed il recinto per bambini. Quest'ultimo consiste solitamente in un sistema modulare che può essere espandibile e che ha il vantaggio di poter essere disposto in modo libero.
Inoltre i pali della recinzione sono solitamente più bassi rispetto alle spondine del box, ed è spesso presente un cancelletto che consente al genitore di accedere all'interno evitando che il bambino colleghi lo spazio all'interno del recinto con una sensazione di isolamento (cosa non chiaramente possibile con il box classico, non accessibile al genitore).
Box bambini vs recinto
Per contro, i pali devono essere appoggiati o sul pavimento nudo o su un tappeto, entrambe soluzioni non ideali: il pavimento infatti potrebbe risultare duro e freddo per il bambino, mentre il tappeto è il luogo per eccellenza dove si accumulano gli acari della polvere.
Un soluzione potrebbe essere quella di interporre una coperta, la quale tuttavia dovrebbe essere lavata con frequenza e verrebbe continuamente spostata dal bambino giocando. Inoltre i prezzi dei recinti non sono inferiori a quelli dei box, anzi rientrano solitamente in una fascia di prezzo medio-alta.
Viceversa i box possono avere anche un prezzo molto ridotto, e hanno il vantaggio di poter essere collocati ovunque: nulla vieta poi di arricchire un box con una copertina, per renderlo ancora più confortevole, e di tutti i giochi preferiti dal piccolo.
Ricordiamo che se si decide di optare per un box, è importante verificare fino a che età può essere utilizzato: in genere sono omologati dalla nascita fino al raggiungimento dei 15 kg, dunque fino ai circa 2 anni e mezzo di vita.

Sviluppare l'indipendenza

Per i bambini è importante avere gli strumenti necessari per imparare a sviluppare le proprie capacità motorie.
Basti pensare a quanti progressi si fanno nei primi anni di vita: da imparare a girarsi da soli in posizione supina, ad afferrare il cucchiaio per mangiare, a muovere i primi passi e parlare.
È importante dunque che tutti gli oggetti con cui entrerà in relazione il bambino gli forniscano gli strumenti adatti allo sviluppo delle sue capacità, box compreso. A questo scopo è dunque preferibile optare per un modello dotato di anelli di sostegno lungo i bordi, che il bambino potrà afferrare per imparare ad alzarsi da solo e per tenersi in piedi.
Box bambini con anelli di sostegno
Un'altra caratteristica utile, da non sottovalutare, è la possibilità di aprire un lato della rete grazie ad una cerniera (con la zip chiaramente rivolta verso l'esterno in modo che solo il genitore possa aprirla): grazie ad essa il bambino potrà infatti sentirsi grande entrando e uscendo autonomamente dal box senza bisogno di essere preso in braccio, e genitori e parenti non correranno il rischio di fare movimenti sbagliati con la schiena.
Box bambino apertura laterale

2. Sicurezza

Subito dopo averne valutato le caratteristiche strutturali, è fondamentale assicurarsi che tutti i componenti del box siano sicuri e a prova di bimbi.
Innanzitutto è fondamentale che la struttura sia stabile (chiaramente per esserlo dovrà anche essere appoggiata ad una superficie priva di dislivelli). Diversi produttori mettono in evidenza sulla scheda del prodotto i test di stabilità a cui il box è stato sottoposto per verificare che sia stabile non solo lateralmente, ma anche frontalmente.
Questi test sono di grossa importanza, perché assicurano che il box non si rovescerà anche se il bambino dovesse tentare con tutte le sue forze di scappare.
Va inoltre ricordato che, non appena spunteranno i primi dentini, i bimbi inizieranno a testarne l'utilità, mettendo in bocca (come già prima facevano) e mordendo tutto ciò che li circonda: il corrimano dovrebbe dunque essere a prova di morsi per evitare che l'imbottitura si sgretoli sotto i denti e che possa essere ingerita dai bambini.
A tal proposito sottolineiamo l'importanza di assicurarsi, nel caso in cui il box avesse inserti in PVC, che questo sia assolutamente privo di ftalati, sostanze chimiche tossiche per la salute dei bambini.
Infine è opportuno sincerarsi che anche le maglie della rete siano sufficientemente strette da impedire che qualcosa vi rimanga impigliato: non solo le dita dei bambini, ma anche cucci o catenelle.

3. Praticità e manutenzione

Un'analisi della comodità di utilizzo di un prodotto e del tempo richiesto per la manutenzione non è da sottovalutare quando si tratta di prodotti per l'infanzia, in quanto toccherà al genitore, le cui giornate dopo la nascita del figlio sembreranno sempre troppo corte per fare tutto, occuparsi della pulizia e della manutenzione. Per quanto riguarda il box, sono due i criteri da considerare: quanto è facile da lavare e se è comodo da trasportare.

Il lavaggio

Nella maggior parte dei casi il box è lavabile con un semplice panno umido: la pulizia dunque è molto veloce, ma potrebbe risultare parecchio scomoda da effettuare, perché per pulire il tappetino sul fondo il genitore dovrà piegarsi sopra il box o, nei casi migliori, lavarlo dall'apertura laterale della rete.
In alcuni casi tuttavia è possibile trovare un materassino sfoderabile e lavabile in lavatrice a 30 °C, in modo da rendere la pulizia ancora più rapida e profonda.

Il trasporto

Alcuni genitori potrebbero avere necessità di dover spostare spesso il box da un posto ad un altro, specialmente se hanno intenzione di recarsi frequentemente a casa dei nonni per fare il modo che possano trascorrere del tempo con il nuovo nipotino.
In questi casi potrebbe essere utile verificare che il box sia comodo da trasportare da una casa all'altra, in modo da non dover comprarne uno di riserva da utilizzare solo saltuariamente.
Potrebbe dunque rivelarsi utile optare per un modello con una struttura pieghevole, in modo da poter caricare facilmente il box in macchina senza doverlo montare e smontare ogni volta.
Box bambini struttura pieghevole
Talvolta, compresa nel prezzo del box per bambini, è anche inclusa una borsa per il trasporto, utile per evitare che durante il viaggio si possano rompere, danneggiare, o sporcare alcune parti come, ad esempio, i piedini ed il corrimano.
Anche il peso diventa quindi un fattore importante, specialmente per i genitori single che si trovino a dover fare tutto da soli. La maggior parte dei box ha un peso vicino agli 11 kg, ma esistono alcuni modelli un po' più leggeri, con un peso attorno agli 8 kg: se in casa non dovesse essere presente un ascensore, questo sarà certamente uno dei primi punti da valutare.
Box bambini borsa per il trasporto
Ricordiamo inoltre che il box può trasformarsi anche in utile lettino da viaggio: in questo caso bisognerà verificare che sia dotato anche di un materassino o, in caso contrario, che abbia una forma e delle misure tali da non rendere impossibile la ricerca di un materasso per bambini che si adatti al box.
Box bambini e lettino

4. Comfort e divertimento

Ultimi ma non meno importanti sono tutte quelle caratteristiche e quegli accessori che rendono il box accogliente e piacevole per il piccolo.
Come infatti ricordavamo all'inizio di questa guida, è importante che i bambini si sentano a proprio agio all'interno del box, pena lunghi pianti e capricci che vanificherebbero di fatto i vantaggi dell'acquisto.
Innanzitutto bisogna dunque analizzare le caratteristiche del fondo, che dovrebbe essere abbastanza rigido per sostenere il bambino, ma anche sufficientemente imbottito da non risultare duro e scomodo: se vi ci sentono a proprio agio, i bimbi potrebbero anche addormentarsi nel box stesso, donando al genitore alcune pause di riposo.
In molti modelli il fondo è anche ricoperto da un tappetino removibile che può essere utilizzato anche al di fuori del box come tappeto giochi. Tale tappetino sarà tanto più apprezzabile quanto più colorato e ricco di giochi, perché in questo modo potrà essere sfruttato anche dai bambini di pochi mesi, i quali giocando svilupperanno inoltre le proprie capacità motorie.
Ovviamente in questo caso bisognerà verificare che anche il tappetino sia sufficientemente imbottito, in modo da risultare comodo per il bambino e da isolarlo allo stesso tempo dal freddo che può salire dal pavimento.
Anche la presenza di un archetto giochi ricco di pendenti è utile in questo senso, e combinato al tappetino removibile può trasformare il box in una vera e propria palestrina, utilissima per intrattenere i neonati (se vuoi saperne di più sulle palestrine, puoi trovare qui la nostra guida all'acquisto).
box bambini con palestrina inclusa
Ribadiamo infine che se si ha intenzione di utilizzare il box anche come lettino da viaggio, è consigliabile scegliere un modello già dotato di materassino, in modo da non doverne acquistare uno a parte separatamente con il rischio di aver difficoltà a reperirlo della misura adeguata.

Altri fattori da tenere in mente per la scelta del box bambini

I materiali sono importanti?

Dei materiali abbiamo già avuto modo di parlare al fattore relativo alla sicurezza dei box per bambini. Ribadiamo qui ancora una volta l'importanza di assicurarsi che eventuali componenti in PVC siano privi di ftalati, composti chimici sospettati di provocare a lungo andare problemi all'apparato riproduttivo maschile.
Non ci sono invece grosse differenze per quanto riguarda gli altri componenti: la struttura è infatti generalmente in acciaio, mentre i tessuti sono spesso in poliestere.
Diverso è invece il discorso per quanto riguarda i recinti: in questo caso i materiali più utilizzati sono il legno e il compensato, ma non è difficile trovare anche recinti in plastica. La scelta può essere dettata dalle preferenze personali, sempre con l'accortezza di verificare che le plastiche non contengano ftalati e che il legno non sia stato trattato con vernici pericolose per la salute dei bimbi.

La marca è importante?

Nella scelta di un box per bambini la marca non è importante, ma sono importanti le informazioni fornite dal produttore come, ad esempio, i dati relativi ai materiali utilizzati e ai test di sicurezza a cui è stato sottoposto il prodotto: anche marchi piuttosto famosi nel mondo dei prodotti per l'infanzia non forniscono sempre infatti tutte le informazioni necessarie alla corretta valutazione del prodotto, e non sempre le domande legittime del consumatore trovano risposta.
Fra i marchi che hanno in catalogo uno o più modelli di box per bambini ricordiamo la CAM Il Mondo del Bambino, la Chicco e la Brevi, tutti marchi italiani con una lunga esperienza nel settore.

Il prezzo è importante?

Il prezzo di un box per bambini può variare dai circa 50 ai 150 €. Quello che determina spesso la differenza di prezzo fra un modello e l'altro sono proprio gli accessori, ovvero quei componenti non fondamentali ma utili a rendere il box un posto più confortevole per il bambino. Molto dipende dunque dalle esigenze del genitore: per chi non abbia in casa ancora molti giochi con cui intrattenere il piccolo potrebbe essere utile optare per un modello comprensivo di tappeto e archetto giochi, mentre chi, per regali di parenti o amici o acquisti precedenti, potesse offrire già al bambino un intrattenimento piuttosto variegato, potrà optare anche per un modello più semplice.

Quali sono i migliori box bambini del 2017?

La tabella dei migliori box bambini del 2017 scelti dalla redazione di QualeScegliere.it

Prodotto Voto finale Recensione
Cam B122 Millegiochi 9 Recensione
Brevi Soft & Play Green Farm 8,4 Recensione
Chicco Open Sea 8,1 Recensione
Cam B111 Lusso 7,9 Recensione
Brevi 584 Royal 7,8 Recensione

Box bambini: tutti i prodotti recensiti

"Box bambini": hai dubbi? Facci una domanda!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecco i migliori tre prodotti della categoria.

8 visitatori su 10 approfittano di queste offerte.

Il migliore in assoluto

Cam B122 Millegiochi

Miglior prezzo: 129,01€

Il miglior rapporto qualità-prezzo

Brevi Soft & Play Green Farm

Miglior prezzo: 89,90€

Il più venduto

Chicco Open Sea

Miglior prezzo: 12,99€